Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 1 dicembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EUROPA - COMMISSARIO GENTILONI SUL RIESAME GOVERNANCE ECONOMICA: UNA BUONA PROPOSTA CHE CONCILIA TRE IMPERATIVI... SULLO STESSO PIANO CRESCITA E STABILITA'"

(2022-11-09)

  "Oggi stiamo proponendo qualcosa che è atteso da tempo. Abbiamo lavorato su questo dalla fine del 2019 all'inizio del 2020. Ci sono state poi diverse crisi e rinvii, ma è stato anche fatto molto lavoro per creare consenso all'interno della Commissione e gli Stati membri.

Dopo tanto duro lavoro, ora abbiamo una buona proposta sul tavolo che concilia tre diversi imperativi:

Sostenere la crescita e rafforzare la sostenibilità del debito;

Rafforzare la titolarità nazionale e costruire un nuovo quadro comune;

Semplificare le nostre regole e preservare la loro efficacia.

E credo che siamo riusciti a raggiungere un equilibrio credibile su ciascuno di questi tre fronti. Gli orientamenti odierni tengono conto dell'ampio dibattito pubblico e delle consultazioni con le parti interessate e gli Stati membri.

Delineano un quadro di governance economica riformato vche riteniamo sia adatto alle sfide future e può dare ai mercati finanziari la fiducia di cui hanno bisogno in questo momento critico per le nostre economie.

La nostra proposta si ispira allo spirito di Maastricht “per cui stabilità e crescita possono solo andare di pari passo”. È quanto ha affermato la presidente von der Leyen nel suo discorso sullo stato dell'Unione. Questo spirito non è sempre stato presente tra noi.

Dobbiamo finanziare ingenti investimenti necessari, in particolare per sostenere la doppia transizione, la sicurezza energetica, la difesa, la nostra competitività europea ed evitare o affrontare il rischio di frammentazione che abbiamo nel mercato unico. Eppure ci troviamo di fronte anche a una nuova realtà di aumento del debito pubblico. Ciò significa che abbiamo bisogno di regole di bilancio che facilitino gli investimenti strategici e salvaguardino la sostenibilità di bilancio.

Gentili ha, quindi, illustrato  gli  orientamenti che  consentirebbero di raggiungere questi obiettivi.

- In primo luogo, il quadro rivisto aumenterebbe la titolarità nazionale fornendo un maggiore margine di manovra agli Stati membri nella proposta di piani strutturali di bilancio a medio termine. Questi piani delineeranno il percorso di bilancio del paese, nonché gli impegni di riforma e investimento, rispecchiando le priorità dell'UE e nazionali. Una volta approvati dal Consiglio, i piani orienterebbero i bilanci annuali degli Stati membri.

Gli Stati membri dovrebbero garantire che le loro traiettorie di bilancio rispettino un quadro comune dell'UE che abbia come base comune una crescita sostenibile e rischi per la sostenibilità del debito. Questo quadro comune dell'UE garantirebbe trasparenza e parità di trattamento tra gli Stati membri.

La Commissione proporrebbe inoltre percorsi di aggiustamento di bilancio di riferimento per gli Stati membri con problemi di debito pubblico sostanziali e moderati. Prendendo questi come punto di partenza, gli Stati membri elaboreranno le proprie traiettorie di bilancio a medio termine.

Fondamentalmente, gli Stati membri potrebbero anche presentare una serie di impegni di riforma e investimento che potrebbero essere alla base di un periodo di adeguamento più lungo e di un percorso di adeguamento più graduale, in modo da guadagnare tempo e gradualità nel percorso di adeguamento. Ciò sarebbe soggetto a criteri comuni e trasparenti dell'UE. Più riforme e investimenti proposti, più graduale può essere il percorso di riduzione del debito. E da questo punto di vista, stiamo facendo tesoro della lezione positiva appresa dalla RRF, il che non significa che stiamo ripetendo la stessa cosa in tutti i testi, ma questa è stata una buona lezione nei rapporti con gli Stati membri.

In secondo luogo, il quadro rivisto dovrebbe semplificare le regole di bilancio e concentrarsi sui rischi di bilancio. Ciò significa differenziare i paesi in base alle sfide del debito pubblico. Sappiamo quanto siano diversi i livelli dei debiti pubblici tra i nostri Stati membri e non possiamo ignorare queste differenze.

