Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA/DIALOGO SOCIALE - CES/ETUC: NOMINA INVIATO PER DIALOGO SOCIALE IN COMMISSIONE UE PONE FINE STALLO DIALOGO SOCIALE A LIVELLO NAZIONALE ED EUROPEO

(2024-01-31)

  Sindacati e datori di lavoro hanno concordato oggi misure volte a porre fine allo stallo nel dialogo sociale europeo e ad affrontare meglio sfide comuni come il cambiamento climatico e la digitalizzazione.

La nomina di un inviato per il dialogo sociale in seno alla Commissione europea rientra nei piani di rafforzamento della cooperazione delineati nella dichiarazione concordata oggi al vertice di Val Duchesse.

L'inviato sosterrà il dialogo sociale a livello nazionale ed europeo, oltre a rispondere alle interruzioni del dialogo sociale sollevate congiuntamente dalle parti sociali attraverso un nuovo sistema di allerta.

Il nuovo ruolo viene creato nel tentativo di ritornare alla visione del dialogo sociale europeo delineata da Jacques Delors in occasione del primo vertice sociale della Val Duchesse, svoltosi in questo giorno nel 1985.

Nel giugno dello scorso anno, tre organizzazioni imprenditoriali europee hanno firmato un programma di lavoro sul dialogo sociale con la CES che comprendeva l'impegno a negoziare un accordo giuridicamente vincolante sul telelavoro da attuare sotto forma di direttiva.

Tuttavia, dopo trattative durate più di un anno, due delle tre organizzazioni dei datori di lavoro hanno rifiutato di presentare qualsiasi testo.

Il vertice convocato da Jacques Delors nel 1985 segnò la fine di simili difficoltà nel dialogo sociale e avviò un processo che portò alle prime posizioni congiunte sindacato-datori di lavoro, anche sulle nuove tecnologie.

I sindacati e i datori di lavoro hanno concordato oggi di intraprendere una serie di incontri per concordare quali ulteriori misure siano necessarie per rafforzare il dialogo sociale, in vista della conclusione di un patto per il dialogo sociale all’inizio del 2025.

Intervenendo al vertice di oggi, la segretaria generale della CES Esther Lynch ha dichiarato:

“Il nostro ritorno oggi in Val Duchesse per un altro vertice sociale non potrebbe essere più opportuno. Questo vertice offre a tutti noi l’opportunità di rinnovare il nostro impegno comune a favore del dialogo sociale: dobbiamo difendere e rafforzare il dialogo sociale e la contrattazione collettiva come pilastri fondamentali del modello sociale europeo.

“Questo vertice arriva anche dopo il fallimento dei negoziati del dialogo sociale sul telelavoro e sul diritto alla disconnessione, per i quali ora è importante che la Commissione prenda l'iniziativa e presenti una proposta di direttiva.

“Il dialogo sociale che non dà risultati non può impedire il progresso. E il dialogo sociale che non dà risultati non può diventare la norma.

“Il clima e la transizione digitale stanno avendo un profondo impatto sul mondo del lavoro. Abbiamo bisogno che il dialogo sociale e la contrattazione collettiva a tutti i livelli siano sostenuti per ottenere risultati volti a migliorare le condizioni di lavoro e garantire il progresso sociale.

L’impegno congiunto a favore di posti di lavoro di qualità come mezzo per raggiungere la competitività è di fondamentale importanza, così come lo è l’impegno per la piena attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali.

“Dobbiamo ritornare alla visione di un’Europa sociale che Jacques Delors ha delineato in Val Duchesse 39 anni fa oggi. Questo può e deve essere il momento in cui iniziamo a rimettere in carreggiata il dialogo sociale europeo. Il nostro impegno comune è di fondamentale importanza in questo sforzo”. (31/01/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07