Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 23 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - MORTI BIANCHE - CONFEDERAZIONE SINDACATI EUROPEI : "CIRCA 30.000 LAVORATORI POTREBBERO PERDERE LA VITA ENTRO IL 2030 SUL LAVORO IN EUROPA"- LANCIATO MANIFESTO ""MORTE ZERO SUL LAVORO"

LANCIATO UN MANIFESTO

(2022-05-01)

  " Quasi 30.000 persone potrebbero perdere la vita sul lavoro nell'UE in questo decennio se non vi saranno iniziative per rendere i luoghi di lavoro più sicuri" a farlo presente la Confederazione europea dei sindacati - CES/ETUC

"Il numero di incidenti mortali sul lavoro è diminuito lentamente nell'ultimo decennio, ma i progressi sono stati tutt'altro che costanti con i decessi in aumento nel 2019, secondo i dati Eurostat.

E, quindi, si prevede che saranno  27.041 decessi sul posto di lavoro  tra il 2020 e il 2029 se il cambiamento continuerà allo stesso ritmo dell'ultimo decennio, secondo un'analisi dell'Istituto sindacale europeo.

Ad esempio, le morti sul lavoro non dovrebbero diminuire affatto in Spagna, sono destinate a peggiorare ulteriormente in Francia Potrebbero però finire entro il 2030 se esistesse la volontà politica nei seguenti Paesi: 

Polonia: 563 decessi - 2027
Portogallo: 481 decessi - 2030
Romania 1.451 decessi – 2036
Austria: 694 decessi – 2037
Italia: 3.434 decessi – 2042
Germania: 3.143 decessi – 2044
Cechia: 851 decessi – 2052
Francia: 7.803 decessi – Mai
Spagna: 3.191 morti – Mai

UE27: 27.041 - 2055

Dati che  sono arrivati quando la Confederazione europea dei sindacati ha lanciato un manifesto per " zero morti sul lavoro" che invita i leader europei a "darsi da fare" e a "parlare" per salvare la vita dei lavoratori.

Il manifesto - che è stato firmato da ministri, eurodeputati, dirigenti sindacali e massimi esperti di salute e sicurezza sul lavoro - ha chiesto un incremento della formazione, ispezioni e sanzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro per porre fine ai decessi sul lavoro entro il 2030.

Secondo l' analisi dei dati dell'Organizzazione internazionale del lavoro condotta dalla CES, in Europa vengono attualmente effettuati mezzo milione di ispezioni sulla sicurezza sul lavoro in meno rispetto all'inizio dell'ultimo decennio .

Oltre agli incidenti sul lavoro, la CES invita anche i leader dell'UE a fare di più per porre fine allo scandalo del cancro, che continua a causare la morte di oltre 100.000 persone ogni anno, oltre a proteggere i lavoratori dai crescenti eventi meteorologici estremi causati dai cambiamenti climatici .

Il vice segretario generale della CES Claes-Mikael Stahl ha dichiarato:

“Nessuno dovrebbe uscire di casa preoccupato di non poter tornare dalla propria famiglia dopo il lavoro. Ma questa è la realtà quotidiana di molti lavoratori, spesso a causa di datori di lavoro irresponsabili che lesinano sulle misure di sicurezza per aumentare i profitti e politici che attaccano le regole di sicurezza e le ispezioni di buon senso per motivi ideologici.

“Migliaia di persone stanno ancora perdendo la vita ogni anno in incidenti drammatici – ed evitabili – nei cantieri, nelle fabbriche e in altri luoghi di lavoro. Milioni di persone sono morte anche dopo essere state esposte quotidianamente a sostanze cancerogene sul lavoro.

Per cui “Sebbene le morti sul lavoro possano sembrare qualcosa da attribuire ad un altro secolo, queste tragedie continueranno a verificarsi in Europa per almeno altri 30 anni. Questo non è pero'  inevitabile.

“Nella Giornata internazionale della memoria dei lavoratori, ricordiamo i morti e ci impegniamo a combattere per i vivi. Se i politici sono disposti ad agire, potremmo raggiungere zero morti sul lavoro entro il 2030. È giunto il momento che la vita dei lavoratori diventi una priorità". (01/05/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07