Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 14 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - STATI UNITI - L'ARTE DI PISTOLETTO ACCOGLIE I VISITATORI AL ROBERT OLNICK PAVILLON DEL MAGAZZINO ITALIAN ART DI COLD SPRING INSIEME ALLE OPERE DI SCHIFANO, SPALLETTI E SCARPA.

(2023-09-14)

L'Arte unisce le generazioni di Michelangelo Pistoletto—Robert e Sylvia Olnick (2022) accoglie oggi i visitatori al nuovo Robert Olnick Pavilion del Magazzino Italian Art a Cold  Spring (NY)
Pistoletto ha creato quest'opera come un toccante tributo ai genitori di Nancy Olnick, Sylvia e Robert. Il nuovo padiglione porta il nome del padre di Nancy Olnick ed è una testimonianza della sua duratura eredità nel campo delle arti e della filantropia.

L'Arte unisce le generazioni – Robert e Sylvia Olnick (2022) è presentato insieme a Stracci italiani (2007) di Pistoletto, che impreziosisce l'ingresso del primo padiglione del museo, inaugurato nel 2017. In occasione del 90esimo anniversario dell'artista compleanno insieme al sesto anniversario di Magazzino Italian Art, un progetto speciale intitolato Welcome to New York! è stata dedicata a Pistoletto nella Galleria 8 del museo. Questo progetto presenta sette dipinti specchiati e opere scultoree che abbracciano la carriera dell'artista dagli anni '60 in poi. Nello stesso spazio è esposta Sfera di giornali (1966–2017), dono di Pistoletto a Magazzino. Quest'opera d'arte sferica è stata fatta rotolare lungo la strada principale di Cold Spring come parte della performance Walking Sculpture dell'artista nel 2017.

il Padiglione ospita opere di Mario Schifano, con la veduta dell'installazione d: The Rise of the '60s , a cura di Alberto Salvadori, al Robert Olnick Pavilion presso Magazzino Italian Art, Cold Spring, NY.
La mostra "Mario Schifano: L'ascesa degli anni '60"  esplora i contributi di Schifano e il profondo impatto sull'arte e sulla cultura in America e nel mondo, attraverso 80 opere, la maggior parte provenienti da collezioni internazionali, di cui dodici provenienti dalla Collezione della Fondazione Maurizio Calvesi e mai esposte prima.

Organizzata da Magazzino Italian Art in collaborazione con l'Archivio Mario Schifano e curata da Alberto Salvadori, la mostra è presentata nel sessantesimo anniversario del primo soggiorno di Schifano negli Stati Uniti – punto di svolta nella sua carriera – e comprende opere dagli inizi del Anni '60 realizzato in omaggio ai pittori italiani di cartelloni pubblicitari. Con il loro gioco pittorico sui loghi di aziende come Coca-Cola ed Esso, queste opere rappresentano uno sviluppo parallelo e indipendente della Pop Art americana. In mostra anche serie che includono i suoi monocromi, tele emulsionate dedicate ai paesaggi televisivi e fotografie di un viaggio negli Stati Uniti.

Pur essendo profondamente in sintonia con le correnti del momento (come riconosciuto dal titolo Rise of the '60s , ispirato a un libro dello storico dell'arte Thomas Crow), Schifano si ispirava continuamente e commentava anche il lavoro storico di artisti tra cui Giacomo Balla , Umberto Boccioni, Leonardo da Vinci, Piero della Francesca e Kazimir Malevich. Per Schifano la pittura era una forma di vagabondaggio, in cui riuniva i suoi incontri con la storia dell'arte, la fotografia, l'attualità, l'amore e il sesso: o tutto , come intitolava un suo dipinto. Il suo lavoro era una pratica onnicomprensiva che rifletteva sia le sue energie che lo zelo di una generazione di scrittori, poeti e intellettuali.

La mostra sarà accompagnata dalla pubblicazione Mario Schifano: The Rise of the '60s, a cura di Alberto Salvadori, Lara Conte e Francesco Guzzetti con testi di Alberto Salvadori, Andrea Cortellessa, Claire Gilman, Daniela Lancioni, Francesco Guzzetti, Giorgia Gastaldon, Giuliana Bruno, Lara Conte, Luciano Chessa, Raphael Rubinstein, Riccardo Venturi e Stefano Chiodi

"Ettore Spalletti: Parole di colore" è il  progetto che emerge da un dialogo con lo spazio architettonico caratterizzato da un'opera di grandi dimensioni.
In mostra fino all'8 gennaio 2024 anche la mostra di Ettore Spalletti: Parole di colore , è concepita appositamente per il nuovo padiglione dalla Fondazione Ettore Spalletti e Alberto Salvadori in collaborazione con l'architetto Alberto Campo Baeza. Con cinque opere di Spalletti, il progetto è installato nella Galleria 2, una stanza isotropa costruita come un cubo perfetto, in cui ogni parete è perforata da un'unica finestra quadrata. Disposte a diverse altezze e posizioni, le finestre lasciano passare fasci di luce che attraversano la galleria isotropa in modo diverso, ora dopo ora, in uno spazio dove colore, luce e volume sono in equilibrio.

