Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 25 giugno 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FORMAZIONE -LAVORO - STATI GENERALI ORIENTAMENTO - APPELLO BRUGNOLI (CONFINDUSTRIA): "SCUOLA TORNI AL CENTRO RIFORME. 'UMANESIMO TECNOLOGICO' CUORE PULSANTE IMPRESE...BASE MADE IN ITALY"

(2022-05-17)

  “Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme”. Così Giovanni Brugnoli, Vice Presidente per il Capitale Umano di Confindustria aprendo i lavori degli Stati Generali dell’Orientamento – Il carattere del talento, che Confindustria ha organizzato oggi a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, come giornata di intrattenimento educativo per gli studenti e momento di confronto tra mondo della scuola, imprese e istituzioni per dibattere della riforma dell’orientamento prevista dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

“La politica deve essere chiara" ha affermato Brugnoli in una intervista per l'occasione al Sole24Ore: ha intenzione di far vincere i Paese, aiutando il governo Draghi a mettere in campo interventi strutturali per favorire l’occupazione dei giovani, o invece è interessata al mero dividendo elettorale, proseguendo sulla strada dei bonus e delle misure ‘di parcheggio’ temporanee, come il Reddito di Cittadinanza,

Tre le ragioni: “siamo la seconda potenza manifatturiera in Europa, la settima economia nel mondo, ma famiglie e studenti spesso neanche lo sanno, e non conoscono le opportunità di lavoro e formazione che le nostre aziende sono in grado di offrire ai giovani talenti. Secondo, perché non riusciamo a trovare ormai più del 40% delle risorse che servono alle imprese. E terzo: perché bisogna ricostruire un’alleanza tra noi imprenditori, territori e mondo della scuola, visto che solo laddove esiste questo link, dai percorsi di scuola-lavoro ai dottorati industriali, c’è occupazione di qualità e imprese competitive”.

“Ci sono misure di contrasto alla povertà, come il Reddito di cittadinanza, che purtroppo disincentivano il lavoro e la valorizzazione del talento dei giovani. E le imprese non trovano circa il 40 per cento dei profili che cercano, che non sono solo scientifici e tecnologici, ma anche legati a materie umanistiche, dall’arte alla letteratura, alla creatività, che è la base del nostro Made in Italy. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi, per questo oggi abbiamo scelto un format diverso. Perché loro ci possono aiutare a capire cosa non va e come fare per risolvere questo scollamento”.

All’evento hanno aderito oltre mille studenti per partecipare ai laboratori e workshop interattivi loro dedicati. Come quello su come elaborare un cv e come affrontare un colloquio di lavoro organizzato da Umana, o le simulazioni di lavoro in realtà aumentata curato dall’Istituto Galilei, la sessione di orientamento animata da Lucio Zanca, nella quale l’artista Lucrezia Di Canio ha intrattenuto i ragazzi con la realizzazione di disegni e bozzetti, e Lorenzo Mancini, Direzione Impact Intesa Sanpaolo, che è intervenuto sul tema “Responsabilità e merito” e presentato “Per Merito”, una linea di credito dedicata agli studenti universitari per coprire le spese di studio, mobilità, residenza e periodi formativi all’estero con la sola garanzia di impegnarsi nello studio. Hanno partecipato come testimoni del binomio talento e carattere l’artista Jago e gli olimpionici di canottaggio Federica Cesarini e di scherma Giorgio Avola.

Si sente, invece, parlare di interventi in cantiere su apprendistato e tirocini curriculari, che introducono vincoli burocratici e nuovi costi. Se fosse così, lo dico con altrettanta chiarezza: uccideremo questi strumenti, allontanando per sempre formazione e lavoro, quando invece occorre rinsaldare questo legame” ha affermato Brugnoli che dal 2019 con l'iniziava a Torino degli Stati generali dell’Education, ha iniziato un percorso che punta fortemente su un adeguato orientamento dei giovani. A Torino Confindustria ha mostrato come i principali paesi nostri competitor, Stati uniti, Cina, India, hanno in piedi da tempo programmi sulla scuola fino al 2040-2050.
"Oggi, ha sottolineato Brugnoli, con gli Stati generali dell’Orientamento vogliamo far vedere la bellezza dell’Italia, che viene dalla sua industria e dalla capacità dei nostri talenti, con il giusto carattere, di creare quell’innovazione che ci rende riconoscibili in tutto il mondo. Accanto a ‘made in Italy’, come simbolo di bello, ben fatto, che resta nel cuore; propongo di aggiungere ‘Educated in Italy’ perché ogni percorso, dal liceo all’istituto tecnico, all’Its, se fatto bene, è per noi importante. Certo, le competenze Stem sono, e saranno nei prossimi anni, le più richieste dall’industria italiana. Ma è nel falso chi pensa che le imprese siano scollegate dal mondo delle humanitas, dall’arte alla letteratura. Si chiama "umanesimo tecnologico", ed è presente in tutte le nostre eccellenze”.

“L’umanesimo tecnologico è il cuore pulsante delle nostre imprese, dalla meccatronica alla chimica-farmaceutica, dall’informatica all’agroindustria. La scuola torni al centro dei territori per sfornare competenze in linea con le rivoluzioni in atto. Solo così – per il Vice Presidente Giovanni Brugnoli - il nostro paese avrà il futuro che merita”.(17/05/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07