Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 16 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA/ENERGIA - CES ACCOGLIE CON FAVORE PIANO COMMISSIONE RIDUZIONE E RISPARMIO ENERGETICO MA NECESSARIE MISURE SOCIALI PIU' FORTI PER CONSUMATORI E AZIENDE

(2022-07-20)

  La Commissione Europea ha presentato oggi il suo piano per ridurre la domanda europea di gas del 15% dal 1 agosto al 31 marzo 2023.

La Confederazione Europea dei sindacati concorda sul fatto che la riduzione del consumo energetico e l'incoraggiamento al risparmio energetico siano la risposta più efficace a breve termine all'attuale emergenza. Anche anticipare le sfide future e aumentare il coordinamento tra gli Stati membri è positivo.

Quando si tratta di famiglie, la campagna per aumentare il risparmio energetico è importante, ma non sufficiente. Non sempre è possibile per le famiglie ridurre ulteriormente i propri consumi energetici, in particolare per i consumatori a basso reddito e poveri di energia che già risentono dell'aumento dei prezzi e sono ai limiti di ciò che possono risparmiare. Le campagne devono essere combinate con iniziative e investimenti per aumentare rapidamente l'efficienza energetica, in particolare negli edifici, con una forte attenzione ai più vulnerabili.

La CES invita inoltre i responsabili politici a concordare ulteriori misure a breve termine per proteggere le famiglie colpite dall'inflazione dei prezzi dell'energia, compreso il divieto di disconnessioni e un tetto ai prezzi dell'energia.

La CES insiste sul fatto che la sostituzione del gas passando ad altri combustibili e produzioni nazionali potrebbe essere necessaria a breve termine, ma deve essere temporanea e non deve far deragliare gli obiettivi climatici dell'UE. La rapida diffusione delle energie rinnovabili dovrebbe rimanere la massima priorità e qualsiasi decisione di passare ai combustibili fossili dovrebbe essere valutata attentamente per rimanere compatibile con gli obiettivi del Green Deal europeo.

Aziende e lavoratori sono già colpiti dagli alti prezzi dell'energia. La CES si rammarica che la comunicazione della Commissione non includa più misure per sostenere il mondo del lavoro prima di ulteriori impatti. In caso di carenza di gas o di aumento vertiginoso dei prezzi dell'energia che costringano le aziende a ridurre o interrompere le loro attività, l'UE dovrebbe essere pronta a riattivare meccanismi di solidarietà (come SURE) a sostegno dei regimi di riduzione dell'orario di lavoro e dei lavoratori in cassa integrazione.

La CES accoglie favorevolmente la proposta della Commissione di consentire una maggiore flessibilità quando si tratta di aiuti di Stato a sostegno di imprese in difficoltà a causa della carenza di gas o dell'aumento dei costi energetici, ma gli aiuti dovrebbero essere subordinati a forti impegni sociali e ambientali. L'UE deve garantire che il prossimo inverno sia sicuro anche per i lavoratori.

Commentando la comunicazione, Ludovic Voet, segretario confederale della CES, ha dichiarato:
“Accogliamo con favore la forte attenzione alla necessità di ridurre il consumo di energia e di risparmiare energia. Ma questo da solo non è sufficiente, dobbiamo anche aumentare rapidamente l'efficienza degli edifici insieme a misure a breve termine per sostenere i bassi redditi e i poveri di energia”.

"Il passaggio temporaneo ai combustibili fossili potrebbe essere necessario a breve termine, ma dobbiamo stare attenti che ciò non faccia deragliare gli obiettivi climatici dell'UE. L'UE deve anche stare attenta a non sostituire la sua dipendenza energetica da un regime autocratico con un altro. Ai nuovi contratti energetici con i paesi terzi dovrebbero essere applicate solide salvaguardie sociali, ambientali e democratiche".

“L'attuale crisi energetica ha un enorme impatto sui lavoratori e sulle aziende. Hanno anche bisogno di essere supportati. Il piano presentato oggi dalla Commissione manca di un meccanismo di solidarietà come SURE per sostenere i regimi di lavoro a orario ridotto e i lavoratori temporaneamente licenziati a causa dei prezzi elevati dell'energia o della carenza di gas".(20/07/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07