Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 18 giugno 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE ALL'ESTERO - FORMULA 1 NEL CUORE DELLA MOTOR VALLEY (EMILIA ROMAGNA) (19-21 MAGGIO) IMPAGABILE VETRINA MADE IN ITALY 11.400 IMPRESE 61.000 ADDETTI, FATTURATO 21 MILIARDI DI EURO

(2023-05-15)

A Imola, all'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, nel cuore della “Motor Valley” della Regione Emilia-Romagna, da venerdì 19 a domenica 21 maggio torneranno a farsi sentire i motori della Formula 1, con il Qatar Airways Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna, sesta prova del Mondiale di F.1 2023.

La risposta degli appassionati non si è fatta attendere: i biglietti sinora venduti per il giorno della gara hanno superato l’82%: almeno 160 mila gli spettatori attesi nel circuito del Santerno nel week end.

In un distretto unico al mondo - terra di grandi marchi delle due e delle quattro ruote, grandi campioni, innovazione e conoscenze - il Gran Premio costituisce un’occasione unica per trasformare uno fra gli appuntamenti sportivi più seguiti al mondo in una straordinaria opportunità di promozione internazionale del Made in Italy e della filiera automotive, a partire dalla “Motor Valley dell’Emilia-Romagna”. Lo dimostrano i numeri: l’edizione 2022 è stata seguita da 82,2 milioni di telespettatori, in tutto il mondo, e – secondo uno studio JFC - ha generato un ritorno economico per il territorio di oltre 274 milioni di euro. Un risultato che premia il lavoro di squadra di un intero territorio, in stretta sinergia con il Governo e con la stessa Formula 1.

A poche ore dalla giornata dedicata alle prove libere che darà il via ufficiale al primo appuntamento europeo del Mondiale di Formula 1 del 2023, Gran Premio e accordo fra i partner istituzionali e no sono stati presentati, questa mattina a Bologna, nella sede della Regione Emilia-Romagna.

Che quella di promuovere il Made in Italy attraverso il Gran Premio di Formula 1 a Imola sia una buona scelta lo testimoniano i numeri generati nelle scorse edizioni in termini di ricadute economiche per il territorio: quella 2022, ad esempio, ha creato un giro di affari pari a 274 milioni e 167 mila euro (Fonte JFC). Parallelamente, vanno considerate tutte le attività di comunicazione, coordinate con la campagna straordinaria di Nation branding realizzata da ICE con il tema “We drive IT”.

L’Emilia-Romagna si conferma l’unica, vera “Motor Valley” internazionale. Lo dicono i numeri: 11.400 imprese, con oltre 15 mila unità locali e 61 mila addetti, un fatturato di 21 miliardi di euro (il 10,6% del totale nazionale), di cui manifatturiero 11,4 miliardi (15,2%). E un export pari a 9,8 miliardi di euro (il 22,3% del dato nazionale).  E ancora: 188 team sportivi, 13 musei specializzati, 18 collezioni private, 4 autodromi e 11 piste da karting. Un patrimonio economico e di lavoro ma anche culturale. Marchi prestigiosi, famosi nel mondo; grandi campioni delle due e quattro ruote; talenti e professionalità uniche; aziende e start up che guardano al futuro e investono in ricerca, innovazione, sostenibilità. Fino ad arrivare ai sei corsi di laurea internazionale di MUNER, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna, una realtà unica, voluta dalla Regione insieme alle quattro università emiliano-romagnole e tutte le più grandi case motoristiche del territorio, che chiama qui studenti da ogni Paese.

E poi il Clust-ER Mec che riunisce centri di ricerca e imprese attive nei settori della motoristica e della meccatronica per spingere sulla competitività di tutta la filiera. E tanti appuntamenti fieristici ed eventi di portata internazionale: Autopromotec, E-Tech Europe, Futurmotive a Bologna. E il Motor Valley Fest, la grande fiera a cielo aperto della terra dei motori emiliano-romagnola, che si è concluso ieri.

Un prodotto anche turistico: i visitatori totali di musei e collezioni, insieme agli spettatori degli eventi che si svolgono negli autodromi emiliano-romagnoli, superano i 2 milioni di presenze. La ricaduta economica derivante dal movimento turistico ed escursionistico supera i 300 milioni di euro di indotto.

