Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 28 settembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FINANZA - EUROGRUPPO - DONOHOE (PRES. EUROGRUPPO) HA PRESENTATO BOZZA DI PIANO..C'E' MOLTO LAVORO DA FARE...NON RISPARMIEREMO SFORZI PER RAGGIUNGERE ACCORDO"

(2022-05-03)

L'Eurogruppo si è riunito in forma inclusiva il 3 maggio, in videoconferenza, per discutere un progetto di piano di lavoro sull'unione bancaria ed il presidente dell'Eurogruppo ha presentato la sua proposta di piano di lavoro per il completamento dell'Unione bancaria.

Il completamento dell'unione bancaria è un obiettivo europeo fondamentale volto a rafforzare ulteriormente il settore finanziario dell'UE.

Al vertice euro del dicembre 2020, i leader hanno incaricato l'Eurogruppo di preparare, su base consensuale, un piano di lavoro graduale e con scadenze temporali su tutti gli elementi in sospeso necessari per completare l'unione bancaria. I leader hanno sottolineato ancora una volta questo mandato nella riunione informale tenutasi a Versailles il 10 e 11 marzo 2022, sottolineando che un'unione bancaria completata deve far parte dell'equazione per finanziare i bisogni della nostra economia.

Pasquale Donohoe, presidente dell'Eurogruppo ha affermato:
"La bozza del piano di lavoro è stata formulata per riflettere le opinioni e le preoccupazioni che sono state sollevate dagli Stati membri nei miei molti mesi di impegno con loro. E sono stato incoraggiato dal fatto che molti colleghi abbiano riconosciuto l'importanza delle revisioni che sono state fatte e dei compromessi che sono stati offerti. C'è molto lavoro da fare, ma io e il mio team non risparmieremo sforzi da qui a giugno per cercare di fare questi progressi e per cercare di raggiungere un accordo."

RIFERENDO ALLA STAMPA le conclusioni dell'incontro, il Presidente dell'Eurogruppo Donohoe. "Dopo molti anni di intense discussioni, ora conosciamo bene i reciproci punti di vista. Ho sostenuto il compromesso, ho sostenuto il tentativo di andare avanti. Ora, ovviamente e certamente non dico che le nostre divergenze siano state risolte. Banking Union resta un progetto molto complesso, sia tecnicamente che politicamente, un progetto su cui stiamo continuando a cercare di portare avanti in tempi molto difficili. Tuttavia, sono fermamente convinto che le sfide condivise possano anche favorire un comune senso di responsabilità. E ho fatto questo caso alla riunione dell'Eurogruppo e ho inviato e ricevuto un riconoscimento su quel punto dai miei colleghi.

Ho anche collaborato intensamente con i miei omologhi della Commissione, il vicepresidente esecutivo Dombrovskis, il commissario Gentiloni e il commissario McGuinness, anche con Klaus Regling nel suo ruolo di amministratore delegato dell'ESM. E poi, ovviamente, l'impegno con il presidente Lagarde e la BCE. Tutto il loro impegno è stato molto utile nella preparazione della bozza del piano di lavoro.

Quindi ciò che ho proposto mirava a raggiungere l'equilibrio in quattro diversi flussi di lavoro:

un quadro più forte per la gestione delle banche in dissesto all'interno dell'Unione Europea,
protezione più solida per i depositanti,
un mercato più integrato per i servizi bancari, e
una maggiore diversificazione delle posizioni in obbligazioni sovrane bancarie nell'Unione europea.

Ci sono due fasi per ogni flusso di lavoro. Nella prima fase ho proposto misure di immediata attuazione. Nella seconda fase - ulteriori misure a più lungo termine per completare l'Unione bancaria. La direzione e le caratteristiche chiave per la seconda fase sarebbero già state stabilite ora. Non avremmo un orizzonte aperto.

C'è anche innovazione nel processo che ho proposto. Ci sarebbe un checkpoint politico tra le due fasi, e quel checkpoint è un momento importante. In primo luogo, fornirebbe una garanzia. Gli Stati membri sarebbero in grado di valutare se esistono le condizioni più ampie per passare alla seconda fase delle riforme e definire il modo in cui sarebbero attuate misure aggiuntive sulla base dei principi che sono già inclusi nel piano di lavoro ora. Ma il checkpoint è anche un incentivo al progresso su tutti i flussi di lavoro. Quando la fase due sarà implementata, ho proposto una clausola di revisione per rivalutare se tutti i pezzi funzionano insieme, o se sarà necessario fare di più sull'Unione bancaria in generale.

