Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 13 aprile 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EUROPA - EUROGRUPPO AD UN ANNO DA INIZIO PANDEMIA: CONTINUEREMO A SOSTENERE ECONOMIA AREA EURO FINO A CHE NOSTRA ECONOMIA NON SARA' SALDAMENTE AVVIATA.

(2021-03-15)

Dichiarazione dell'Eurogruppo sulla risposta della politica di bilancio della zona euro alla crisi COVID-19 e il percorso da seguire
"Un anno dopo, il mondo rimane nella morsa della pandemia COVID-19 e continuiamo a concentrarci sull'affrontare le sue conseguenze economiche e sociali. La nostra energica risposta politica a livello nazionale, dell'area dell'euro e dell'UE sta dando i suoi frutti. L'UE ha messo in atto nuovi strumenti comuni di dimensioni senza precedenti, in particolare lo strumento per il recupero e la resilienza (RRF). Continuiamo a sostenere la nostra economia, i cittadini e le imprese in questi tempi di straordinaria salute e disagio economico, mitigando l'impatto della crisi.

L'attivazione della clausola di salvaguardia generale e del quadro temporaneo per gli aiuti di Stato, ha consentito ai governi nazionali di mettere in atto un livello di sostegno fiscale di ampio respiro nel 2020, stimato intorno all'8% del PIL, oltre a schemi di liquidità di circa il 19% del PIL nell'area dell'euro. Questo supera di gran lunga la risposta alla Grande Crisi Finanziaria. Le tre reti di sicurezza europee - SURE to mitigare i rischi di disoccupazione, il Fondo europeo di garanzia della BEI e il sostegno alle crisi pandemiche dell'ESM, concordate nell'aprile 2020 - integrano le risposte nazionali. Indispensabili sono state anche le decisioni di politica monetaria e le indicazioni previsionali della Banca centrale europea, che hanno preservato condizioni favorevoli per tutti i settori dell'economia, e le azioni delle autorità di vigilanza. Insieme, le misure europee hanno sostenuto la fiducia, protetto milioni di posti di lavoro e mezzi di sussistenza e attenuato l'impatto della crisi pandemica sulle aziende, proteggendo così i redditi e la capacità produttiva dai peggiori effetti della pandemia.

Le previsioni dell'inverno 2021 della Commissione hanno confermato che la recessione nel 2020 è stata grave, anche se leggermente inferiore a quella prevista lo scorso autunno. I progressi nello sviluppo di vaccini efficienti e un alto tasso di vaccinazioni sono cruciali per superare la pandemia. Ciò consentirà una maggiore apertura delle nostre economie e una ripresa della crescita. Tuttavia, le prospettive rimangono offuscate dall'incertezza e la ripresa dovrebbe essere disomogenea tra paesi, regioni e settori.

Lo stretto coordinamento del sostegno fiscale all'interno dell'Eurogruppo è stato finora una parte fondamentale della nostra risposta congiunta di politica economica. Il costante e forte coordinamento della politica di bilancio favorevole nell'area dell'euro resta fondamentale per garantire che le nostre economie entrino in una fase di ripresa sostenuta. Accogliamo con favore la comunicazione della Commissione del 3 marzo 2021 "Un anno dallo scoppio del COVID-19: risposta alla politica di bilancio", che fornisce orientamenti politici per il coordinamento della nostra posizione di bilancio favorevole. Alla luce della valutazione della Commissione, riaffermiamo la strategia di politica di bilancio definita nella nostra dichiarazione del dicembre 2020 sui documenti programmatici di bilancio 2021.

Siamo uniti nel nostro approccio secondo cui fino a quando la crisi sanitaria non sarà superata e la ripresa non sarà saldamente avviata, continueremo a proteggere la nostra economia attraverso il dispiegamento del livello necessario di sostegno fiscale. Il sostegno all'attività economica e l'attenuazione degli effetti negativi mediante misure tempestive, temporanee e mirate sono fondamentali per la sostenibilità di bilancio a lungo termine. Il ritiro prematuro del sostegno fiscale dovrebbe essere evitato. L'Eurogruppo è impegnato in una posizione di sostegno nell'area dell'euro nel 2021 e nel 2022, tenendo anche conto dello stimolo fiscale derivante dal RRF. Riforme ambiziose e investimenti produttivi, sostenuti dall'RRF, sono fondamentali per aumentare il potenziale di crescita a medio termine. L'Eurogruppo prende atto dell'indicazione preliminare della Commissione secondo cui la clausola di salvaguardia generale continuerà ad applicarsi il prossimo anno.

Per il momento, e finché prevarrà l'emergenza sanitaria acuta, restano necessarie ampie misure fiscali per proteggere i cittadini e le imprese. La politica fiscale dovrebbe rimanere agile e adattarsi efficacemente all'evolversi della situazione sanitaria ed economica. In una seconda fase, una volta migliorata la situazione sanitaria e allentate le restrizioni, le misure fiscali dovrebbero gradualmente spostarsi verso azioni più mirate per promuovere una ripresa resiliente e sostenibile. Imprese vitali ma ancora vulnerabili dovrebbero essere aiutate a evitare problemi di solvibilità, riaprire e adattare i loro modelli di business. Le politiche dovrebbero continuare a proteggere i rapporti tra lavoratore e impresa, facilitando sempre più le transizioni di lavoro e la creazione di opportunità di lavoro per i disoccupati e gli inattivi. Le misure dovrebbero essere adattate al ritmo e alla forza della ripresa in ciascuno Stato membro e sostenute da un impegno costante per la sostenibilità di bilancio.

Una volta che la ripresa sarà saldamente avviata, gli Stati membri della zona euro dovrebbero far fronte all'aumento dei livelli del debito pubblico attuando strategie di bilancio sostenibili a medio termine, ponendo l'accento sul miglioramento della qualità delle finanze pubbliche, sull'aumento dei livelli di investimento e sul sostegno alle transizioni verdi e digitali. Gli Stati membri dovrebbero concentrarsi sulle riforme che promuoveranno gli investimenti privati ??e aumenteranno la capacità produttiva della zona euro.

L'Eurogruppo riconosce che il Recovery and Resilience Facility (RRF) e le altre componenti di Next Generation EU sono importanti strumenti europei a nostra disposizione, che faciliteranno una posizione di bilancio favorevole in tutta l'area dell'euro. Offrono inoltre un'opportunità unica per incanalare gli investimenti nelle aree in cui sono più necessari e per sostenere le riforme che promuovono la crescita, contribuendo in tal modo alla sostenibilità fiscale. È quindi importante integrare l'RRF nelle strategie di bilancio a medio termine. Lo stimolo fiscale aggiuntivo dell'RRF sarà particolarmente importante per quegli Stati membri dell'area dell'euro in cui il finanziamento dell'RRF è considerevole rispetto al loro PIL o agli investimenti pubblici totali. A tale riguardo, l'attuazione tempestiva dell'RRF resta della massima priorità.

Alla luce della persistente incertezza, l'Eurogruppo continuerà a monitorare la situazione economica e rifletterà sull'orientamento di bilancio dell'area dell'euro a medio termine nei prossimi mesi. Coordineremo le nostre azioni per garantire una risposta politica agile e di supporto. Attendiamo con impazienza gli ulteriori orientamenti in materia di politica fiscale della Commissione previsti per la fine di maggio, nell'ambito del pacchetto del semestre europeo di primavera 2021 e alla luce delle previsioni economiche di primavera della Commissione. (15/03/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07