Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 27 novembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EUROPA - DA COMMISSIONE UE ORIENTAMENTI NUOVA GOVERNANCE ECONOMICA: PIANI STRUTTURALI DI BILANCIO NAZIONALI A MEDIO

(2022-11-09)

  La Commissione europea ha adottato oggi una comunicazione che stabilisce gli orientamenti per un quadro riformato della governance economica dell'UE. Tenendo conto delle principali preoccupazioni relative all'attuale quadro, queste mirano a rafforzare la sostenibilità del debito e a promuovere una crescita sostenibile e inclusiva attraverso investimenti e riforme.

Gli orientamenti mirano a garantire che il quadro sia più semplice, più trasparente ed efficace, con una maggiore titolarità nazionale e una migliore applicazione, consentendo nel contempo riforme e investimenti e riducendo gli elevati indici del debito pubblico in modo realistico, graduale e duraturo. In questo modo, il quadro riformato dovrebbe contribuire a costruire l'economia verde, digitale e resiliente del futuro, garantendo nel contempo la sostenibilità delle finanze pubbliche in tutti gli Stati membri, in linea con il discorso della Presidente von der Leyen sullo stato dell'Unione del 2022 . La comunicazione odierna segue un'ampia sensibilizzazione delle parti interessate e degli Stati membri.

Piani nazionali per garantire la sostenibilità del debito e migliorare la crescita sostenibile, ancorati in un quadro comune dell'UE

Si propone di passare a un quadro di sorveglianza dell'UE basato sul rischio trasparente che distingua i paesi tenendo conto delle sfide del debito pubblico. I piani strutturali di bilancio nazionali a medio termine sono la pietra angolare del quadro proposto dalla Commissione. Integrerebbero gli obiettivi di bilancio, di riforma e di investimento, compresi quelli volti ad affrontare gli squilibri macroeconomici ove necessario, in un unico piano olistico a medio termine, creando così un processo coerente e snello. Gli Stati membri avrebbero un maggiore margine di manovra per definire il loro percorso di aggiustamento di bilancio, rafforzando la titolarità nazionale delle loro traiettorie di bilancio.

Un unico indicatore operativo – la spesa primaria netta, cioè la spesa che è sotto il controllo del governo – servirebbe come base per definire il percorso di aggiustamento di bilancio e per effettuare la sorveglianza di bilancio annuale, semplificando così notevolmente il quadro .

Come funzionerebbe?

Nell'ambito del quadro comune dell'UE, la Commissione presenterebbe un percorso di aggiustamento di bilancio di riferimento, che copre un periodo di quattro anni, sulla base della sua metodologia di analisi della sostenibilità del debito. Questo percorso di aggiustamento di riferimento dovrebbe garantire che il debito degli Stati membri con problemi di indebitamento sostanziali o medi sia messo su un percorso plausibile al ribasso e che il disavanzo rimanga credibilmente al di sotto del valore di riferimento del 3% del PIL stabilito nel trattato.

Gli Stati membri presenterebbero quindi piani che definissero il loro percorso di bilancio a medio termine, la riforma prioritaria e gli impegni di investimento pubblico. Gli Stati membri potrebbero proporre un periodo di aggiustamento più lungo, estendendo il percorso di aggiustamento di bilancio fino a tre anni, quando il percorso è sostenuto da una serie di impegni di riforma e investimento che sostengono la sostenibilità del debito e rispondono alle priorità e agli obiettivi comuni dell'UE.

Come terza fase, la Commissione valuterebbe i piani, fornendo una valutazione positiva se il debito è posto su un sentiero discendente o rimane su livelli prudenti e il disavanzo di bilancio rimane credibilmente al di sotto del valore di riferimento del 3% del PIL nel medio termine. Il Consiglio approverebbe i piani a seguito di una valutazione positiva della Commissione.

