Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 23 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - DALLA CES: "L'UNIONE EUROPEA DEVE FERMARE LE CAUSE SLAPP CONTRO LAVORATORI, SINDACALISTI, GIORNALISTI E SOCIETA' CIVILE - E CHIEDE SANZIONI A CHI AVVIA TALI CAUSE

(2022-04-26)

    SLAPP: l'UE deve fermare il silenziamento dei lavoratori con minacce legali infondate. Lo chiede la Confederazione Europea dei Sindacati, che spiega oggi in una nota in cui anticipa la pubblicazione domani, 27 aprile,  di una "bozza di direttiva" da parte della Commissione Europea:

"Con le grandi imprese che utilizzano sempre più minacce legali vessatorie note come "SLAPP" per mettere a tacere i sindacalisti, l'UE deve includere i diritti dei lavoratori in una nuova direttiva progettata per fermare la tattica" ricorda la CES/ETUC

"Il numero di "cause strategiche contro la partecipazione pubblica" avviate in Europa è aumentato da 4 nel 2010 ad almeno 111 lo scorso anno, con giornalisti, attivisti e accademici presi di mira principalmente da aziende, politici e governi.

La maggior parte dei casi viene archiviata, ritirata o risolta, ma non prima di lunghe procedure che causano sostanziali conseguenze finanziarie e psicologiche sui soggetti presi di mira.

Le imprese private, ma anche gli enti pubblici, stanno utilizzando la tattica nel tentativo di prevenire le legittime azioni sindacali.
Includono i seguenti casi:

Francia : tre attivisti sindacali sono stati citati in giudizio senza successo per diffamazione dopo aver denunciato le cattive condizioni di lavoro tra i lavoratori stranieri nell'agricoltura.

Finlandia : uno sciopero legale dei lavoratori Finnair è stato annullato dopo essere stato oggetto di un ricorso legale da parte del datore di lavoro. Un tribunale ha successivamente ritenuto l'azione illegale. Finnair ha successivamente pagato al sindacato coinvolto 50.000 euro insieme alle spese legali.

Croazia: l'emittente pubblica HRT ha avviato un procedimento giudiziario contro i presidenti dei sindacati dei suoi giornalisti tra il giorno di Natale e la vigilia di Capodanno nel 2019, chiedendo 67.000 euro di multa.

La Commissione europea ha promesso nel febbraio 2021 di presentare un'iniziativa per proteggere i giornalisti e la società civile dagli SLAPP e dovrebbe pubblicare la sua bozza di direttiva mercoledì.

La CES, che è un membro della CASE Coalition Against SLAPPS in Europa, chiede alla Commissione di garantire che la proposta protegga esplicitamente i diritti dei lavoratori e dei sindacati.

Dovrebbe inoltre:
Non limitare l'azione ai casi transfrontalieri, che rappresentano solo uno SLAPP su dieci. Ciò è particolarmente importante dato che nessuno Stato membro ha adottato una legislazione nazionale per prevenire gli SLAPP.

Impedire il "forum shopping" in base al quale i candidati possono presentare reclami in base a dove ritengono di avere le migliori possibilità di ottenere il risultato desiderato o riuscire a esaurire con successo le risorse, il tempo e l'energia dei loro obiettivi.

Dissuadere i potenti attori dal lanciare SLAPP assicurando che le cause vessatorie vengano archiviate in una fase iniziale, gli iniziatori di tali abusi giudiziari siano sanzionati e le loro vittime ricevano sostegno.

Parlando prima della pubblicazione della direttiva, la segretaria confederale della CES Isabelle Schömann ha dichiarato:

“Le cause SLAPP vengono sfruttate dalle imprese per intimidire e attaccare lavoratori e sindacalisti che esercitano diritti democratici fondamentali come la libertà di espressione e il diritto all'azione collettiva. Questo deve finire.

“Nonostante l'enorme escalation del numero di SLAPP nell'ultimo decennio, nessun paese dell'UE ha intrapreso un'azione legislativa per fermare questa pratica. Ciò rende una forte direttiva dell'UE contro gli SLAPP ancora più importante per sostenere la democrazia contro l'effetto agghiacciante di queste minacce legali abusive.

“Sebbene la Direttiva UE sugli informatori costituisca un precedente importante per la protezione dei lavoratori che si esprimono nell'interesse pubblico, è fondamentale che sia integrata con le norme UE sugli SLAPP. Allo stesso modo del whistleblowing, la partecipazione del pubblico svolge un ruolo fondamentale nel garantire il reale godimento dei diritti fondamentali, l'accesso del pubblico alle informazioni e lo stato di diritto".

Tea Jarc, presidente del Comitato Giovani della CES ,che ha condotto una campagna contro gli SLAPP emessi dal governo sloveno per minare il diritto di protesta, ha aggiunto:

"Negli ultimi due anni, sotto il governo di estrema destra in Slovenia, attivisti, sindacati e giornalisti dei media sono stati attaccati con azioni legali SLAPP a causa del loro lavoro.

“Questa è una tattica nota e troppo spesso vincente per spaventare i cittadini, fermare le proteste e chiudere il pensiero critico. Sta mettendo a rischio la democrazia.

“L'esempio più visibile di ciò in Slovenia è un caso attuale, di oltre 20 cause intentate dal governo sloveno contro un individuo per aver organizzato proteste anti-governative, a cui hanno partecipato diversi attori della società civile, compresi i sindacati. L'Unione europea deve porre fine a questa pratica sleale e garantire protezione legale agli attivisti". (26/04/2022- ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07