Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 23 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

AMBIENTE - ENERGIA PULITA - INAUGURATO PARCO EOLICO MARINO A TARANTO: CAPACITA' COMPLESSIVA 30MW ASSICURA PRODUZIONE 58.000 MWh FABBISOGNO ANNUO 60mila PERSONE

(2022-04-21)

Inaugurazione del parco eolico offshore di Taranto, che secondo il ministro delle Infrastrutture e trasporti sostenibili, Enrico Giovannini, si  inquadra “in un ambito importante di investimento complessivo nel  nostro Paese sul fronte dell'energia rinnovabile che nei prossimi  anni vedra' un vero e proprio balzo in Italia di impianti di varia  natura”.

Quello di Taranto è il primo parco eolico marino del Mediterraneo. L'impianto, che comprende dieci pale per una capacità complessiva di 30 MW, assicurerà una produzione di oltre 58mila MWh, pari al fabbisogno annuo di 60mila persone.
In termini ambientali vuol dire che, nell'arco dei 25 anni di vita prevista, consentirà un risparmio di circa 730mila tonnellate di anidride carbonica.

Il presidente della regione Toscana, Eugenio Giani, interviene sulla questione delle pale eoliche, sottolineando che “siamo pronti a un nuovo ordine delle cose, è un nuovo ordine mondiale quello che si determina a livello geopolitico con la Russia”.

Quindi “dovremo avere una maggiore autosufficienza energetica e questo significa fare più geotermia, più pale eoliche, più bacini idroelettrici, più pannelli fotovoltaici. Tutto ciò avviene in una regione che gode già oggi di oltre il 50% di energie rinnovabili. Questo significa anche creare situazioni di competizione in nome della sostenibilità ambientale”.

"Sappiamo – afferma Giovannini - che c'è una scuola di pensiero contraria alle installazioni di parchi eolici e di parchi fotovoltaici in nome di un elemento che è tutelato dalla nostra Costituzione: la tutela del paesaggio che però va considerato insieme ad altre tutele di cui la nostra Costituzione si fa garante, tra l'altro proprio quella degli ecosistemi, dell'ambiente, nell'interesse delle future generazioni come recita il cambiamento dell'articolo 9 della nostra Costituzione recentemente votato dal Parlamento”.

Giovannini auspica che si trovino "soluzioni di mediazione anche per ciò che riguarda parchi eolici e fotovoltaici e iniziative di energie rinnovabili, perché ne abbiamo bisogno per il benessere di questa generazione e soprattutto delle future generazioni”.

Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ritiene che “l'eolico applicato al marino può essere per l'Italia davvero un settore importante di sviluppo. Altre iniziative hanno avuto il via libera e c'è grande impulso da parte del Governo".

Per Giorgetti “questo può rappresentare una pietra miliare e un motivo di emulazione per tanti altri che, finanziati magari con i contratti di sviluppo e iniziative che il Pnrr ha messo in campo, possano dare un contributo fattivo a quella che sarà in prospettiva la sovranità energetica del Paese che è l'obiettivo che tutti quanti ci dobbiamo porre". (21/04/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07