Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 29 gennaio 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - EUROPA/LAVORO - RINNOVATO IL PARTENARIATO EUROPEO PER L'INTEGRAZIONE FRA COMMISSIONE UE /CES, BUSINESS EUROPE, SMEUNITED, EUROCHAMBRES. VALORIZZAZIONE COMPETENZE

(2023-01-04)

La Commissione europea e le parti economiche e sociali hanno rinnovato il partenariato europeo per l'integrazione nel mercato del lavoro europeo - Di seguito una dichiarazione congiunta:

"Il 19 dicembre 2022, nell'ambito del partenariato europeo per l'integrazione, la Commissione e cinque partner economici e sociali europei - CES, BusinessEurope, SGI Europe, SMEUnited ed Eurochambres - hanno rinnovato il loro impegno a integrare in modo più efficace i rifugiati e altri migranti nel mercato del lavoro dell'UE con un comunicato congiunto .

Sfruttare il partenariato europeo per l'integrazione per sostenere l'integrazione nel mercato del lavoro dei rifugiati, comprese le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina e altri cittadini di paesi terzi

L'integrazione dei rifugiati e di altri migranti nel mercato del lavoro in una fase iniziale e al livello di competenze appropriato si è dimostrata vantaggiosa sia per loro che per le società di accoglienza. Nell'ambito del partenariato europeo per l'integrazione, la Commissione europea e le parti sociali ed economiche europee collaborano strettamente dal 2017 per creare opportunità di integrazione dei rifugiati e di altri migranti nel mercato del lavoro dell'UE.

Nel 2020 abbiamo confermato il nostro obiettivo di sfruttare le capacità e le competenze di migranti e rifugiati, nonché di sostenere mercati del lavoro sostenibili, inclusione sociale, pari opportunità e parità di genere al fine di rafforzare le società e le economie europee 1. Parallelamente, la dichiarazione congiunta del 2020, che ha rinnovato il partenariato, ha identificato l'interesse delle parti sociali ed economiche a esplorare come estendere il loro dialogo e la futura cooperazione nel settore della migrazione per lavoro.

La base e la risorsa chiave del nostro partenariato è il suo approccio multi-stakeholder, che collega i partner dal livello europeo a quello nazionale, regionale e locale e si estende ad altri stakeholder come le autorità pubbliche, i fornitori di formazione, la società civile e le organizzazioni dei migranti, tra cui altri.

Negli ultimi anni, questo approccio ha generato risultati tangibili in termini di sviluppo e diffusione di buone pratiche, costruzione di strutture di cooperazione e inserimento lavorativo, anche attraverso vari progetti cofinanziati dalla Commissione Europea e realizzati dalle Parti Sociali ed Economiche

2. Nel suo quadro politico per l'integrazione, il piano d'azione per l'integrazione e l'inclusione 2021-2027, la Commissione europea riconosce il valore dei partenariati multilaterali che coinvolgono i soggetti interessati dell'integrazione e considera prioritario sostenerli.

Per rispondere alla sfida senza precedenti di sostenere i milioni di persone che sono fuggite dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina verso l'UE, oltre ai rifugiati provenienti da altre parti del mondo, confermiamo nuovamente il nostro impegno per il partenariato. Mentre i bisogni immediati delle persone in fuga dall'Ucraina, la maggior parte delle quali sono donne e bambini, ruotano attorno alla sicurezza e alla stabilità, l'integrazione nel mercato del lavoro di coloro che possono accettare un lavoro è altrettanto importante. Sebbene i beneficiari di protezione temporanea nell'UE abbiano il diritto immediato di svolgere attività subordinate e autonome, devono affrontare sfide pratiche simili a quelle degli altri rifugiati per integrarsi efficacemente nel mercato del lavoro.

Tali sfide includono fornire informazioni adeguate alle persone sui loro diritti, garantire pari opportunità e accesso al mercato del lavoro; garantire l'accesso all'assistenza all'infanzia e all'istruzione, in particolare nelle scuole locali; fornire l'accesso ai servizi essenziali in linea con il pilastro europeo dei diritti sociali; alloggio e garantire la lingua e altra formazione, a seconda dei casi. Inoltre, l'incertezza sulla durata della permanenza dei rifugiati ucraini nell'UE rende difficile la pianificazione per tutti i soggetti coinvolti e richiede approcci flessibili.