In definitiva, ciò che conta per la sostenibilità del debito e per i mercati è che gli Stati membri riducano gli indici del debito pubblico, soprattutto se elevati, in modo realistico, graduale e duraturo. Questo è il motivo per cui riteniamo che dovremmo allontanarci dai requisiti irrealistici imposti dalla regola di riduzione del debito di 1/20 .

Un unico indicatore operativo basato sull'evoluzione della spesa primaria – al netto delle nuove misure in materia di entrate – verrebbe utilizzato per definire il percorso di aggiustamento di bilancio e per effettuare la sorveglianza di bilancio annuale. Ciò semplificherebbe notevolmente il quadro e aumenterebbe la trasparenza.

-In terzo luogo, l'applicazione a livello dell'UE verrebbe rafforzata come contropartita di una riduzione più graduale e realistica del debito e per fornire un maggiore margine di manovra agli Stati membri nella definizione delle loro traiettorie di bilancio.

Quindi c'è un equilibrio tra queste cose: una titolarità più graduale, più forte e l'applicazione.

La nostra comunicazione include diversi elementi specifici che potrebbero contribuire a una migliore applicazione:

La Procedura per disavanzi eccessivi basata sul debito verrebbe resa operativa, chiarendone l'attivazione e la disattivazione. Gli scostamenti dal percorso fiscale concordato costituirebbero la base per le azioni esecutive, che sarebbero calibrate in base alla gravità della situazione fiscale. 

La possibilità di sanzioni finanziarie verrebbe mantenuta e resa più credibile riducendo gli importi coinvolti.

Infine, verrebbe mantenuta la procedura per i disavanzi eccessivi basata sul disavanzo, perché nel complesso ha funzionato, concentrandosi sulla soglia del 3%.

Naturalmente, nel quadro rivisto, sarebbero ancora necessarie solide clausole di salvaguardia per affrontare situazioni davvero eccezionali in cui non è possibile realisticamente rispettare una politica basata su regole. Oltre alla clausola di salvaguardia generale da utilizzare nei casi di grave recessione economica che conoscete molto bene, una clausola di salvaguardia specifica per paese consentirebbe deviazioni temporanee dal percorso fiscale a medio termine in caso di circostanze eccezionali al di fuori del controllo del governo in questione.

La nostra comunicazione espone anche  alcuni orientamenti sulla procedura per gli squilibri macroeconomici, che mirano ad aumentare la titolarità e l'impegno nazionali attraverso un dialogo rafforzato con gli Stati membri. Più in particolare, rafforzeremmo il ruolo preventivo del MIP concentrandoci maggiormente sui nuovi rischi, consentendo un'individuazione precoce degli squilibri emergenti. E nel valutare la gravità degli squilibri, si porrebbe maggiore enfasi sull'evoluzione dei rischi individuati e sulla risposta politica da parte dello Stato membro interessato.

Con queste idee dettagliate e attentamente ponderate sul tavolo, riteniamo di avere un buon punto di partenza per avviare le discussioni tra gli Stati membri verso un rapido accordo sulla revisione della nostra governance economica dell'UE. Naturalmente, questa è una priorità urgente nell'attuale momento critico, nell'attuale contesto economico in cui ci troviamo, in vista dei processi di bilancio degli Stati membri per il 2024 e in vista della disattivazione della clausola di salvaguardia generale.

Una riforma completa del quadro di governance economica dell'UE secondo le linee che abbiamo descritto richiederebbe una modifica legislativa. Ecco perché prenderemo in considerazione la presentazione di proposte legislative e forniremo orientamenti per il prossimo trimestre nel primo trimestre del 2023, ovviamente dopo il processo di discussione in seno al Consiglio e tra gli Stati membri.

IL MESSAGGIO LANCIATO DA GENTILONI:  vogliamo mettere, finalmente, sullo stesso piano crescita e stabilità, e vogliamo lavorare efficacemente per ottenere risultati in entrambi i campi: riduzione del debito e crescita sostenibile. Questa è in sostanza la sfida che abbiamo davanti a noi.".(09/11/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07