Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 4 marzo 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

AMBIENTE - EUROPA/NEUTRALITA' CLIMATICA - CONSIGLIO UE PRONTO ISTITUZIONE PRIMO QUADRO CERTIFICAZIONI EUROPEA (monitoraggio, stoccaggio, comunicazione e verifica) RIMOZIONE CARBONIO

(2023-11-21)

Il Consiglio ue ha adottato  il mandato negoziale per i colloqui con il Parlamento europeo su una proposta volta a istituire il primo quadro di certificazione a livello UE per la rimozione del carbonio. il  quadro volontario mira a facilitare e accelerare la realizzazione di attività di rimozione del carbonio di alta qualità nell’UE, con conseguente impatto climatico positivo inequivocabile, combattendo al contempo il greenwashing.

La proposta stabilisce norme di monitoraggio, comunicazione e verifica (MRV) per le rimozioni di carbonio. Integrando gli sforzi volti a ridurre le emissioni di gas serra (GHG), contribuirà all’ambizioso obiettivo dell’UE di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, come stabilito nella legge europea sul clima.

Il mandato negoziale, concordato a livello di Coreper, definisce la posizione del Consiglio per l'avvio dei negoziati ("triloghi") con il Parlamento per definire il testo finale della legislazione.

"La lotta al cambiamento climatico e il raggiungimento della neutralità climatica richiedono uno sforzo a 360 gradi. Non solo stiamo adottando misure senza precedenti per ridurre le emissioni di gas serra, ma stiamo anche lavorando per controbilanciare le inevitabili emissioni causate da quei settori difficili da abbattere che inevitabilmente rimanere dipendenti dal carbonio. Rimuovere quantità crescenti di CO2 dall'atmosfera è fondamentale per raggiungere l'obiettivo globale di zero emissioni nette e limitare il riscaldamento globale a 1,5° C. Il mandato odierno rappresenta il primo passo verso l'introduzione di un quadro completo per la rimozione del carbonio nella legislazione dell'UE e un'ulteriore testimonianza della necessità di i nostri sforzi per il clima." ha dichiarato Teresa Ribera Rodríguez, terzo vice primo ministro spagnolo e ministro per la transizione ecologica e la sfida demografica

Il regolamento proposto copre diversi tipi di rimozione del carbonio, compreso lo stoccaggio permanente del carbonio attraverso tecnologie industriali (come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS) e la cattura diretta con cattura e stoccaggio dell'aria (DACCS)), l'agricoltura del carbonio (ad esempio, il ripristino delle foreste e gestione del suolo e delle zone umide) e stoccaggio del carbonio in prodotti di lunga durata (come le costruzioni a base di legno).

Il mandato del Consiglio estende l'ambito delle attività che possono essere certificate nell'ambito del nuovo quadro per includere, oltre alle rimozioni di carbonio, alcuni tipi di attività di carbon farming che riducono le emissioni dai suoli agricoli , purché si traducano, nel complesso, in un miglioramento nel bilancio del carbonio del suolo.

Le attività che non comportano la rimozione del carbonio o la riduzione delle emissioni del suolo, come la deforestazione evitata o la riduzione delle emissioni del bestiame, non sono incluse nel campo di applicazione del regolamento.

Il mandato mantiene il requisito della proposta della Commissione secondo cui le attività di rimozione del carbonio e di riduzione delle emissioni del suolo devono soddisfare quattro criteri generali per essere certificate: QUANTIFICAZIONE, addizionalità, stoccaggio a lungo termine e sostenibilità ( QU.ALITY ).

Sulla base dei criteri QU.ALITY, la Commissione, assistita da un gruppo di esperti, svilupperà metodologie di certificazione su misura per diversi tipi di attività di rimozione del carbonio e di riduzione delle emissioni nel suolo. Il Consiglio ha introdotto alcune modifiche per definire più precisamente la portata degli atti delegati che svilupperanno tali metodologie e terranno meglio conto delle caratteristiche specifiche delle attività disciplinate dal regolamento.

Il mandato del Consiglio mantiene gli elementi chiave del processo di certificazione in due fasi e la natura volontaria della certificazione. Per richiedere la certificazione, gli operatori dovranno presentare informazioni complete sull’attività in questione e sulla sua prevista conformità ai criteri di QUALITÀ ad un organismo di certificazione, che effettuerà poi un audit indipendente per verificare le informazioni e – se i criteri sono soddisfatto: emettere un certificato. L'organismo di certificazione dovrà effettuare regolari audit di ricertificazione per riconfermare la conformità dell'attività, almeno ogni cinque anni .

Il mandato del Consiglio invita la Commissione a istituire, quattro anni dopo l'entrata in vigore del regolamento, un registro elettronico comune a livello dell'UE per archiviare i documenti relativi al processo di certificazione, compresi i certificati e le sintesi degli audit di certificazione, e facilitare l'accesso del pubblico ai tali informazioni. Fino ad allora, i sistemi di certificazione previsti dal quadro devono fornire registri pubblici basati su sistemi automatizzati e interoperabili.

Il testo prevede una revisione del regolamento da parte della Commissione entro il 2028 , e successivamente dopo ogni esercizio di bilancio previsto dall'accordo di Parigi.(21/11/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07