Quindi, tutto sommato, questo pomeriggio abbiamo avuto una discussione molto completa e molto esauriente. C'è stato uno scambio di opinioni su questioni davvero importanti. E ovviamente, c'è un'enorme quantità di lavoro da fare. La mia squadra ed io non risparmieremo sforzi da qui a giugno per cercare di fare questi progressi e per cercare di raggiungere un accordo. Sono stato rincuorato dalla volontà dei ministri di impegnarsi e di continuare a impegnarsi in questa discussione dettagliata. C'era del buon umore nel nostro scambio. Abbiamo molto da fare e ci arriveremo.

---------------------------------------------------------

Unione bancaria
L'unione bancaria è una componente fondamentale dell'Unione economica e monetaria dell'UE. È stata creata in risposta alla crisi finanziaria del 2008 e al conseguente debito sovrano nell'area dell'euro. L'unione bancaria mira a garantire che il settore bancario nell'area dell'euro e nell'UE in generale sia stabile, sicuro e affidabile, contribuendo così alla stabilità finanziaria e che:

le banche siano solide  e in grado di resistere a future crisi finanziarie
le banche non redditizie vengono chiuse senza ricorso al denaro dei contribuenti e con un impatto minimo sull'economia reale
la frammentazione del mercato è ridotta da norme armonizzate del settore finanziario

Tutti gli Stati membri dell'area dell'euro fanno parte dell'unione bancaria. Gli Stati membri dell'UE non appartenenti all'area dell'euro possono aderire all'unione bancaria avviando una stretta collaborazione con la Banca centrale europea.

Unione economica e monetaria (informazioni generali):
Un codice unico per il settore finanziario dell'UE
Il codice unico è la spina dorsale dell'unione bancaria e della regolamentazione del settore finanziario nell'UE. Consiste in una serie di testi legislativi che vengono  applicati a tutti gli enti creditizi garantendo così condizioni di parità in tutta l'UE .

L'obiettivo del codice unico è garantire che le banche siano regolamentate secondo le stesse regole in tutti i paesi dell'UE in modo da evitare distorsioni del mercato unico e garantire la stabilità finanziaria in tutta l'UE.

Include:

requisiti patrimoniali per il settore bancario
migliori sistemi di garanzia dei depositi
regole per il risanamento e la risoluzione delle banche
Regolamento unico (informazioni generali)
I pilastri dell'unione bancaria

La crisi finanziaria che ha colpito l'Europa nel 2008 e la conseguente crisi del debito sovrano nell'area dell'euro hanno dimostrato la necessità di una migliore regolamentazione e supervisione del settore finanziario dell'UE, in particolare nell'area dell'euro. Di conseguenza, i paesi dell'area dell'euro hanno deciso di perseguire una più profonda integrazione dei loro sistemi bancari.

Sono stati istituiti un meccanismo di vigilanza unico (SSM) e un meccanismo di risoluzione unico (SRM) per le banche. Questi sono conosciuti rispettivamente come il primo e il secondo pilastro dell'unione bancaria.

Il Consiglio e il Parlamento europeo stanno ancora lavorando per completare l'unione bancaria con un sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS), il terzo pilastro dell'unione bancaria. Ciò fornirebbe una copertura assicurativa più forte e uniforme per tutti i depositanti al dettaglio nell'unione bancaria, indipendentemente dall'ubicazione della banca.

Ulteriori fasi dell'unione bancaria: riduzione del rischio e protezione dei depositi (informazioni generali)

Il meccanismo di vigilanza unico spiegato dalla Banca centrale europea, l'istituzione chiave nel meccanismo di vigilanza unico

Il meccanismo di vigilanza unico è l'  organo sovranazionale di vigilanza bancaria dell'UE . La responsabilità della vigilanza sugli enti creditizi è esercitata dalla Banca centrale europea in stretta collaborazione con le autorità di vigilanza nazionali.

L'obiettivo principale del meccanismo è garantire la solidità del settore finanziario europeo  attraverso controlli regolari e approfonditi dello stato di salute delle banche. I controlli vengono effettuati sulla base di regole uguali per tutti i paesi dell'UE.

Il meccanismo di risoluzione unico è un sistema per la risoluzione efficace ed efficiente degli enti creditizi non sostenibili. È composto da:

il Comitato di risoluzione unico
un Fondo di risoluzione unico
Il fondo deve essere utilizzato in caso di fallimento bancario ed è finanziato interamente dal settore bancario europeo. Nel novembre 2020 gli Stati membri della zona euro hanno concordato la riforma del trattato sul meccanismo europeo di stabilità (MES). Dopo la ratifica, consentirà al MES di diventare il backstop per il Fondo di risoluzione unico (SRF) e la sua introduzione anticipata entro l'inizio del 2022 (due anni in anticipo rispetto al piano originale). (03/05/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07