Un'altra sfida generale è la necessità di valutare e convalidare competenze e qualifiche, compreso il riconoscimento formale delle qualifiche ove richiesto. Anche l'abbinamento delle competenze con i posti vacanti al giusto livello è molto importante. Ciò è fondamentale data la carenza di manodopera in molti settori e professioni nell'UE, che è uno dei motivi per cui il presidente della Commissione europea ha proposto di fare del 2023 l'Anno europeo delle competenze.

Rifugiati e altri migranti portano nell'UE i talenti di cui hanno tanto bisogno. Nell'ambito del pacchetto competenze e talenti, e in linea con l'agenda europea per le competenze, la Commissione continuerà a collaborare con le parti sociali ed economiche per avviare il pool di talenti dell'UE e i partenariati di talenti con i principali paesi partner, al fine di migliorare percorsi legali per i cittadini di paesi terzi verso l'UE. Nell'ambito dell'Anno europeo delle competenze nel 2023, la Commissione promuoverà queste iniziative esistenti e si adopererà per massimizzarne l'impatto. Adotterà inoltre un'iniziativa sul riconoscimento delle qualifiche dei cittadini di paesi terzi.

Sulla scia della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, la Commissione ha intrapreso azioni specifiche per aiutare gli sfollati provenienti dall'Ucraina a integrarsi nel mercato del lavoro dell'UE. Ad esempio, il 5 aprile 2022 la Commissione ha adottato una raccomandazione sul riconoscimento delle qualifiche per le persone in fuga dall'invasione russa dell'Ucraina 3 e il 14 giugno 2022 la Commissione ha pubblicato orientamenti (comunicazione) per l'accesso al mercato del lavoro, all'istruzione e alla formazione professionale e apprendimento degli adulti sulle persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina 4 . La guida sottolinea, ad esempio, l'importanza di evitare lo sfruttamento e il lavoro sommerso con il sostegno dell'Autorità europea del lavoro

5. Il 10 ottobre 2022 la Commissione ha avviato un'iniziativa pilota del pool di talenti dell'UE che mira ad aiutare i beneficiari di protezione temporanea a trovare un'occupazione e a integrarsi nel mercato del lavoro dell'UE, tenendo conto delle esigenze specifiche dei richiedenti

6 .Gli insegnamenti tratti dalle azioni a sostegno degli sfollati dall'Ucraina dovrebbero ispirare le nostre continue misure di integrazione nel mercato del lavoro per tutti i cittadini di paesi terzi. Con l'Integration Partnership possiamo dare un contributo importante per affrontare tutte queste sfide, che sono indissolubilmente intrecciate, in particolare:

Promuovere un approccio multilaterale all'integrazione nel mercato del lavoro:
Sulla base dei risultati e delle lezioni apprese dai precedenti progetti congiunti, continueremo a sviluppare e diffondere buone pratiche sull'integrazione nel mercato del lavoro. Continueremo inoltre a rafforzare le strutture di cooperazione tra i soggetti interessati a livello locale, regionale, nazionale ed europeo. Ciò comprende la cooperazione con le organizzazioni della società civile, comprese le organizzazioni di migranti, e, se del caso, con le autorità ucraine e la diaspora

7 .In particolare, incoraggeremo un'ulteriore cooperazione con i servizi pubblici per l'impiego, al fine di condividere informazioni sulla formazione e sulle opportunità di lavoro per i rifugiati, ad esempio, e con i servizi sociali competenti, nonché con i fornitori di istruzione e formazione.

Presteremo particolare attenzione alla promozione di tali attività negli Stati membri e nelle regioni con un'elevata concentrazione di persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina.

