Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 27 novembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - EUROPA - DIALOGO MACROECONOMICO CON LE PARTI SOCIALI DELLA PRES. CONSIGLIO, BANCA EUROPEA E PRES. COMMISSIONE UE:NECESSARI STRUMENTI STRAORDINARI

(2022-11-07)

Il 7 novembre 2022 la presidenza del Consiglio, la Banca centrale europea e la Commissione europea si sono incontrate con le parti sociali europee per discutere dei recenti sviluppi della situazione economica, nonché della crisi energetica e del suo impatto sull'economia dell'UE.

Lo squilibrio energetico globale successivo alla fine della pandemia è stato aggravato dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina e da vari altri fattori, come la ritardata manutenzione delle infrastrutture del gas. Principalmente a causa dell'aumento dei prezzi dell'energia, l'economia dell'UE sta subendo un altro grave shock negativo. La maggior parte degli agenti economici ha subito conseguenze microeconomiche negative.

Per quanto riguarda le famiglie, l'aumento dei costi energetici fa aumentare il costo della vita. Le imprese devono fare i conti con l'aumento dei costi di produzione e di esercizio. Come auspicato dalle parti sociali, la crisi non può essere risolta con mezzi convenzionali, ma sono necessari strumenti straordinari per salvaguardare i più vulnerabili, mantenere la competitività delle nostre economie e preservare la coesione sociale nell'UE. La presidenza ceca promuove soluzioni europee da fornire il più rapidamente possibile. In generale, la situazione insolita del mercato dell'energia e il contesto macroeconomico generale incerto richiedono un cambiamento di comportamento collettivo e un dialogo sociale continuo per uscire dalla crisi con un'economia dell'UE più resiliente e più verde.

Per Zbyn?k Stanjura, ministro delle finanze della Repubblica ceca e presidente del Consiglio in formazione Ecofon:
"La guerra della Russia all'Ucraina ha gravi conseguenze socioeconomiche per l'intera Unione Europea. I prezzi record dell'energia e l'inflazione stanno danneggiando le famiglie e le imprese dell'UE, con le famiglie a basso reddito che sono le peggiori poiché spendono proporzionalmente di più per cibo ed energia.

Dobbiamo dare un forte sostegno a chi ne ha bisogno, fornendo al contempo incentivi per risparmiare energia e mantenendo un orientamento fiscale prudente per evitare di alimentare l'inflazione. Ciò può essere ottenuto solo facendo un lavoro migliore nell'individuare le misure di sostegno. Anche il dialogo sociale e i contratti collettivi hanno un ruolo essenziale da svolgere. Allo stesso tempo, l'Europa continua a lavorare per garantire fonti alternative di approvvigionamento energetico, comprese le rinnovabili, e per ridurre la nostra domanda di energia. Dobbiamo mantenere la rotta per costruire una solida base per la futura prosperità dell'Europa. Qui, la piena attuazione delle riforme e degli investimenti nei piani per la ripresa e la resilienza sarà di grande aiuto. Non si tratta solo di energia, ma anche di competitività globale e benessere sociale dell'Europa.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo della Commissione europea ha riassunto:
"Abbiamo avuto uno scambio di opinioni molto produttivo in occasione del dialogo macroeconomico odierno in un contesto difficile dato la guerra in Ucraina. Sul fronte economico, le economie europee si sono rafforzate e sono rimaste ferme, forse meglio sintetizzate da un livello record di disoccupazione. Detto questo, siamo tutti pienamente consapevoli delle sfide e dei rischi che dobbiamo affrontare, in particolare in relazione ai costi energetici e all'inflazione. È imperativo continuare a lavorare insieme ea coordinarci, con politiche agili, mirate e di supporto ove necessario.

Per Pasquale Donohoe, presidente dell'Eurogruppo:
"L'Europa corre il rischio di una lunga e profonda recessione se l'odierna crisi del costo della vita non viene affrontata correttamente. L'UE e gli Stati membri devono collaborare per salvare posti di lavoro e imprese, incoraggiare aumenti salariali attraverso la contrattazione collettiva e utili fiscali per consentire investimenti a breve, medio e lungo termine nella modernizzazione economica, anche per garantire forniture energetiche affidabili e rispettose del clima, per promuovere digitalizzazione e raggiungere la giustizia sociale.

Per fare ciò, l'UE ha bisogno di un nuovo meccanismo di solidarietà come SURE che abbia aiutato l'UE a superare la pandemia di covid e impedito risultati economici molto peggiori. Le norme dell'UE in materia di definizione delle politiche economiche devono essere riformate per consentire maggiori investimenti e prevenire l'austerità che peggiorerebbe ulteriormente i problemi economici e di disuguaglianza dell'UE. Le politiche economiche devono tenere conto dell'impatto sui posti di lavoro e sul tenore di vita dei lavoratori quando contemplano iniziative politiche restrittive.

