Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 25 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - POVERTA' ENERGETICA - DAI 50 AI 125 MILIONI EUROPEI SENZA ELETTRICITA'. PROPOSTE CONCRETE DAL CESE : MISURE LOCALI PER RAGGIUNGERE RISULTATI MIRATI FASCE BASSO REDDITO".

(2022-04-26)

  Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha organizzato per il secondo anno consecutivo un'importante conferenza per fare il punto sulla situazione della povertà energetica negli Stati membri dell'UE, presentando proposte concrete per affrontare questo importante problema sociale.

Proteggere i più vulnerabili ma allo stesso tempo responsabilizzare i cittadini dell'UE coinvolgendoli attivamente nella transizione energetica. Con queste parole, il commissario europeo per l'Energia Kadri Simson e la presidente del CESE Christa Schweng hanno chiesto più azioni da tutte le parti alla conferenza sull'ibrida La lotta alla povertà energetica al centro della transizione ecologica ed energetica tenutasi presso il CESE a Bruxelles il 21 aprile 2022 .

La povertà energetica è una triste realtà che sappiamo che milioni di cittadini dell'UE si trovano ad affrontare e che viene ulteriormente aggravata dagli eventi attuali. È più evidente che mai che dovremmo proteggere i bisognosi, ma anche responsabilizzare tutte le persone negli Stati membri attraverso la nostra politica energetica. Questa è anche la ricetta per una transizione equa, ha affermato la Sig.ra Simson .

Ricordando che la transizione energetica è stato un momento unico per intraprendere un'azione coordinata, anche in vista dell'attuale ondata di solidarietà e integrazione in Europa come reazione alla guerra in Ucraina, la sig.ra Schweng ha aggiunto: Abbiamo bisogno di una visione reale. Le misure devono essere attuate tenendo presente che la solidarietà con i più vulnerabili deve rimanere una priorità! La riduzione della povertà energetica non può essere raggiunta senza il coinvolgimento attivo della società civile organizzata. Dobbiamo cogliere le opportunità per agire, reagire e avere un impatto.

La povertà energetica è ancora un grosso problema sociale in tutti gli Stati membri dell'UE e in tutto il mondo. Negli ultimi anni la situazione è peggiorata e, secondo gli ultimi rapporti, più di 700 milioni di persone nel mondo, circa il 10 per cento della popolazione, vivono in condizioni di estrema povertà e non hanno accesso all'elettricità. In tutta Europa sono tra i 50 ei 125 milioni di persone.

L'UE deve attuare una transizione socialmente equa ed equa verso un'Unione europea climaticamente neutra entro il 2050, dimostrando che è possibile raggiungere gli obiettivi energetici e climatici garantendo al contempo che nessuno rimanga indietro.

Per combattere la povertà energetica, Baiba Miltovi?a , Presidente della Sezione Trasporti, Energia, Infrastrutture e Società dell'Informazione (TEN), ha sottolineato che è necessaria una forte volontà politica per creare una coalizione tra tutti gli attori sul campo e a livello nazionale ed europeo , sottolineando che il CESE è pronto a svolgere un ruolo attivo e riunire tutte le parti interessate.

La strada da percorrere: più fondi, misure locali e ristrutturazione diffusa degli edifici
L'evento è stato organizzato con il sostegno della presidenza francese del Consiglio dell'Unione europea e ha fatto seguito alla conferenza del CESE del 2021 La povertà energetica al crocevia del pilastro europeo dei diritti sociali e del Green Deal europeo .

I partecipanti includevano l'attivista per la povertà energetica Martha Myers in rappresentanza della coalizione Friends of the Earth Europe and the Right to Energy, Miguel Morcillo del Patto dei sindaci, Clotilde Clark-Foulquier della Federazione europea delle organizzazioni nazionali che lavorano con i senzatetto (FEANTSA) e studenti universitari di Scienze Po Strasburgo.

Hanno concordato i seguenti messaggi chiave:

1) Sono necessari maggiori fondi, nonché un accesso semplificato ai finanziamenti dell'UE;

2) L'accesso decentralizzato all'energia e le misure locali sono i mezzi migliori per raggiungere risultati mirati, soprattutto per le famiglie povere di energia;

3) La ristrutturazione su larga scala degli edifici è ormai una necessità assoluta, a sostegno delle fasce di reddito più basse;

4) Le organizzazioni della società civile dovrebbero svolgere un ruolo chiave nella definizione e nell'attuazione delle politiche energetiche;

5) Il CESE intende spingere per la creazione di una forte coalizione tra gli attori sul campo ei livelli politici nazionali ed europei.

Le conclusioni dettagliate saranno presto disponibili sul sito web della conferenza. (26/04/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07