Sensibilizzazione e massimizzazione delle sinergie nell'uso dei finanziamenti dell'UE per l'integrazione nel mercato del lavoro, in linea con il piano d'azione sull'integrazione e l'inclusione 2021-27 8 :
Diversi fondi dell'UE includono il sostegno all'integrazione dei migranti nel mercato del lavoro tra i loro obiettivi, come il Fondo Asilo, migrazione e integrazione (AMIF), il Fondo sociale europeo Plus (FSE+) e il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), in particolare. Attraverso un invito a presentare proposte sull'integrazione dei migranti nell'ambito dello strumento tematico AMIF, ad esempio, la Commissione sosterrà progetti che promuovono iniziative multilaterali per l'integrazione nel mercato del lavoro. Con misure volte ad aumentare la flessibilità dei finanziamenti della politica di coesione nell'ambito dell'azione di coesione per i rifugiati in Europa (CARE) e dell'assistenza flessibile ai territori (FAST-CARE), la Commissione ha fornito la necessaria flessibilità agli Stati membri,

9 . Contribuire a rendere la valutazione, il riconoscimento e la convalida delle competenze e delle qualifiche più semplici e semplici, alla luce dell'Anno europeo delle competenze 2023:
Continueremo a utilizzare, migliorare e promuovere strumenti e materiali dell'UE relativi alle competenze. Questi includono lo strumento per il profilo delle competenze dell'UE per i cittadini di paesi terzi; servizi nell'ambito della piattaforma Europass, come uno strumento di autovalutazione delle competenze digitali e il portafoglio elettronico Europass; una relazione che confronta il quadro ucraino delle qualifiche con il quadro europeo delle qualifiche; prossime nuove linee guida europee sulla validazione delle competenze non formali e aggiornamenti dell'Inventario Europeo sulla Validazione. Infine, la Fondazione europea per la formazione professionale ha creato un centro informativo sull'istruzione e sul lavoro per gli ucraini in Europa

10 .Le parti sociali ed economiche diffonderanno questi strumenti e materiali attraverso le loro reti e trasmetteranno alla Commissione feedback sul loro contributo all'integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini di paesi terzi.

Facilitare l'integrazione nel mercato del lavoro dell'UE e le pari opportunità:
Continueremo la nostra cooperazione al fine di sostenere l'integrazione dei cittadini di paesi terzi nel mercato del lavoro a condizioni sostenibili, collaborando con le imprese e altri soggetti interessati (servizi pubblici per l'impiego, formazione 8 COM(2020) 758 final 9 Comunicazione e proposta di Regolamento su FAST-CARE 10 Informazioni sull'istruzione e sul lavoro per gli ucraini e i paesi dell'UE | ETF (europa.eu) 4 fornitori ecc.). Più specificamente, le parti sociali ed economiche contribuiranno all'attuazione del programma pilota UE Talent Pool per i beneficiari di protezione temporanea e protezione nazionale adeguata a cui è stato concesso il diritto al lavoro, al fine di massimizzare le opportunità e l'accesso a posti di lavoro di qualità nell'UE.

Ci impegneremo in una campagna di comunicazione congiunta per promuovere l'EU Talent Pool Pilot tra tutte le parti interessate nei rispettivi settori di attività. Ad esempio, le organizzazioni dei datori di lavoro potrebbero informare i datori di lavoro sul Talent Pool Pilot e incoraggiarli a sfruttarlo appieno.

Collaboreremo inoltre strettamente allo sviluppo del futuro pool di talenti dell'UE 11 per i cittadini di paesi terzi interessati a venire a vivere e lavorare nell'UE e in grado di fornire le competenze e le qualifiche richieste dal mercato del lavoro dell'UE.

Miglioreremo la fornitura di informazioni pertinenti a rifugiati e migranti sui loro diritti e opportunità sul mercato del lavoro dell'UE. Attraverso i loro canali di collaborazione, le Parti Sociali ed Economiche possono anche incoraggiare coloro che arrivano nell'UE ad iscriversi tempestivamente ai Servizi Pubblici per l'Impiego locali.

Seguire i progressi:
Ci incontreremo almeno due volte all'anno a livello operativo per fare il punto sui risultati della nostra cooperazione nei settori summenzionati e, se del caso, a livello politico.

Possiamo raccogliere la sfida di sostenere efficacemente coloro che cercano sicurezza nell'UE dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, così come da altre guerre e conflitti, solo con lo sforzo concertato di tutte le parti della società. Per quanto riguarda l'accesso e l'integrazione nel mercato del lavoro, la Commissione europea e le parti sociali ed economiche si impegnano a fare la nostra parte, tra l'altro, sfruttando la nostra cooperazione di lunga data nel partenariato europeo per l'integrazione e contribuendo attivamente al raggiungimento degli obiettivi del Anno delle competenze. (04/01/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07