C'è anche un urgente bisogno di sostenere immediatamente i lavoratori e le persone vulnerabili per superare la crisi del costo della vita in modo che non precipitino nella povertà.

Secondo Luca Visentini, Segretario Generale CES:
Il sentiment delle imprese è diminuito rapidamente dopo un primo semestre forte, guidato dalla riapertura del settore dei servizi post-civid.
L'aumento delle bollette energetiche e le continue interruzioni della catena di approvvigionamento significano che i costi per le aziende stanno aumentando molto più velocemente dell'inflazione dei consumatori.

I leader dell'UE devono concordare urgentemente nuove misure per alleviare i costi energetici per le imprese. Le recenti decisioni di investire in altri continenti piuttosto che in Europa a causa delle preoccupazioni sui prezzi dell'energia a lungo termine nell'UE, aggravate dalla profondità dell'attuale crisi energetica nell'UE, sono un segnale che non può essere ignorato.

È necessario intervenire ora per evitare ulteriori perdite di investimenti. In particolare, i responsabili politici dovrebbero prendere in considerazione misure a livello dell'UE per dissociare temporaneamente i prezzi dell'elettricità dai prezzi del gas e garantire ai governi la flessibilità necessaria per sostenere le imprese, pur mantenendo condizioni di parità nel mercato unico. In considerazione dello spazio fiscale limitato in molti Stati membri, le misure a sostegno dei consumatori e delle imprese con i costi energetici devono essere temporanee e ben mirate. In questo contesto, le parti sociali possono svolgere un ruolo importante nel contribuire a continuare a prevenire l'insorgere di una spirale dannosa tra salari e prezzi.

Markus J. Beyrer, Direttore Generale di BusinessEurope:
Oggi le imprese che forniscono servizi di interesse generale (SGI) si trovano ad affrontare pressioni estreme che minacciano la loro capacità di svolgere le loro missioni, investire e anticipare gli impatti dei cambiamenti climatici.

L'aumento dei prezzi dell'energia e delle materie prime, la carenza di manodopera e la crescente difficoltà per gli utenti finali di pagare le bollette: tutto indica un rischio crescente di insolvenza e interruzione del servizio per i SGI. È necessario un sostegno alle famiglie e alle imprese, ma questo sostegno deve essere temporaneo per contenere i costi fiscali mantenendo i segnali di prezzo per favorire il risparmio energetico. Anche la contrattazione collettiva e le negoziazioni salariali tempestive ed equilibrate fanno parte della soluzione. Con le sue ambizioni di potenziare i sistemi energetici a basse emissioni di carbonio e di ridurre il consumo di energia,

Valeria Ronzitti, Segretario Generale di SGI Europa
SMEunited invita tutti gli Stati membri dell'UE ad agire immediatamente e ad attuare misure mirate per le PMI che necessitano di sostegno nella crisi energetica. La normativa emergenziale prevede già diversi strumenti di intervento nel mercato retail. Inoltre, solo l'allineamento a livello dell'UE può garantire l'integrità del mercato unico. Sul costo della vita, le parti sociali dovrebbero negoziare i salari in modo responsabile per evitare una pericolosa spirale salari/prezzi.

Véronique Willems, Segretario generale SMEunito:
Il dialogo macroeconomico con le parti sociali europee costituisce un passo importante nella progettazione di risposte politiche adeguate alle sfide che si trovano ad affrontare le economie dell'UE. È importante avere una comprensione condivisa per affrontare l'attuale crisi energetica, che sta facendo aumentare l'inflazione e colpendo allo stesso modo le famiglie e le imprese. Con la Presidenza svedese dietro l'angolo, non vediamo l'ora di presiedere questo prezioso scambio tra le parti sociali e le istituzioni dell'UE il prossimo anno.

Anna Widenfalk, vicedirettore generale, Ministero delle finanze svedese (Presidenza svedese: gennaio - giugno 2023)
Una delle principali lezioni che abbiamo imparato dalla pandemia è che è molto più efficiente ed economico da proteggere che lasciare che qualcosa venga distrutto e poi ricostruirlo da zero. È una lezione che dovremmo tenere a mente quando decidiamo la risposta politica corretta ai nostri problemi economici. Dobbiamo agire con unità, determinazione e solidarietà. Questa si è rivelata la risposta giusta alla pandemia e dovrebbe guidarci per andare avanti.
Il prossimo dialogo macroeconomico sarà organizzato sotto la presidenza svedese. (07/11/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07