Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 26 maggio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - LAVORO: IN SVIZZERA SCIOPERO DONNE. PRESENTE ANCHE PERSONALE CURANTE (80% DONNA): DIFFICILI CONDIZIONI DI LAVORO CON INEVITABILI EFFETTI SUI PAZIENTI

(2023-05-15)

Durante la Giornata internazionale delle cure, il personale infermieristico e paramedico ha di nuovo messo in guardia dalle conseguenze delle difficili condizioni di lavoro che causano carenza di personale: a farne le spese, accanto alle lavoratrici e ai lavoratori, sono le persone che hanno bisogno di buone cure. Con manifestazioni e azioni, il personale curante ha richiamato  nuovamente l'attenzione sulla situazione d'emergenza nelle istituzioni sanitarie e propone cinque misure immediate.

Il personale infermieristico e paramedico ha chiesto sia dato il giusto riconoscimento alle operatrici e agli operatori nel ramo delle cure per il loro lavoro e il loro impegno, avvertendo: se la politica non fa il proprio lavoro e non applica l'iniziativa sulle cure, non sarà più possibile offrire un'assistenza degna di questo nome. Sia nelle case anziani, sia negli ospedali: a pagare il conto di queste difficili condizioni di lavoro sono le persone che hanno bisogno di cure di qualità. Già ora, a causa della carenza di personale, si dedica meno tempo alla cura del corpo dei pazienti ed inevitabili disagi ed errori.

Il personale curante ha richiamato quindi l'attenzione sulla situazione del sistema sociosanitario in tutta la Svizzera con marce funebri, manifestazioni e walks of care e, come ha fatto in occasione della grande azione a favore delle cure dello scorso novembre, ha chiesto l'attuazione di  cinque misure immediate. In particolare, ha chiesto che la politica a tutti i livelli fornisca immediatamente risorse finanziarie sufficienti per garantire buone cure.

La crisi delle cure colpisce doppiamente le donne, oltre l'80 percento del personale curante, che cerca di dare il meglio per i loro pazienti e gli ospiti delle case anziani, malgrado le condizioni estremamente avverse in cui sono costrette a lavorare. Ma anche la maggior parte dei familiari curanti sono donne: se l'assistenza professionale verrà meno, saranno ancora più gravate perché dovranno farsi carico di un numero ancora maggiore di lavori di assistenza e di cura. Ecco perché sosteniamo lo sciopero delle donne del 14 giugno anche nel ramo delle cure e chiediamo rispetto, più salario e più tempo!" (15/05/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07