Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 15 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - VACANZE - CONF.EUROPEA SINDACATI: " PER 38 MILIONI LAVORATORI FUORI PORTATA. ROMANIA, GRECIA LITUANIA QUOTA PIU' ALTA. IN ITALIA 8 MILIONI, SPAGNA 4,6, FRANCIA 4,1.

(2022-07-27)

Secondo una ricerca della Confederazione europea dei sindacati (CES), più di 38 milioni di persone in Europa non possono permettersi una settimana di vacanza nonostante siano al lavoro.

La crisi del costo della vita sta aumentando la pressione sui lavoratori, con un numero crescente di persone che denunciano una lotta per sbarcare il lunario e rendendo le vacanze ancora più fuori portata.

La quota della popolazione totale che non può permettersi una vacanza è aumentata in oltre la metà degli Stati membri dell'UE dal 2019 e anche la quota di lavoratori che non possono permettersela è aumentata in 11 paesi.

Romania, Grecia e Lituania hanno la quota più alta di lavoratori impossibilitati a partire per una settimana. Italia (8 milioni), Spagna (4,6 milioni) e Francia (4,1 milioni) hanno il numero più alto di lavoratori che perdono una pausa per motivi finanziari.

Ciò coincide con un aumento della quota di profitto delle aziende europee, il che significa che dirigenti e azionisti hanno accumulato più denaro tra di loro a scapito dei lavoratori.

È molto probabile che la povertà durante le vacanze peggiori a causa della crisi del costo della vita e dell'inflazione, sottolineando la necessità per i lavoratori di tutta Europa di ricevere un aumento di stipendio dignitoso quest'estate.

La CES chiede misure urgenti per affrontare l'emergenza salariale in Europa. L'UE e i governi nazionali devono sostenere anche i lavoratori con mezzi per alleviare la crisi dei prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari e fornire sostegno al reddito.

Commentando i risultati, il vice segretario generale della CES Esther Lynch ha dichiarato:

“Potrebbe essere l'estate, ma la vita non è certo facile per milioni di lavoratori che non possono permettersi una pausa con le proprie famiglie nonostante si siano l'abbiano maturata settimana dopo settimana.

“Una vacanza non dovrebbe essere un lusso. Le vacanze sono una parte importante per garantire la salute e il benessere dei lavoratori, ma non potrebbero sembrare più lontane per molte persone che lottano per mettere semplicemente il cibo in tavola e pagare l'affitto in mezzo alla crisi del costo della vita.

“Intanto la vita è una spiaggia per i capi che hanno sfruttato la pandemia per intascare ancora di più i profitti generati dalla propria forza lavoro. L'aumento della disuguaglianza durante le vacanze mostra che l'economia europea non sta lavorando per i lavoratori.

“L'UE e i governi nazionali hanno la responsabilità di proteggere e rafforzare la contrattazione collettiva come il modo migliore per garantire che i lavoratori ricevano la loro giusta quota e possano permettersi di godersi la vita piuttosto che semplicemente sopravvivere.

"Senza un equo aumento di stipendio, i datori di lavoro e i politici si ritroveranno a tornare dalle proprie vacanze estive per affrontare un autunno di rabbia seguito da un inverno di malcontento".

I dati si basano su un'analisi dei "microdati" di Eurostat, che non sono pubblicamente disponibili, da parte dell'Istituto sindacale europeo, il centro di ricerca indipendente della CES. Il numero totale di lavoratori che non possono permettersi una vacanza è stato calcolato dall'ETUI sulla base delle percentuali fornite da Eurostat.

I microdati Eurostat sono stati utilizzati per stimare la quota della popolazione totale (18-65) che non può permettersi ferie e lavoro, ponderata con i pesi trasversali forniti da Eurostat nei microdati. Tali quote sono state poi moltiplicate per la popolazione di età compresa tra i 18 e i 65 anni come comunicato pubblicamente da Eurostat sul proprio portale (demo_pjan), per il 2019. Si tratta di una stima del numero totale di persone che lavorano e non possono permettersi una settimana di ferie (non se ne prendono uno). (27/07/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07