Non solo il Qatar Airways Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna. Dal 2 al 4 giugno il Misano World Circuit ‘Marco Simoncelli’ ospiterà il Mondiale Superbike, mentre dall’8 al 10 settembre ancora a Misano sarà di scena la MotoGP con il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Tre straordinari appuntamenti motoristici: un primato che solo l’Emilia-Romagna può vantare, quello di ospitare Formula 1, Moto Gp e Superbike. Dal ciclismo, con le due tappe il 14 e il 16 maggio del Giro d’Italia, in attesa del Grand Départ “Firenze Emilia-Romagna” del Tour de France nel 2024; al tennis, con la Coppa Davis che dall’11 al 17 settembre torna a Bologna, dopo l’esordio dello scorso anno, con uno dei quattro gironi della fase finale. Il 28 agosto, la cerimonia di apertura e la partita inaugurale degli Europei maschili di pallavolo all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, con la Nazionale italiana campione del mondo. E il sempre attesissimo appuntamento con il triathlon di Ironman Emilia-Romagna, il 16 settembre a Cervia.
E ancora: pallacanestro, calcio, atletica, ginnastica, rugby, baseball, pattinaggio, beach volley, per un 2023 all’insegna del grande sport con oltre 100 appuntamenti di grande richiamo, promossi dalla Regione Emilia-Romagna. Senza dimenticare, sempre all’Autodromo di Imola, dal 14 al 16 luglio, l’Italian Round del Mondiale Superbike, un altro importante evento nel cuore della Motor Valley.

Formula 1. Imola accoglie il Mondiale 2023, prima tappa in Europa: dal 19 al 21 maggio all’autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’ il Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna”. DICHIARAZIONI E FOTO

Nella sede della Regione Emilia-Romagna, la presentazione dell’appuntamento. Il messaggio del ministro Tajani e la dichiarazione del presidente ICE Zoppas – Le foto

Il Ministro Antonio Tajani ha dichiarato in proposito:

"La Formula 1 è una delle competizioni più amate al mondo ed il suo forte richiamo internazionale, anche grazie all’eccellenza italiana in questo campo, la rende una straordinaria vetrina di promozione dell’Italia all’estero. Il sostegno per l’internazionalizzazione delle nostre imprese è una priorità del Governo, che mira a valorizzare un’immagine dinamica, innovativa, creativa e vincente dell’Italia in tutti i settori. Questa azione rientra nella “Diplomazia per la Crescita”, che ho attivato sin dall’inizio del mandato, per una promozione integrata, a 360 gradi, delle eccellenze e del saper fare italiani.

Ho voluto includere in questa strategia anche i grandi eventi sportivi che ospitiamo in Italia e che ci consentono di raggiungere il pubblico degli appassionati. Tra questi, oltre al Gran Premio di Formula 1, il Giro d’Italia iniziato proprio in questi giorni, che arriverà per l’ultima tappa a Roma; gli Internazionali d’Italia di nuoto in corso a Roma; la Ryder Cup a settembre. Il nostro auspicio è che questo percorso di importanti appuntamenti possa concludersi con l’EXPO a Roma nel 2030, a cui stiamo lavorando con tutto il Governo e gli attori del Sistema Italia, la rete diplomatico-consolare, gli uffici ICE, le associazioni di categoria, il tessuto produttivo italiano, le Università, i centri di ricerca e di innovazione".

  ZOPPAS
“Il Gran Premio di Imola proietta l’Italia e l’Emilia-Romagna – con la sua Motor Valley – al centro della scena automotive internazionale. Un settore che per il nostro Paese è di fondamentale importanza e di grande attrattiva per i mercati esteri. Nonostante la crisi, il conflitto e gli effetti inflattivi, il settore dell’automotive ha prodotto nel 2022 un fatturato di quasi 75 miliardi di euro, cresciuto di circa il 6 % rispetto all’anno precedente. Di questi 21 miliardi vengono prodotti direttamente dal distretto della Motor Valley che conta 11.400 imprese e 61 mila addetti e che nel contesto della regione produce un export di 8,9 miliardi di euro. Una vera eccellenza del Made in Italy e un distretto unico nel Paese che tutto il mondo ci riconosce insieme ad altri settore chiave come il food, il fashion e appunto il lusso dell’automotive. Noi lo chiamiamo il Gran Premio del Made in Italy: una vetrina mondiale a cui nel 2022 hanno assistito oltre 82 milioni di persone e che ha prodotto un beneficio economico, diretto e indiretto di quasi 300milioni di euro.  Un’occasione di promozione fondamentale, che ICE – così come i nostri rappresentanti governativi - continuerà a supportare nella convinzione che occasioni internazionali come il Gran Premio di Formula 1 sono moltiplicatori di opportunità per spingere la crescita economica del nostro Paese”.(15/05/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07