Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - 8 MARZO - ISPI 24: LE DONNE NELLA REGIONE MENA TRA PROGRESSI E OSTACOLI: TUNISIA, LIBANO, ARABIA SAUDITA, IRAN, AFGANISTAN

(2023-03-08)

La newsletter MED This Week dell'ISPI fornisce analisi di esperti e approfondimenti decisamente informati sulle questioni e le tendenze più significative della regione MENA, riunendo opinioni uniche sull'argomento e previsioni affidabili su possibili scenari futuri. In occasione della Giornata Internazionale della Donna, ha acceso i riflettori sulla condizione femminile nella regione analizzando alcuni casi-studio emblematici.

"L'8 marzo la comunità internazionale celebra le donne nel mondo e richiama l'attenzione sulle questioni legate alla condizione femminile globale. Per quanto riguarda la regione MENA, sebbene la condizione delle donne in generale sia migliorata nell'ultimo decennio grazie a una crescente partecipazione femminile alla vita pubblica, politica ed economica, persistono molte sfide e l'uguaglianza di genere è ancora un obiettivo lontano .

La Tunisia e l'Arabia Saudita mostrano quanto siano stati compiuti progressi significativi. Una legge progressista garantisce alle donne tunisine protezione e diritti, oltre alla libertà politica, mentre le riforme hanno assicurato maggiori diritti civili alle donne saudite. Tuttavia, i risultati positivi non sono sufficienti per rompere il soffitto di vetro.

La Tunisia ha fatto progressi nell'uguaglianza di genere, ma il soffitto di vetro è ancora intatto" afferma Emna Ben Arab, Assistant Professor presso l'Università di Sfax.
"Di tutte le nazioni della regione MENA, la Tunisia ha sempre avuto leggi progressiste sull'uguaglianza di genere emanate nel Codice dello status personale (1956) e successive riforme relative all'uguaglianza di genere (ad esempio, il divieto della poligamia, il diritto all'aborto dal 1973, parità di retribuzione per pari lavoro, protezione dalla violenza domestica, tutela dei minori, ecc.). Ma questi diritti tanto celebrati sembrano nascondere una realtà più sfumata.

Nonostante i risultati significativi sulla carta, permane un notevole squilibrio di genere in Tunisia. Inoltre, esiste ancora un soffitto di vetro che impedisce alle donne di raggiungere posizioni di potere e garantire una maggiore rappresentanza nel governo.
Le ultime elezioni legislative che hanno prodotto un parlamento dominato dagli uomini con solo 25 donne su 161 membri evidenziano come i risultati delle donne rimangano fragili e il nuovo approccio conservatore all'uguaglianza di genere minacci di invertire le conquiste politiche femminili." conclude Emna Ben Arab, Assistant Professor presso l'Università di Sfax.

"L'economia in crisi del Libano ha un impatto negativo sulle donne", sostiene Laury Haytayan, Direttore MENA del Natural Resource Governance Institute.

"Il Libano continua ad sprofondare sempre più nella crisi con il tracollo economico che colpisce tutti i settori. Ciò ha colpito la popolazione in generale, ma le donne ne sopportano il peso maggiore. Anche prima delle gravi crisi che colpivano il paese, le leggi a tutela dei diritti delle donne erano inadeguate e spesso non riuscivano ad affrontare la giustizia di genere da una prospettiva olistica. Ancora oggi, alcuni credono ancora che le questioni relative ai diritti delle donne non siano una priorità e, sfortunatamente, abbiamo sentito un ministro dell'attuale governo provvisorio esprimerlo pubblicamente. La dichiarazione dovrebbe riguardare tutti i riformisti del paese, non solo i difensori dei diritti delle donne.

La nazione è sotto attacco da chi vuole mantenere lo status quo, da chi vuole mantenere il clientelismo e le disuguaglianze nella società professando di proteggere la “rappresentanza confessionale”. La nazione ha bisogno di nuovi leader che apprezzino i valori della democrazia, della responsabilità e dell'uguaglianza. Questo è un invito per le donne del mio paese a prendere l'iniziativa, a riempire il vuoto e a guidarci ad essere la nazione degli eguali" conclude
Laury Haytayan.

"Gli obiettivi economici accelerano il cambiamento per le donne saudite", fa presente Eleonora Ardemagni Associate Research Fellow, ISPI.
" Ciò è dovuto principalmente alle riforme “Vision 2030”: l'occupazione femminile è al centro della diversificazione post-petrolio. Il regno saudita offre più libertà e opportunità rispetto a prima alle sue cittadine: ad esempio, le donne saudite di età superiore ai 21 anni possono ora viaggiare all'estero e ottenere un passaporto senza il permesso del loro tutore maschio.
Tuttavia, ciò avviene come concessione dall'alto verso il basso e molti attivisti sono ancora in carcere. Nuovi modelli di ruolo sono enfatizzati dai media locali (le donne saudite possono ora prestare servizio nelle forze armate e sono autorizzate a guidare i treni, per esempio), anche come parte di una "offensiva di fascino" per catturare le opinioni pubbliche occidentali.

