Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 13 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FORMAZIONE ITALIANA NEL MONDO - SCUOLA ITALIANA ALL'ESTERO - V.PRES. CONS. E MIN.ESTERI TAJANI: DA INIZIO MANDATO HO PROMOSSO SISTEMA FORMAZIONE ITALIANA NEL MONDO, STATALE E PARITARIA E BILINGUE".

(2023-08-28)

“La scuola la stiamo ripensando completamente, guai a tornare a quella che era prima del Covid, oggi c’è bisogno di puntare su altri modelli: mettiamo i nostri ragazzi al centro, curiamo le ferite accumulate in questi anni, curiamo le loro ferite e anche quelle degli adulti, dei docenti, degli educatori, delle famiglie. Prediamoci cura l’uno dell’altro.” Con queste parole la Presidente nazionale della FIDAE, Virginia Kaladich,  ha aperto i lavori della sessione pubblica del Consiglio Nazionale, che si è svolta stamattina a Palazzo Madama a Torino. “Va bene parlare di scelte, di fondi, di numeri ma non dimentichiamoci mai che qui stiamo parlando soprattutto di persone, di individui unici, con dei sogni, delle speranze. Investiamo sui quei sogni, impegniamoci ancora di più perché da queste generazioni dipenderà il futuro di tutti noi”.

All’incontro non ha potuto partecipare il Vicepresidente del Consiglio, Antonio Tajani, che però ha voluto inviare un suo contributo tutti i partecipanti: “Saluto la Presidente della FIDAE Virginia Kaladich, gli organizzatori e le autorità presenti a questo importante evento dedicato alla formazione delle nuove generazioni e, in particolare, al ruolo chiave dei docenti, che coadiuvati da dirigenti scolastici e genitori, hanno il difficile compito di far crescere gli studenti innanzitutto come persone e come cittadini, prima ancora che trasmettere loro il sapere. – ha scritto Tajani  -  La chiave di tutto è la centralità della persona. Il libero pensiero e le capacità critiche, la solidarietà, i valori democratici sono parte integrante della formazione delle generazioni future e del loro senso di responsabilità. I docenti di ogni ordine e grado, nelle scuole pubbliche e in quelle private paritarie cattoliche, sono fondamentali nel percorso formativo-educativo dei giovani. In una realtà come quella di oggi, in cui le nuove tecnologie rendono immediato l’accesso a ogni informazione e contenuto digitale, la figura dell’insegnante è cruciale per fare di questa sfida una straordinaria opportunità: non più fonte unica di conoscenze e cultura, è chiamato a indirizzare gli studenti all’uso corretto dei vari strumenti disponibili per l’apprendimento, perché sappiano impiegarli al servizio della società senza diventarne schiavi. Il tema della cultura e della formazione è prioritario nell’azione del Governo. Stiamo rafforzando il sistema delle borse di studio. Guardiamo in particolare all’Africa, per attrarre e formare giovani africani, offrendo loro il nostro ‘’saper fare’’ che è la cifra del nostro tessuto imprenditoriale di 4 milioni di piccole e medie 2 imprese, per farne degli ambasciatori del nostro Paese, favorendo scambi, benessere e crescita su base paritaria e non predatoria.

Sin dall’inizio del mio mandato ho promosso il rafforzamento del Sistema della formazione italiana nel mondo, coinvolgendo anche le scuole statali italiane all’estero, le scuole paritarie cattoliche e le sezioni bilingui. In particolare, ci siamo concentrati sulle scuole paritarie, istituzioni che consentono di ottenere titoli legalmente riconosciuti sia nel Paese di origine che in Italia, che sono diventate sempre più propositive e dinamiche. Si tratta spesso di prestigiose scuole private come gli Istituti salesiani “Don Bosco” al Cairo e Alessandria, vere e proprie eccellenze della formazione professionale in Egitto o le varie scuole paritarie cattoliche primarie e secondarie che la F.I.D.A.E. rappresenta.

Ho voluto creare un tavolo permanente, con i colleghi Ministri di Istruzione e Merito, Università e Ricerca e Cultura, per mettere a sistema e potenziare tutti gli strumenti e iniziative di promozione del sistema formativo italiano all’estero e dell’internazionalizzazione del nostro sistema scolastico e accademico. La scuola deve saper fare tesoro del passato, essere ben salda nel presente e lavorare per un futuro migliore, trasmettendo i nostri valori. Rinunciarvi non è rispetto ma debolezza, e rinunciare alla propria identità. Contate su di me per continuare a rafforzare i valori in cui crediamo. L’Italia è protagonista anche grazie a questa identità. Possiamo fare ancora di più! Contate sul Ministero degli Esteri e sul Governo. Buon lavoro a tutti”. ( 28/08/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07