Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 2 febbraio 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EUROPA - PRES. EUROGRUPPO DONOHOE RICONFERMATO EUROGRUPPO : " DISOCCUPAZIONE IN DISCESA. ACCORDO NECESSITA' SISTEMA EFFICACE GOVERNANCE ECONOMICA PER FONDAMENTA EURO"

(2022-12-05)


Osservazioni di Paschal Donohoe a seguito della riunione dell'Eurogruppo del 5 dicembre 2022
Vorrei iniziare dicendo che è un grande piacere essere affiancato dal Commissario Gentiloni e dare il benvenuto a Pierre Gramegna nel suo nuovo ruolo di amministratore delegato del Meccanismo europeo di stabilità. In molte conferenze stampa tutti avete chiesto informazioni sul processo di nomina di un nuovo amministratore delegato del MES. Tutto quello sforzo e il tempo sono valsi la pena di vedere una persona del calibro, dell'esperienza e della saggezza di Pierre ora alla guida del MES. Tutto l'Eurogruppo non vede l'ora di lavorare a stretto contatto con lui in futuro, per sostenere lui e il lavoro del MES.

Riguardo all'ordine del giorno dell'Eurogruppo di oggi: abbiamo iniziato la nostra riunione in formato inclusivo con tutti i 27 Stati membri durante la quale abbiamo avuto un ampio scambio di opinioni sulle nostre attuali condizioni economiche e sulla risposta politica, con particolare attenzione a come possiamo gestire meglio la nostra risposta all'impatto degli alti prezzi dell'energia sulla nostra crescita e sulla nostra inflazione. Penso davvero che gran parte del 2022 sia effettivamente andata meglio di quanto ci saremmo aspettati. Ma allo stesso tempo, le sfide che dovremo affrontare per il 2023 sono complesse e continueranno ad essere difficili.

Per questo motivo, oggi abbiamo riconosciuto l'importanza degli elementi positivi nella nostra performance economica. I tassi di disoccupazione stanno scendendo ai minimi storici e una quantità crescente di dati indica che l'area dell'euro è stata più resiliente nel 2022 di quanto ci saremmo potuti aspettare.

Ma guardando avanti, siamo consapevoli delle sfide che ci attendono. Abbiamo discusso della necessità di coordinare ulteriormente le nostre misure di sostegno economico. Credo che esista una finestra di opportunità nella prima parte del 2023 per vedere come possiamo farlo in un modo diverso. A questo proposito abbiamo discusso delle proposte della Commissione per un sistema di tariffazione a due livelli per l'energia. Sebbene in ultima analisi sia chiaramente responsabilità nazionale di ciascuno Stato membro progettare le proprie misure e esaminare il livello di sostegno fiscale, tutti noi abbiamo riconosciuto che il lavoro della Commissione è un impulso molto utile e utile a questo punto in tempo.

Ciò ha posto le basi per la discussione che abbiamo avuto nell'Eurogruppo in merito ai piani di bilancio per il prossimo anno e alla valutazione del livello di sostegno nelle nostre economie per quest'anno. Questo pomeriggio l'Eurogruppo ha rilasciato una lunga dichiarazione sui programmi di bilancio per il prossimo anno, rispondendo alla valutazione della Commissione ed esponendo le nostre opinioni sul lavoro da svolgere.

Abbiamo convenuto che un ampio sostegno fiscale alla domanda aggregata nel 2023 non è giustificato e abbiamo riconosciuto i rischi che potrebbero essere posti sulle nostre prospettive inflazionistiche se i supporti energetici nel formato attuale fossero mantenuti invariati per tutto il 2023. Questo è il lavoro che ci impegnerà'  mese per mese per il prossimo anno. Vogliamo migliorare ulteriormente la qualità della progettazione di queste misure, assicurarci che il livello di sostegno sia appropriato e vedere come possiamo avvicinarci a un approccio comune.

Sulla nota di un approccio comune, il Commissario Gentiloni ha presentato una panoramica del lavoro svolto sulla revisione della governance economica. Questa è stata la prima discussione che ha avuto luogo nell'Eurogruppo sulla sostanza della proposta della Commissione, e domani ci sarà un'ulteriore discussione in merito all'ECOFIN.

Penso che a questo punto ci siano due aree di consenso: c'è un accordo molto ampio sul fatto che un sistema efficace di governance economica è essenziale per le fondamenta dell'area dell'euro e che abbiamo molto lavoro da fare ora nella prima parte del 2023 per rispondere alle proposte del Commissario e esaminare come possiamo portare avanti questo dibattito in modo costruttivo il prossimo anno. Tutti i ministri sono pienamente impegnati a farlo.

I nostri ultimi punti sostanziali si riferivano alla sorveglianza post-programma nei casi di Cipro, Portogallo, Spagna e del mio paese, l'Irlanda. La Commissione ha nuovamente confermato la valutazione secondo cui questi paesi hanno la capacità di rimborsare i prestiti ricevuti nell'ambito dei loro programmi di assistenza finanziaria.

Poi abbiamo avuto una discussione specifica sulla Grecia. Questa è stata sia la prima che l'ultima volta. Era la prima volta che questa discussione si svolgeva nell'ambito dell'accordo standard di monitoraggio post-programma. E questo è il caso perché l'economia greca e il governo greco sono riusciti a uscire da un programma di sorveglianza rafforzata. E speriamo che sia l'ultima volta che è stata adottata una dichiarazione dell'Eurogruppo specificamente sulla Grecia. Questa è stata una dichiarazione molto importante e storica, pienamente sostenuta da tutti i miei colleghi ministeriali, perché ha confermato che ora sono state soddisfatte le condizioni per rilasciare l'ultima serie di misure sul debito per l'economia greca. Ciò ammonta a 725 milioni di euro nel 2022 e rappresenta un notevole sollievo in futuro grazie ai tassi di interesse ridotti su alcuni prestiti EFSF.

Questo è un momento storico. Il rilascio della serie finale di misure sul debito è una pietra miliare molto importante per il governo greco e per tutti noi. La Grecia è ora di nuovo saldamente in piedi e, come parte della famiglia europea, sta ora partecipando alle procedure standard e comuni di coordinamento fiscale ed economico dell'UE.

Si è poi passati all'elezione del Presidente dell'Eurogruppo perché il mio mandato scade a gennaio. Sono lieto e onorato di aver ricevuto il sostegno dei miei colleghi per un ulteriore mandato. Non vedo l'ora di lavorare a stretto contatto con tutti loro nel lavoro veramente importante che l'Eurogruppo continuerà a svolgere per servire le persone che condividono una valuta comune nell'euro e per guidare l'economia della zona euro verso lidi ancora più sicuri in questi difficili di volte. Ringrazio tutti i miei colleghi ministeriali per la fiducia che mi hanno dimostrato. E non vedo l'ora di lavorare intensamente con loro, come ho fatto negli ultimi due anni, per portare avanti la nostra agenda condivisa.(05/12/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07