Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 18 giugno 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FINANZA - ACQUISTO REGIONE CREDITI FISCALI DA ISTITUTI DI CREDITO IN FRIULI VENEZIA GIULIA ? NO DELL'AULA A PROCEDURA URGENZA PDL N.194

(2023-02-13)

  Una tematica certamente condivisibile nei suoi contenuti e già da tempo all'attenzione dell'Esecutivo regionale, ma non ancora pronta per essere affrontata a livello legislativo a causa della necessità di pervenire agli adeguati approfondimenti anche a livello ministeriale.

Sulla base di queste motivazioni, il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, presieduto da Piero Mauro Zanin, ha
espresso parere contrario (Opposizioni favorevoli, insieme a Walter Zalukar del Polo liberale) alla richiesta di procedura
d'urgenza avanzata dalla dem Mariagrazia Santoro per calendarizzare entro mercoledì (terza e ultima giornata
consecutiva d'Aula prima dello stop imposto dalle elezioni) l'esame della proposta di legge 194 sul tema dell'acquisto dei
crediti fiscali da parte della Regione.

L'istanza, presentata il 7 febbraio scorso dalla stessa Santoro insieme ai colleghi di partito Sergio Bolzonello e Nicola
Conficoni, prendeva spunto dall'assunto secondo il quale "sulla base del combinato disposto dai Decreti aiuti, aiuti bis e
semplificazioni è stato previsto che alle banche sia sempre consentita la cessione a favore di soggetti diversi dai consumatori o utenti, che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa, senza facoltà di ulteriore
cessione".

"Anche in seguito alla norma sul fotovoltaico, gli istituti di credito - ha spiegato la prima firmataria della pdl 194 - non
hanno più plafond per comprare i crediti dalle imprese, dai cittadini e dai condomini. In altre Regioni, come la Sardegna,
l'Amministrazione regionale ha però acquisito i crediti dalle banche, liberandole di plafond che, a loro volta, possono così
dare ai cittadini. Si tratta di un esempio importante - così lo ha definito Santoro - perché i decreti nazionali dicono che i
crediti possono essere acquisiti dalle banche senza ulteriori procedure, perché hanno già fatto tutte le valutazioni sulla loro legittimità. Quindi, con delibera di Giunta si può valutare il plafond che la Regione Fvg può comprare dalle banche e decidere l'istituto o gli istituti dal o dai quali acquisire questi crediti".

Bolzonello, portando alcune esperienze professionali personali, ha evidenziato dal canto suo "la necessità di affrontare in tempi rapidi un tema all'attenzione di qualsiasi commercialista, perché si sta verificando una serie di compravendite di crediti anche nel mondo del privato alla ricerca di qualcuno che li acquisisca e li rimette a sul mercato. Esistono le piattaforme, ma anche altre possibilità terze e, se la Regione riuscisse a intervenire in maniera immediata, darebbe una risposta straordinaria ai cittadini. Dire no alla discussione di questa pdl ci fa perdere non solo un'occasione, ma anche denari e possibilità per le nostre famiglie".

Prima ancora del voto, una risposta indicativa è giunta dal capogruppo leghista Mauro Bordin che ha parlato di "tematica di attualità che va affrontata e approfondita. L'intervento della Regione è assolutamente ipotizzabile per l'immediato futuro e, infatti, è già all'attenzione della Giunta tra confronti e approfondimenti. Siamo favorevoli ai contenuti, ma l'impostazione data non è attuabile. La procedura deve essere infatti definita con estrema attenzione attraverso un approfondimento, anche a livello ministeriale, per tradurre il testo in norme applicabili ed efficaci, perché i meccanismi fiscali non possono veder calare provvedimenti privi di procedure lineari e corrette. Il parere contrario viene espresso dunque non sulla tematica, ma su tempi, procedure e metodo".

L'assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, ha infine replicato che "si tratta di un argomento certamente importante
che interessa tutti. Siamo consapevoli da tempo della situazione e la stiamo analizzando con grande attenzione. Portare oggi all'attenzione del Cr questa pdl rischierebbe tuttavia di non rivelarsi efficace perché,così costruita e pur condivisibile nel merito, la norma ha un articolato che non permette di raggiungere l'obiettivo a causa di una serie di criticità".

"La Regione - ha concluso Zilli - non potrebbe in questo momento comprare crediti. In Sardegna, del resto, l'argomento è stato proposto con la legge di stabilità ma non è stato ancora approvato.  Noi, invece, abbiamo aperto un ragionamento con il ministero. Anche perché chi acquista è un correntista e la Regione non lo è.
Possiamo fare una riflessione in modo condiviso, ma la risposta non può certo arrivare in questi tre giorni". (13/02/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07