La mostra presenta tre grandi opere murali monocromatiche : Sia o no così, rosa ; Così, rosa ; Sia o no così, azzurro —dipinto nel 2009 con colori densamente stratificati, applicati ritualmente nello stesso modo alla stessa ora del giorno. A loro è giustapposta la scultura Colonna nel vuoto , 2019, una colonna costruita da una cornice di legno dipinto. In dialogo con la galleria isotropa di Campo Baeza, la scultura può essere vista come un simbolo, una possibile fonte di reinterpretazione e innovazione nel rapporto tra arte e architettura. Accanto ai dipinti e alla colonna c'è Disco , 1981, un pezzo realizzato in legno laccato nero inserito in una delle pareti. Disco introduce un elemento magico e asimmetrico nello spazio, una presenza che suggerisce un senso del sublime.

Parole di colore è una riflessione sul lavoro di Spalletti in relazione al cubo disegnato da Alberto Campo Baeza; uno spazio che sembra un santuario. Come ha spiegato Spalletti: “Nel mio lavoro c'è sempre il desiderio di offrire uno spazio in cui stare bene, in cui sentirsi avvolti e in qualche modo protetti. Il valore più importante per me è il regalo”.

Generoso sostegno a Ettore Spalletti: Parole di colore è fornito da Marian Goodman Gallery, Galleria Lia Rumma e Vistamare.

Infine, la Veduta dell'installazione di Carlo Scarpa: Capolavori Senza Tempo è curata da Marino Barovier con una selezione di vetri di Murano disegnati da Scarpa
La terza mostra, visitabile fino al 31 marzo 2025, offre una selezione di cinquantasei squisiti vetri di Murano della Collezione Olnick Spanu. Curata da Marino Barovier, la mostra ricostruisce il percorso creativo del celebre architetto dal 1926 al 1947, periodo durante il quale collaborò con i due più importanti vetrai muranesi dell'epoca: MVM Cappellin & Co. e Venini.

“Il termine 'capolavori' è il più appropriato per queste opere in vetro”, spiega Barovier, “poiché sono opere straordinarie in termini di design e qualità dei materiali; opere che hanno fatto la storia nelle botteghe in cui sono nate e che sono punti di riferimento per il panorama artistico del vetro muranese del XX secolo”.

La Collezione Olnick Spanu comprende cinquecentonovantasei opere muranesi di quarantatré artisti e designer, tra cui Vittorio Zecchin, Artisti Barovier, Napoleone Martinuzzi, Fulvio Bianconi, Massimo Vignelli, Thomas Stearns, Giorgio Vigna e Yoichi Ohira. La Collezione Olnick Spanu conserva centocinquantasei capolavori di Scarpa, rendendola una delle più grandi collezioni al mondo della sua opera. Tra le vetrerie realizzate per MVM, in mostra è esposta la serie Pasta vitrea , realizzata tra il 1929 e il 1930 e caratterizzata dai colori brillanti, dalla consistenza materica e dall'applicazione della foglia oro. Tra i vetri realizzati per Venini si segnalano un vaso e una coppa della serie Laccati neri e rossi del 1940, la cui caratteristica colorazione conferisce loro l'aspetto della lacca cinese.

“Nella fornace Scarpa osserva tutto, è curioso e assetato di conoscenza, desideroso di manipolare la materia, cambiarne l'aspetto, i colori e le forme”, scrive Barovier. “Il suo percorso si svolge con discrezione al fianco di maestri vetrai che hanno esperienza, che conoscono i trucchi di un mestiere antico radicato nella tradizione tramandata di maestro in maestro. Ma lui stesso diventa un maestro: intrattiene lunghi colloqui con gli artigiani, soprattutto con i maestri Ferdinando Toso, detto Fei, e Arturo Biasutto, detto Boboli , con i quali instaura un rapporto privilegiato. Stimola la ricerca e apre la strada a proposte inaspettate”.

Magazzino Italian Art offre ai visitatori che giungono in treno un servizio navetta dalla stazione ferroviaria di Cold Spring al museo., prenotando il posto sulla navetta.(14/09/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07