Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 16 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - EUROPA/ FAST CARE - DAL CONSIGLIO EUROPEO: ULTERIORI SOSTEGNI PER PAESI CHE OSPITANO RIFUGIATI UCRAINI

(2022-07-20)

FAST-CARE: il Consiglio Europeo adotta il mandato negoziale per un ulteriore aiuto ai rifugiati dall'Ucraina e per affrontare le conseguenze dell'aggressione russa
I rappresentanti permanenti dei 27 Stati membri dell'UE hanno concordato oggi il mandato negoziale del Consiglio per un ulteriore sostegno ai paesi e alle regioni che ospitano gli sfollati dall'Ucraina, nonché per affrontare alcuni degli effetti economici negativi dell'aggressione russa.

La proposta legislativa, nota come FAST–CARE (Flexible Assistance for Territories), introduce nuove disposizioni per una maggiore flessibilità e la massima efficienza degli investimenti della politica di coesione.

Per accelerare la procedura, il Consiglio ha deciso di non modificare il testo della proposta della Commissione.

Ivan Bartoš, vice primo ministro ceco per la digitalizzazione e ministro dello sviluppo regionale ha dichiarato:
"L'adozione urgente del mandato del Consiglio invia un forte segnale di solidarietà con gli Stati membri e le regioni che hanno accolto milioni di persone in fuga dall'aggressione russa contro l'Ucraina. La situazione continua a deteriorarsi a causa della guerra e dobbiamo agire rapidamente per garantire che le risorse di coesione siano messe a disposizione dove sono più necessarie.
La proposta estende il sostegno già fornito nell'ambito dell'Azione di coesione per i rifugiati in Europa (CARE). Modifica due regolamenti di base che disciplinano le regole della politica di coesione per i periodi di bilancio 2014–2020 e 2021–2027.

Le misure seguono un approccio basato sulle persone e delimitano il 30% della spesa per i rifugiati per le autorità locali e le organizzazioni della società civile, poiché sono in prima linea nella pressione migratoria, operando all'interno delle comunità locali.

La proposta prevede, tra l'altro:

- ulteriori 3,5 miliardi di euro di prefinanziamento per progetti di coesione per fornire liquidità aggiuntiva
- estendere la possibilità di cofinanziamento al 100% per gli investimenti nella promozione dell'integrazione socioeconomica dei cittadini di paesi terzi
- aumentando il costo unitario di nuova costituzione per sostenere i rifugiati da € 40 a € 100 per persona a settimana ed estendendone l'applicazione da 13 a 26 settimane dal momento in cui la persona chiede protezione;
- estendere le possibilità di trasferimento di risorse per azioni a sostegno dei rifugiati non solo tra il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo sociale europeo, ma anche dal Fondo di coesione
- rimborsando retroattivamente progetti che si occupano di bisogni legati ai rifugiati che sono già stati completati.

Inoltre, le misure prevedono una maggiore flessibilità nella suddivisione graduale dei progetti della politica di coesione da un periodo di bilancio all'altro per tenere conto dei ritardi nell'attuazione causati dall'aumento dei prezzi dei materiali e dell'energia, nonché dalla carenza di manodopera.

Dopo l'adozione odierna del mandato del Consiglio, il Parlamento europeo dovrebbe approvare la sua posizione quanto prima in autunno, che determinerà le prossime fasi procedurali per l'adozione della normativa.(20/07/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07