Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CONVENZIONE SICUREZZA SOCIALE - ITALIA/ALBANIA - MIN.TAJANI E CALDERONE : PASSO DECISIVO PER ACCORDO BILATERALE SU PENSIONI ED INDENNITA' DISOCCUPAZIONE E PROTEZIONE LAVORATORI

(2024-02-05)

  "Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Calderone hanno salutato oggi con soddisfazione la firma dell’“Accordo di sicurezza sociale” bilaterale fra Italia e Albania che regolerà le prestazioni pensionistiche e le indennità di disoccupazione, malattia e maternità di coloro che esercitano o hanno esercitato un’attività subordinata o autonoma nei due Stati.  L’accordo è stato firmato alla Farnesina dal Ministro Tajani con il Ministro per l’Europa e gli Esteri dell’Albania, Igli Hasani.

“L’accordo che abbiamo concluso oggi - ha fatto presente il Ministro Tajani -  darà a tutti i lavoratori italiani e albanesi certezza sul loro futuro pensionistico, assicurando anche prestazioni di invalidità, di vecchiaia, per i superstiti e per l’indennità di disoccupazione e garantendo parità di trattamento in Italia e in Albania”.

“Ringrazio il Ministro degli Esteri Tajani per il lavoro fatto insieme per far progredire questo negoziato con un Paese storicamente amico dell’Italia come l’Albania”, ha affermato il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone. “Si va verso regole comuni per imprese, lavoratori e loro familiari dei rispettivi Paesi al fine di facilitare il mutuo riconoscimento dei diritti sociali”.

A seguito della firma odierna, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con l’INPS, avvierà un negoziato per un’intesa amministrativa bilaterale con cui rendere operativo l’accordo stesso, nel cui ambito di appli-cazione non rientrano le prestazioni sanitarie in natura, le prestazioni familiari e la tutela dei rischi contro l’infortunio e la malattia professionale, nonché le prestazioni non contributive.

Nel corso dell’incontro tra Tajani e Hasani, i due Ministri hanno convenuto circa la comune volontà dei Governi italiano e albanese di continuare a rafforzare il già intenso dialogo politico e approfondire la cooperazione in campo economico e della sicurezza." così una nota congiunta della Farnesina e del Ministero del Lavoro.

Ora l'accordo dovrà essere ratificato dai rispettivi Parlamenti.

La firma dell'Accordo da parte dei Ministri Tajani (Esteri) e Calderone (Lavoro e Politiche Sociali) rappresenta un ulteriore passo avanti delll'iter avviato dall'intesa raggiunta nel luglio 2022  in materia previdenziale, la cui conclusio-ne era  stata già sollecitata al Governo Italiano da parte del Premier albanese, Edi Rama.

La comunità albanese rappresenta la Ila comunità di immigrati (oltre 396 mila - dati al gennaio 2022) ormai inseriti nel tessuto socio-economico italiano e l'accordo previdenziale  permetterà di totalizzare i contributi maturati nei due Paesi,  garantendo il futuro penionstico di entrambe le comunità.

Secondo altre stime dovrebbero essere intorno ai  500/600mila i cittadini albanesi immigrati che vivono e lavorano in Italia , che dovrebbero beneficiare del riconoscimento del sistema pensionistico tra i due Paesi. Mentre,  secondo l'Istituto di statistica albanese sono circa 2'087 gli italiani residenti in Albania per lavoro ( 68,9%) o per ricongiun-gimenti familiari (18,3%); 50.000 le imprese italiane che esercitano la loro attività in Albania, versando i contributi previdenziali dei lavoratori albanesi.

I Dossier preparatori dell'Accordo sottolineano come l’italiano sia la prima lingua parlata in Albania (dopo l'albanese) e la più studiata dopo l’inglese; oltre 10.000 ragazzi studiano l’italiano come prima lingua straniera e altri 50.000 come seconda lingua. Di qui la decisione di aprire il 29 maggio 2018  a Tirana il primo “Centro Dante” nel mondo per la promozione della lingua e della cultura italiana. L’ampia diffusione della lingua italiana rappresenta un altro aspetto importante nelle relazioni bilaterali  con ricadute positive anche sul piano economico. Lo stesso Premier Edi Rama parla perfettamente la lingua italiana.(05/02/2024-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07