Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 15 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA - EUROPA - PRES. COMM. VON DER LEYEN : RIDUZIONE 15% DOMANDA GAS - TIMMERMANS (V.PRES.) "STIAMO ANDANDO AVANTI PER FACILITARE ACQUISTO CONGIUNTO GAS E IDROGENO

(2022-07-26)

"Oggi l'UE ha compiuto un passo decisivo per fronteggiare la minaccia di un'interruzione totale del gas da parte di Putin. Accolgo con favore l'approvazione da parte del Consiglio del regolamento del Consiglio sulle misure coordinate di riduzione della domanda di gas" così la Presidente della Commissione Europea  a seguito dell'accordo politico sul Regolamento del Consiglio sulle misure coordinate di riduzione della domanda di gas.

L'accordo politico raggiunto dal Consiglio a tempo di record, sulla base della proposta della Commissione "Salvare il gas per un inverno sicuro" presentata la scorsa settimana, garantirà una riduzione ordinata e coordinata del consumo di gas in tutta l'UE per prepararsi al prossimo inverno. Integra tutte le altre azioni intraprese fino ad oggi nel contesto di REPowerEU, in particolare per diversificare le fonti di approvvigionamento di gas, accelerare lo sviluppo delle energie rinnovabili e aumentare l'efficienza energetica.

L'impegno collettivo a ridurre del 15% è molto significativo e aiuterà a riempire il nostro magazzino prima dell'inverno."

noltre, la possibilità di dichiarare lo stato di allerta dell'UE determinando riduzioni obbligatorie del consumo di gas negli Stati membri fornisce un segnale forte che l'UE farà tutto il possibile per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento e proteggere i propri consumatori, siano essi famiglie o industria.

Agendo insieme per ridurre la domanda di gas, tenendo conto di tutte le specificità nazionali rilevanti, l'UE ha assicurato solide basi per l'indispensabile solidarietà tra gli Stati membri di fronte al ricatto energetico di Putin. L'annuncio di Gazprom che taglierà ulteriormente le consegne di gas in Europa attraverso il Nord Stream 1, senza giustificati motivi tecnici, illustra ulteriormente la natura inaffidabile della Russia come fornitore di energia. Grazie alla decisione odierna, siamo ora pronti ad affrontare la nostra sicurezza energetica su scala europea, come Unione." ha concluso la Presidente Von der Leyen.


Il vicepresidente dell' esecutivo Timmermans, aprendo il  Consiglio straordinario per l'energia sulla sicurezza dell'approvvigionamento energetico nell'UE aveva affermato:

"La piattaforma energetica dell'UE e la task force porteranno rapidamente avanti e coordineranno il lavoro dei cinque gruppi regionali in modo da utilizzare nel modo più efficace ed efficiente l'infrastruttura del gas esistente in tutta l'Unione e risolvere i problemi quando si verificano problemi in tale infrastruttura. Stiamo anche andando avanti per facilitare l'acquisto congiunto di gas e idrogeno.

Il presidente von der Leyen e Kadri hanno avuto dei veri successi negli ultimi giorni, in Azerbaigian e altrove. Stiamo facendo tutto il possibile come Unione per diversificare la nostra fornitura di gas in vista del prossimo inverno e siamo sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di 60 miliardi di metri cubi. Penso che siamo già oltre i 35 bcm.

Con i suoi altri elementi, RePowerEU può portarci a un terzo delle importazioni di gas russe che abbiamo avuto l'anno scorso. Già molto più di quanto pensassimo di essere in grado di fare in così poco tempo, eppure potrebbe non bastare. Perché se Putin chiude completamente il rubinetto, puoi star certo che accadrà nel momento in cui pensa ci farà più male.

Per porre fine a questa persistente vulnerabilità, dobbiamo fare di più.

E possiamo. Abbiamo la possibilità di ridurre il nostro consumo di gas e di far funzionare la solidarietà. Questi sono i passi che dobbiamo compiere se vogliamo assicurarci che Putin non controlli la nostra sicurezza energetica.

Se non risparmiamo il 15% in tutta l'UE, in un quadro volontario o obbligatorio, faremo una scommessa pericolosa.

Vi saluto per aver adottato il compromesso proprio ora. E mentre quel testo è ancora un importante passo avanti rispetto a dove siamo oggi, è un enorme passo avanti, ma dovremo essere molto al passo con gli sviluppi in modo da poter reagire agli sviluppi, se necessario.

Ogni giorno rimandiamo risparmi ambiziosi e difficili ma anche necessari. Aumentiamo il costo per affrontare un'emergenza. Più aspetti, maggiori saranno i costi. È molto chiaro. Ci renderemmo anche più vulnerabili - in un inverno più freddo, a una maggiore concorrenza sul mercato del GNL e a più giochi di gas russi.

Possiamo essere padroni della nostra sicurezza energetica quest'inverno, ma per farlo dobbiamo risparmiare gas in tutta l'UE. E la buona notizia è che se lo facciamo possiamo anche fare un grosso buco nei ricavi delle esportazioni di Putin. Ma ancora più importante, possiamo dimostrargli che manterremo la rotta fino a quando l'Ucraina non sarà completamente libera dall'aggressione russa. (26/07/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07