Molte donne ambasciatrici sono state nominate in Arabia Saudita, come Haifa Al-Jedea, recentemente nominata ambasciatrice presso l'UE. L'inclusione femminile sta aiutando i giovani sauditi, soprattutto a Riyadh e nei grandi centri urbani, a “stringersi attorno alla bandiera delle riforme”, per bloccare potenziali malumori. Non si sa come le regioni saudite più periferiche e spesso conservatrici faranno, però, fronte ai cambiamenti.


"Le donne iraniane affrontano difficoltà socio-economiche, ma  oggi la società le segue nelle loro proteste" sottolinea
Sara Bazoobandi, Associate Research Fellow, ISPI; Marie Curie Fellow, GIGA Institute of Middle East Studies
"Per decenni, le donne iraniane sono state oggetto di discriminazioni a più livelli radicate nella società patriarcale.
Dopo la rivoluzione islamica, la situazione è peggiorata poiché la discriminazione strutturale sponsorizzata dallo stato è diventata un elemento integrante dell'Iran post-rivoluzionario.

Nonostante ciò, grazie alla resilienza delle donne iraniane, l'Iran ha avuto uno dei più alti numeri di donne laureate in tutta la regione MENA. Tuttavia, l'istruzione superiore non ha aiutato la forza lavoro femminile a partecipare alle attività economiche. Una donna iraniana su 5 ha avuto accesso a opportunità di lavoro.

A questo proposito, l'Iran resta indietro rispetto a paesi come l'Arabia Saudita, la Turchia e l'Egitto. La violenza di genere, le leggi discriminatorie e la struttura patriarcale della società in cui lo stato ha investito molto nella promozione di una cultura basata sulla rappresentazione dell'immagine di una donna ideale come sottomessa e completamente dipendente dai membri maschi della famiglia hanno contribuito al risentimento e alla frustrazione della popolazione femminile iraniana.

Gli uomini iraniani sono diventati sempre più consapevoli e sostenitori dei diritti delle loro concittadine. Nei  recenti disordini in Iran, innescati dall'uccisione di una giovane donna, uomini e donne iraniani si sono uniti e sono diventati il punto di svolta di mesi di proteste a livello nazionale in Iran. Tuttavia, le proteste sono rimaste senza risposta da parte dello Stato. Ciò mantiene significativamente alta la probabilità di un'ulteriore intensificazione delle proteste in cui le donne iraniane sono fortemente presenti." afferma Sara Bazzobandi.

"In Afghanistan: il posto peggiore per essere una donna"  Secondo il Women Peace and Security Index (WPS Index).
Un Paese dove le donne, pur rischiando frustate, lapidazioni, arresti e torture, protestano dal 15 agosto 2021, data del ritorno al potere dei talebani a seguito degli accordi di Doha firmati dall'amministrazione statunitense di Donald Trump.

Tra il 2001 e il 2018, durante il periodo di occupazione da parte delle forze internazionali, il numero di donne con un'istruzione superiore era aumentato di quasi 20 volte e una giovane donna su tre era iscritta all'università. Ma il 20 dicembre i talebani – disattendendo le promesse fatte a Doha – vietarono l'iscrizione delle donne nelle università e privarono più di 100.000 studentesse della possibilità di completare gli studi. È facile capire perché, da quando i talebani sono tornati al potere, la percentuale di donne sopra i 15 anni che si sentono al sicuro nella propria comunità è passata dal 35,5% al 9,8%. Nonostante questo, gli afghani non si sono chiusi in casa: dopo il 20 dicembre le ragazze sono tornate nelle piazze di Kabul e Nangahar per protestare ancora. Anche a costo della loro vita" sottolinea Marta Serafini, giornalista de Il Corriere della Sera

Nonostante ciò i parlamenti di tutta la regione rimangono in gran parte dominati dagli uomini e le donne lottano per raggiungere posizioni governative di alto livello; Esistono ancora profonde disparità di genere nel mercato del lavoro, insieme a un significativo divario geografico nella condizione femminile complessiva tra aree urbane e rurali .

Inoltre, la condizione delle donne è minacciata dall'instabilità – quando non in crisi – di molte economie regionali o perché devastate dalla guerra, come la Siria e lo Yemen , dove le ragazze e le donne spesso pagano il prezzo più alto.

Poiché i risultati socio-economici rimangono fragili, la determinazione e il coraggio delle donne nel far sentire la propria voce in molti paesi MENA è impressionante, mentre continuano a scendere in piazza per chiedere maggiori diritti e opportunità. (08/03/2023-ITL/ITNET)








Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07