Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 2 febbraio 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - ITALIANI NEL REGNO UNITO - SINDACATI TUC: I° FEBBRAIO GIORNATA NAZIONALE PER IL DIRITTO ALLO SCIOPERO A FRONTE DELLA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA

(2023-01-10)

  IL TUC dedicherà' il I° Febbraio al diritto allo sciopero, l'organismo sindacale afferma in una nota "che combatterà la nuova legislazione anti-sciopero "in ogni fase del percorso", lo ha deciso ieri  a seguito di  una riunione dei dirigenti sindacali.

Gli eventi si svolgeranno in diverse parti del paese contro la nuova legislazione anti-sciopero dei conservatori.

E i lavoratori del settore pubblico saranno invitati a mostrare il loro sostegno ai lavoratori che agiscono per difendere la loro retribuzione e le loro condizioni.

Maggiori informazioni verranno fornite nelle prossime settimane sulle attività in programma.

Il TUC ha promesso di combattere i nuovi freni agli scioperi "in ogni fase del percorso", anche attraverso il parlamento e i tribunali.

L'organismo sindacale afferma che i nuovi piani anti-sciopero del governo sono impraticabili e quasi certamente violano il diritto internazionale.

Il segretario generale del TUC, Paul Nowak, ha dichiarato:

“Il diritto di sciopero è una libertà britannica fondamentale, ma il governo lo sta chiaramente attaccando.

“Questi nuovi freni draconiani inclineranno ancora di più l'equilibrio del potere a favore dei cattivi capi e renderanno più difficile per le persone ottenere salari e condizioni migliori.

“Nessuno dovrebbe perdere il lavoro se intraprende azioni legali per ottenere un accordo migliore. Ma i ministri sono passati dall'applaudire i nostri lavoratori chiave alla minaccia del licenziamento.

“I sindacati combatteranno questi piani in ogni fase del percorso, anche attraverso il parlamento e i tribunali.

“Il 1° febbraio terremo eventi in tutto il paese contro questo nuovo dispettoso disegno di legge, che è impraticabile...

"Chiederemo al grande pubblico di mostrare sostegno ai lavoratori che agiscono per difendere la loro retribuzione e le loro condizioni, per difendere i nostri servizi pubblici e per proteggere il diritto fondamentale di sciopero".

Sulla necessità che il governo segua l'esempio del settore privato, Paul Nowak ha aggiunto:

“Il governo dovrebbe seguire l'esempio di molti datori di lavoro nel settore privato che si sono seduti con i sindacati e hanno concordato accordi salariali equi.

"Ma invece i ministri stanno elaborando piani che riusciranno solo a intensificare le controversie e ad allontanare i lavoratori dal voler lavorare nei nostri servizi pubblici".

Un sondaggio del TUC pubblicato lo scorso anno ha rivelato che 1 dipendente pubblico su 3 stava adottando misure attive per lasciare la propria professione.

L'analisi pubblicata dall'organo sindacale evidenzia:

Gli infermieri hanno perso £ 42.000 di guadagni reali dal 2008, l'equivalente di £ 3.000 all'anno

Le ostetriche hanno perso £ 56.000 di guadagni reali dal 2008, l'equivalente di £ 4.000 all'anno

I paramedici hanno perso £ 56.000 di guadagni reali dal 2008, l'equivalente di £ 4.000 all'anno

E se il governo non migliora la sua offerta retributiva per i dipendenti pubblici, la retribuzione del settore pubblico diminuirà, in media, di oltre 100 sterline al mese in termini reali nel 2023."conclude la nota del TUC. (10/01/2023- ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07