Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 28 settembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - STATI UNITI - AL MAGAZZINO ITALIAN ART (COLD SPRING, N.Y.) "VIZIO DI FORMA" DI MARGHERITA RASO

(2022-09-20)

Al Magazzino Italian Art presenta "Vizio di Forma", la prima mostra personale istituzionale di Margherita Raso negli Stati Uniti, curata da Chiara Mannarino ed esposta dal 21 settembre al 22 ottobre 2022 in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di New York e la Casa Italiana Zerilli-Marimò della New York University .

La pratica di Raso abbraccia una varietà di mezzi, dalla scultura all'installazione site-specific, e ha un focus materiale. Vizio di Forma è composto da tre corpi di opere scultoree che si confrontano con linguaggi, forme e stili diversi, racchiudendo insieme la vena artistica dell'artista fino ad oggi. Quasi ogni pezzo è stato prodotto di recente per la mostra.

Hoarders (2020-2022) è una serie di trenta urne modellate in base a una serie specifica di limitazioni, imposte sia dalla pandemia di COVID-19 che dall'artista stessa. I parametri autodeterminati di Raso includevano l'inizio e la fine di una forma entro 24 ore e il lavoro con ciascuno dei diversi tipi di argilla che aveva precedentemente raccolto e conservato nel suo studio fino all'esaurimento dei materiali a sua disposizione. Data la funzione dell'urna come vaso di conservazione e il costante esaurimento da parte di Raso degli oggetti accumulati che aveva a disposizione, questo gruppo di sculture commenta il tempo e il lutto e si differenzia per materialità e tecnica. I concetti di rituale e commemorazione emergono quando si considera l'approccio di Raso in tandem con l'urna come oggetto simbolico.

La struttura metallica che sostiene i pezzi in ceramica è composta da scaffalature industriali preesistenti. I segmenti di stoccaggio alludono al fallimento intrinseco dell'accumulazione e giocano nella dinamica unica tra funzionalità e inutilità, incarnata dall'atto di accumulare e, in questo caso, mostrare un vaso intrinsecamente funzionale (l'urna) in modo non funzionale.

Nella stessa stanza si trovano due pezzi tessili, entrambi prodotti meccanicamente su telaio Jacquard. Storicamente, questa tecnica intreccia due industrie: la produzione tessile e l'informatica. Il telaio Jacquard è importante per la storia dei computer perché è stata la prima macchina a utilizzare schede perforate intercambiabili per istruire una macchina a eseguire attività automatizzate.

Una delle opere tessili, intitolata Pour une seule nuit (plus d'etoiles) (2022), fa riferimento a un frammento di tessuto damascato di seta con motivo a stella della collezione della Fondazione Antonio Ratti a Como, in Italia. Dal 2014 al 2016, Raso ha condotto una ricerca nell'archivio tessile della Fondazione e, dopo aver trovato questo frammento unico, ha ideato un nuovo lavoro in cui ha rimosso il tessuto dal deposito di conservazione dei tessuti e lo ha esposto in una vetrina per un periodo di 24 ore —il tempo massimo assoluto di esposizione alla luce del pezzo per motivi di conservazione.

La questione della conservazione dei tessuti è direttamente richiamata nel titolo della mostra. Traducendo in "vizio intrinseco" - termine di conservazione che indica la tendenza di un oggetto o materiale a deteriorarsi o autodistruggersi a causa delle sue caratteristiche intrinseche - Vizio di Forma riflette il continuo interesse di Raso per il delicato e tenue equilibrio tra presentazione esterna e realtà interna, efficacia e collasso, controllo e imprevedibilità. Raso affronta ulteriormente la questione della conservazione - che, nel caso di queste opere, è legata alla luce, all'umidità e alla temperatura - attivando il condizionatore nello spazio della galleria come metodo di raffreddamento e regolando l'ambiente per una conservazione ottimale come in un contenitore per opere d'arte.

L'ultima scultura in mostra è un'opera in alluminio la cui trama e dettagli sono il risultato di un processo di colata tessile. Nel complesso, le opere  dell'artista  Raso rappresentano un commento contingente  sui modi in cui la materia, la precarietà e il degrado dominano il nostro mondo oggi.

La mostra è progettata da Ignacio de Siloniz di MQ Architecture.

--------------------------------------------------
La pratica di Margherita Raso abbraccia una varietà di mezzi, in particolare la scultura e l'installazione site-specific.
Raso ha conseguito una laurea in Arti Visive presso l'Accademia di Brera a Milano e attualmente frequenta il programma MFA presso il Die Institut Kunst FHNW di Basilea, Svizzera.

Dal 2014 al 2019 è co-fondatrice dello spazio d'artista Armada a Milano. Tra le sue recenti mostre personali: Casting The Tempo, Abbazia di Santa Maria in Lucedio, Vercelli, IT, 2021; Canale, Bibbia, New York, USA, 2018; e Piercing, Fanta-MLN, Milano, IT, 2017. I suoi lavori sono stati inclusi in mostre collettive a: Little, Bern, CH, 2022; CFA, Milano, IT, 2021; Museo Novecento, Firenze, IT, 2021; Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano, IT, 2021; MACRO, Roma, IT, 2021; Villa Olmo, Como, IT, 2021; Fanta-MLN, Milano, IT, 2020; WPN-NYC, New York, USA, 2019; WallRiss, Friburgo, CH, 2019; MAMbo, Bologna, IT.(20/09/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07