Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 29 giugno 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - 110.a CONFERENZA ILO- PRIORITÀ' 187 STATI MEMBRI: SICUREZZA LAVORO, FORMAZIONE, ECONOMIA SOCIALE E SOLIDALE - RYDER(DIRETT.GEN.):COLORO CHE RICORRONO ALLA GUERRA NEGANO LA GIUSTIZIA SOCIALE

(2022-05-27)

Dal 27 maggio all'11 giugno , i rappresentanti del governo, dei lavoratori e dei datori di lavoro di 187 Stati membri dell'ILO, di cui 45 appartengono a Stati in via di sviluppo,  discutono di questioni relative al mondo del lavoro alla Conferenza internazionale del lavoro (ILC). Quest'anno sicurezza e salute sul lavoro , apprendimento , nonché l' economia sociale e solidale figurano tra gli argomenti all'ordine del giorno del Convegno

Intervenendo alla sessione di apertura il Direttore Generale dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, Guy Ryder, ha sottolineato la necessità di difendere lo Stato di diritto contro coloro che “usano la guerra per negare la giustizia sociale”.  “La pace duratura dipende dalla giustizia sociale e il raggiungimento della giustizia sociale dipende dalla pace. Coloro che ricorrono alla guerra negano la giustizia sociale. E coloro che ostacolano la giustizia sociale mettono in pericolo la pace", ha detto Ryder.

Poiché i paesi sperimentano una ripresa irregolare e talvolta "fragile" dei loro mercati del lavoro dalla pandemia di COVID-19 , Ryder ha avvertito che "il peggio doveva ancora venire" per l'economia globale a causa dell'impatto dell'aggressione russa contro l'Ucraina.

La situazione, infatti, sta "generando crisi alimentari, energetiche e finanziarie globali", ha affermato Ryder, e "ha sottoposto la cooperazione internazionale a pressioni considerevoli, se non senza precedenti".

“Così come la violazione della Carta delle Nazioni Unite attraverso l'aggressione militare non deve essere tollerata e non deve prevalere, la violazione delle norme internazionali del lavoro non deve restare inascoltata”, ha aggiunto il Direttore Generale. Ha esortato i delegati a mostrare “che il multilateralismo – in questa casa alleato del tripartitismo – funziona davvero”.

Come in ogni Conferenza internazionale del lavoro (ILC), i delegati esamineranno casi specifici per paese che vengono portati davanti al Comitato per l'applicazione degli standard.

Presentando la sua relazione alla Conferenza, dal titolo "I paesi meno sviluppati: crisi, trasformazione strutturale e futuro del lavoro" , Ryder ha affermato che “i paesi meno sviluppati (PMS) sono maggiormente a rischio di essere lasciati indietro. Quindi, se prendiamo sul serio l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile , dobbiamo prendere sul serio i PMA perché è lì, soprattutto, che si deciderà il destino dell'Agenda”.

Il Direttore Generale ha accolto con favore le discussioni chiave che avranno luogo durante la Conferenza. Questi includeranno la possibile modifica della Dichiarazione dell'ILO sui principi e diritti fondamentali sul lavoro, del 1998 , per includere condizioni di lavoro sicure e salubri.

Riferendosi ai tre milioni di vite perse ogni anno a causa di infortuni e malattie sul lavoro, ha sottolineato la responsabilità “chiara” dell'ILO di proteggere i lavoratori dalle malattie e dagli infortuni sul lavoro.

Una prima discussione sugli "apprendistati di qualità" avverrà anche in vista della possibile creazione di una nuova norma internazionale del lavoro. Inoltre, le commissioni discuteranno del lavoro dignitoso e dell'economia sociale e solidale, nonché dell'obiettivo strategico dell'occupazione nell'ambito del meccanismo di follow-up della Dichiarazione dell'ILO sulla giustizia sociale per una globalizzazione equa .

La Conferenza si svolge in  formato ibrido, con i delegati presenti di persona a Ginevra, oltre che virtualmente. Le commissioni inizieranno il loro lavoro il 30 maggio. Le sessioni plenarie si terranno dal 6 all'11 giugno.

Il 10 giugno, un vertice ad alto livello sul mondo del lavoro affronterà il tema “Affrontare le molteplici crisi globali: promuovere la ripresa e la resilienza centrate sull'uomo”.

Il primo giorno del Convegno ha visto Claudio Moroni, Ministro del Lavoro, dell'Occupazione e della Previdenza Sociale dell'Argentina, eletto Presidente della Conferenza per la sua durata, dal 27 maggio all'11 giugno.

La Conferenza ha eletto Vicepresidenti Ali Samikh Al-Marri (Governi) dal Qatar, Alexandre Furlan (Datori di lavoro) dal Brasile e Paola del Carmen Egúsquiza Granda (Lavoratori) dal Perù.
"Mettere in pratica la 'nuova normalità' che tanto sosteniamo, mettendo le persone al centro delle nostre preoccupazioni, richiede l'attuazione urgente di politiche inclusive e un sistema di regole e accordi internazionali che promuovano la crescita con un'equa distribuzione dei suoi risultati" , ha sottolineato Claudio Moroni.

L'ILC, ha sottolineato Renate Hornung-Draus, vicepresidente (datori di lavoro) dell'organo direttivo dell'ILO, "si svolge in un momento di crisi globali complesse che creano una sfida esistenziale per le istituzioni e le tradizioni multilaterali così come sono state create e sviluppate in del 20° secolo e potrebbe essere un punto di svolta verso un quadro futuro che deve essere modellato in modo proattivo, anche dall'Organizzazione internazionale del lavoro".

"Nel 2022, affrontiamo le minacce esistenziali della guerra nucleare, dei cambiamenti climatici e delle pandemie, combinate con un mix tossico di crescente povertà e disuguaglianza, estremismo, nazionalismo, violenza di genere e riduzione dello spazio democratico", ha aggiunto Catelene Passchier, vicepresidente (Lavoratori ) dell'organo direttivo dell'OIL.

L'International Labour Conference (ILC), talvolta definita  il "parlamento mondiale del lavoro", è il più grande raduno internazionale dedicato al mondo del lavoro.  I delegati discutono delle principali questioni nel mondo del lavoro, adottano e monitorano l'applicazione degli standard internazionali del lavoro e stabiliscono le priorità e il budget globali dell'ILO . (27/05/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07