Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 22 giugno 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - ASSOCAMERESTERO /CCIE REGNO UNITO: SCENDE TASSO INFLAZIONE. MA PREZZI PRODOTTI PRIMARI IN AUMENTO A LUGLIO SEBBENE INFERIORE A GIUGNO

(2023-09-11)

Il tasso di inflazione nel Regno Unito è sceso per il secondo mese consecutivo a luglio e ha raggiunto il minimo di 17 mesi, trainato soprattutto dal calo dei prezzi dell'energia. I dati diffusi dall'Office for National Statistics (ONS) rivelano che il tasso di inflazione è sceso il mese scorso, con l'indice dei prezzi al consumo che ha toccato il 6,8% a luglio 2023, in calo rispetto al 7,9% di giugno.

Secondo il The Times, questo è stato il tasso più basso dall'invasione russa dell'Ucraina che ha causato un'impennata dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari. Il cancelliere britannico, Jeremy Hunt, ha affermato che il calo dell'inflazione ha mostrato che "la strategia intrapresa del governo sta funzionando: il tasso ora è al livello più basso dal febbraio dello scorso anno".

Il professor Trevor Williams, ex capo economista della Lloyd's Bank e co-fondatore della società di consulenza sui cambi FX Guard, ha spiegato così la notizia: “Il tasso di inflazione annuale sta diminuendo e continuerà a farlo a causa degli aumenti sempre più lenti dei prezzi di cibo ed energia. Seguendo questo ritmo, il tasso annuo dovrebbe scendere al 5% o meno entro la fine dell'anno".

City AM ha riferito che c’è ancora la possibilità che la BoE implementi ulteriormente i propri tassi d’interesse. La sterlina è balzata dello 0,3% rispetto al dollaro USA, il più grande guadagno nelle ultime due settimane. Tuttavia, è probabile che le notizie sull'inflazione abbiano un impatto limitato sui mercati valutari a lungo termine, afferma Trevor Williams.

“Poiché il picco dei tassi di interesse negli Stati Uniti e nel Regno Unito è vicino, la sterlina potrebbe iniziare a indebolirsi rispetto al dollaro. Potremmo vedere la nostra moneta diminuire leggermente rispetto all'euro, ma non avrà grossi impatti visto che l'inflazione nell'Eurozona è già inferiore a quella del Regno Unito".

Il prezzo del cibo è aumentato del 14,9% a luglio, in calo rispetto al 17,4% del mese scorso. Tuttavia, l'inflazione "core" - che esclude i prodotti con prezzi più volatili come cibo, alcol e tabacco - rimane ancora elevata al 6,9% a luglio, invariata rispetto a giugno. (11/09/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07