Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 15 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

UNIVERSITA' ITALIANE NEL MONDO - ALL'ATENEO DI PARMA 10 BORSE DI STUDIO PER STUDENTESSE/I UCRAINI

(2022-07-01)

L’Università di Parma, ER.GO - Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori e la Fondazione Anna Mattioli ETS - FAM, grazie al contributo erogato dalla FAM, mettono a disposizione per l’anno accademico 2022-2023 10 borse di studio in denaro e servizi per studentesse e studenti ucraini.

Il bando, pubblicato sul sito dell’Università di Parma nella pagina https://www.unipr.it/informazioni-utili-aa-2022-23, è aperto fino al 1° agosto.

I destinatari sono studenti e studentesse ucraini iscritti o che si immatricolano a corsi di laurea, laurea magistrale e magistrale a ciclo unico all’Università di Parma nell’a.a. 2022-2023 che non abbiano redditi personali o del nucleo familiare in Italia, oppure profughi provenienti dall’Ucraina che abbiano regolarizzato la propria presenza sul territorio nazionale secondo le disposizioni nazionali vigenti.

Gli studenti e le studentesse che presentano domanda devono essere iscritti all’a.a. 2022-2023 entro il primo anno fuori corso, senza debiti contributivi o sanzioni amministrative.

Le 10 borse di studio messe a disposizione sono composte da una borsa in denaro di 3.500 euro, un alloggio gratuito al “Residence il Parmigianino”, reso disponibile dalla FAM, per l’anno accademico 2022-2023, per un periodo di dodici mesi, un voucher prepagato per l’accesso ai servizi ristorativi del valore di 500 euro, messo a disposizione da ER.GO, da consumare entro 31 dicembre 2023 nei punti ristorativi ER.GO e/o convenzionati, l’esonero totale dal contributo universitario, a eccezione della tassa regionale di 140 euro e del bollo virtuale di 16 euro, per l’a.a. 2022-2023.

Sono inoltre previsti diversi servizi di supporto: accoglienza, orientamento, inserimento nel contesto universitario e sociale; assistenza nella fase di ammissione al corso di laurea e sostegno durante tutto il percorso di studio tramite, ad esempio, corsi di lingua italiana per stranieri e fornitura di strumentazione per la didattica a distanza, disponibilità di tutor per l’integrazione in affiancamento, attività di counseling in caso di periodi transitori di difficoltà.

“Accoglienza è una delle parole chiave dell’Università di Parma ed è per noi una pratica concreta, tanto più in un momento difficile come quello che stiamo vivendo. L’Ateneo ha aderito alla rete coordinata dalla Regione Emilia-Romagna per studentesse e studenti ucraini, e d’intesa con il Ministero ha messo in campo diverse iniziative anche per docenti, ricercatori e ricercatrici. Questo contributo economico elargito dalla Fondazione Anna Mattioli, che ringraziamo moltissimo per la sua sensibilità e attenzione, è un’azione importante perché ci consente di aggiungere un’ulteriore iniziativa, insieme a ER.GO”, commenta il Rettore Paolo Andrei, che sottolinea l’impegno dell’Ateneo “nel costruire un sistema territoriale ampio, composto da soggetti diversi, pubblici e privati, per l’accoglienza”.

“La Fondazione Anna Mattioli ETS è nata recentemente per dare un sostegno concreto alle famiglie di bambini ospedalizzati durante la degenza ospedaliera. In questo momento di grandi difficoltà per la popolazione ucraina ci siamo sentiti però in dovere di sviluppare un’iniziativa in collaborazione con Enti locali per garantire a studenti ucraini un’opportunità di studio. Siamo orgogliosi di affiancare Università di Parma ed ER.GO in questa importante iniziativa”, dichiara il Presidente FAM Marco Micheli.

La domanda è compilabile fino al 1° agosto, solo on line al link https://www.idem.unipr.it/secure/bandoucraina.

Tutte le info nel bando, nella pagina https://www.unipr.it/informazioni-utili-aa-2022-23. (01/07/2022-ITL/ITNET)



Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07