Infine, la Commissione controllerà costantemente l'attuazione dei piani. Gli Stati membri presenterebbero relazioni annuali sullo stato di avanzamento dei piani per facilitare un monitoraggio efficace e garantire la trasparenza.
Verrebbe concesso un maggiore margine di manovra agli Stati membri per la progettazione delle loro traiettorie di bilancio. Allo stesso tempo, stiamo anche mettendo in atto strumenti di applicazione dell'UE più rigorosi per garantire l'attuazione . La procedura per i disavanzi eccessivi basata sul disavanzo verrebbe mantenuta, mentre la procedura per i disavanzi eccessivi basata sul debito sarebbe rafforzata. Sarebbe attivato quando uno Stato membro con un debito superiore al 60% del PIL si discosta dal percorso di spesa concordato.

I meccanismi di esecuzione verrebbero rafforzati: il ricorso alle sanzioni finanziarie sarebbe reso più efficace riducendone gli importi. Ci sarebbero anche sanzioni reputazionali più forti. La condizionalità macroeconomica per i fondi strutturali e per il meccanismo per la ripresa e la resilienza verrebbe applicata in uno spirito simile, vale a dire che il finanziamento dell'UE potrebbe essere sospeso anche quando gli Stati membri non hanno adottato misure efficaci per correggere il proprio disavanzo eccessivo.

Inoltre, un nuovo strumento garantirebbe l'attuazione degli impegni di riforma e di investimento alla base di un percorso di aggiustamento più lungo. La mancata attuazione degli impegni di riforma e investimento potrebbe comportare un percorso di aggiustamento più restrittivo e, per gli Stati membri della zona euro, l'imposizione di sanzioni finanziarie.

La procedura per gli squilibri macroeconomici (MIP) mira a identificare tempestivamente potenziali rischi macroeconomici, prevenire l'insorgere di squilibri macroeconomici dannosi e correggere gli squilibri già esistenti. Le proposte di riforma per la MIP sono incentrate su un dialogo rafforzato tra la Commissione e gli Stati membri per creare una migliore comprensione comune delle sfide individuate nell'ambito della MIP e delle politiche necessarie per affrontarle. Ciò, a sua volta, comporterebbe un impegno da parte degli Stati membri a includere le riforme e gli investimenti necessari per prevenire o correggere gli squilibri nel loro piano strutturale di bilancio nazionale a medio termine.

Il ruolo preventivo del MIP sarebbe rafforzato in un contesto macroeconomico caratterizzato da rischi nuovi e in evoluzione. La valutazione dell'esistenza di squilibri sarebbe più lungimirante al fine di individuare e affrontare tempestivamente gli squilibri emergenti. Al momento di valutare se gli squilibri sono stati corretti, si attribuirebbe maggiore peso all'andamento delle tendenze e all'attuazione di politiche per affrontare gli squilibri.

Un quadro di sorveglianza post-programma più mirato e snello

La sorveglianza post-programma valuta la capacità di rimborso degli Stati membri che hanno beneficiato dei programmi di assistenza finanziaria. Nell'ambito del nuovo quadro, e pur mantenendo invariato il testo legislativo, la Commissione propone di applicarlo diversamente fissando obiettivi più chiari , con l'intensità del quadro legata a tali obiettivi. In particolare, la sorveglianza post-programma si concentrerebbe sulla valutazione della capacità di rimborso, sul monitoraggio dell'attuazione delle riforme incompiute e sulla valutazione della necessità di misure correttive nel contesto delle preoccupazioni relative alla capacità di rimborso o al mantenimento dell'accesso al mercato.

L'intensità della sorveglianza post-programma si evolverebbe nel tempo, insieme all'evoluzione della valutazione del rischio.

Un rapido accordo sulla revisione delle regole di bilancio dell'UE e di altri elementi del quadro di governance economica è una priorità urgente nell'attuale momento critico per l'economia dell'UE. Gli Stati membri e la Commissione dovrebbero raggiungere un consenso sulla riforma del quadro di governance economica prima dei processi di bilancio degli Stati membri per il 2024.

La Commissione valuterà la presentazione di proposte legislative sulla base della comunicazione odierna e delle discussioni che ne seguiranno. Fornirà nuovamente orientamenti per la politica di bilancio per il prossimo periodo nel primo trimestre del 2023. Tali orientamenti faciliteranno il coordinamento delle politiche di bilancio e la preparazione dei programmi di stabilità e convergenza degli Stati membri per il 2024 e oltre. (09/11/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07