Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 25 maggio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - EUROPA/PROTEZIONE LAVORATORI - COMMSS.SCHMIT (LAVORO E DIRITTI SOCIALI): OGGI MANTENIAMO NOSTRO IMPEGNO PER MIGLIORARE PROTEZIONE LAVORATORI DA PIOMBO E DISSOCIANATI

(2023-02-13)

Oggi la Commissione è intervenuta per migliorare ulteriormente la protezione dei lavoratori dai rischi per la salute legati all'esposizione a sostanze chimiche pericolose: piombo e diisocianati. Nel caso del piombo, un limite di esposizione significativamente ridotto contribuirà a prevenire problemi di salute dei lavoratori, ad esempio compromettendo le funzioni riproduttive e lo sviluppo fetale. Per i diisocianati, un nuovo limite di esposizione preverrà i casi di asma e altre malattie respiratorie.

La proposta odierna è il risultato di un ampio processo di consultazione, compresa una consultazione in due fasi con le parti sociali, e di una stretta collaborazione con scienziati e rappresentanti dei lavoratori, dei datori di lavoro e degli Stati membri.

Fa seguito agli impegni assunti nel quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro 2021-2027 , in cui la Commissione ha annunciato una proposta di valori limite per piombo e diisocianati. Deriva anche dalla quarta revisione della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni nel marzo 2022, che ne ha esteso il campo di applicazione alle sostanze reprotossiche, che incidono sulle funzioni riproduttive. Questa proposta inserisce il piombo nel campo di applicazione dell'attuale direttiva sugli agenti cancerogeni, mutageni e sulle sostanze reprotossiche. Le azioni contribuiranno anche all'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali .

Concretamente, la Commissione propone di modificare due direttive: per il piombo, la direttiva sulla protezione dei lavoratori dai rischi connessi all'esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e reprotossici durante il lavoro , e per il piombo e i diisocianati, la direttiva sulla protezione dei lavoratori da i rischi legati agli agenti chimici sul lavoro .

Le modifiche proposte saranno fondamentali anche per proteggere i lavoratori nel contesto dell'avanzamento della transizione verso la neutralità climatica: è probabile che sia il piombo che i diisocianati vengano utilizzati, ad esempio, nella produzione di batterie e nei processi per rendere i veicoli elettrici più leggeri, nelle turbine o come materiale isolante durante le ristrutturazioni edilizie. 

Il piombo può influenzare la funzione sessuale e la fertilità e può danneggiare lo sviluppo di un feto o della prole di donne esposte. Può anche danneggiare il sistema nervoso, i reni, il cuore e il sangue delle persone esposte. Si stima che attualmente 100.000 lavoratori nell'UE siano esposti al piombo sul posto di lavoro, secondo la valutazione d'impatto della Commissione europea.

L'UE dispone dal 1982 di limiti di esposizione professionale per proteggere i lavoratori dagli effetti negativi sulla salute del piombo. Sulla base delle più recenti prove scientifiche, la Commissione propone oggi:

Per abbassare ulteriormente il limite di esposizione professionale da 0,15 milligrammi per metro cubo (0,15 mg/m 3 ) a 0,03 mg/m 3 , e abbassare il valore limite biologico da 70 microgrammi per 100 millilitri di sangue (70µg/100ml) a 15µg/100ml.

Sebbene la forza lavoro esposta al piombo sia prevalentemente maschile, le lavoratrici possono essere esposte a rischi aggiuntivi poiché il piombo può colpire le donne incinte e il feto in via di sviluppo. Pertanto, la Commissione ribadisce anche che per proteggere meglio le donne, è fondamentale sensibilizzare i lavoratori in età fertile e mettere in atto misure specifiche per ridurre al minimo ogni possibile rischio e garantire inoltre che il livello di piombo nel sangue nelle donne in età fertile non sia superare i valori di riferimento della popolazione generale non esposta professionalmente al piombo nel rispettivo Stato membro. Quando i livelli di riferimento nazionali non sono disponibili, i livelli di piombo nel sangue nelle donne in età fertile non devono superare il valore limite biologico di 4,5 µg/100 ml.

I diisocianati descrivono varie sostanze chimiche che sono spesso raggruppate in base alle loro proprietà comuni e che possono causare malattie respiratorie come l'asma. La valutazione d'impatto della Commissione stima che attualmente 4,2 milioni di lavoratori nell'UE siano esposti ai diisocianati. Attualmente non esistono valori limite per i diisocianati a livello dell'UE.

La Commissione propone pertanto di introdurre, per la prima volta, valori limite per proteggere i lavoratori dalla esposizione ai diisocianati durante il lavoro. Questi valori limite si riferiscono al gruppo di azoto, carbonio e ossigeno dei diisocianati, responsabili dei loro effetti sulla salute:

Un limite di esposizione professionale complessiva di 6µg NCO/m 3  (questo sta per la concentrazione massima di una sostanza nell'aria che un lavoratore respira in un certo periodo di riferimento, 8 ore) e
Un limite di esposizione a breve termine di 12 µg NCO/m 3 (questo sta per un periodo di riferimento più breve, 15 minuti. Si applica quando gli effetti negativi sulla salute di una sostanza non possono essere adeguatamente controllati con un limite di esposizione globale, ad esempio durante periodi brevi ma elevati intensità di esposizione).
Oltre ai valori limite, la Commissione propone le cosiddette “annotazioni”. Le annotazioni sono indicazioni aggiunte ai valori limite, che allertano datori di lavoro e lavoratori della possibile esposizione per vie diverse dall'inalazione, ad esempio attraverso la pelle, e della necessità di attuare misure protettive.

La proposta della Commissione sarà ora discussa dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Una volta adottata, gli Stati membri avranno due anni per recepire la direttiva nel diritto nazionale.

----------------------------------------------------------------------

Il piombo rappresenta circa la metà di tutte le esposizioni professionali a sostanze reprotossiche. Ogni anno nell'UE si verificano circa 300 casi di cattiva salute a causa di una passata esposizione al piombo. L'esposizione si verifica nell'estrazione e nella lavorazione primaria del piombo e nel suo successivo utilizzo in prodotti come le batterie. Inoltre, i lavoratori possono essere esposti al piombo a causa della sua applicazione storica nelle ristrutturazioni, nella raccolta dei rifiuti, nel riciclaggio e nel risanamento ambientale.

L'esposizione professionale ai diisocianati rappresenta dal 9% al 15% di tutti i casi di asma negli adulti in età lavorativa. L'esposizione di picco (che significa breve durata, alta intensità) è un fattore chiave per lo sviluppo dell'asma. Per questo motivo, oltre a un limite generale di esposizione professionale, viene proposto un limite di esposizione a breve termine. L'esposizione lavorativa ai diisocianati si verifica principalmente nella produzione di poliuretano, che viene utilizzato per prodotti come schiume, plastica, rivestimenti, vernici, vernici a due componenti e adesivi.

Poiché attualmente non esistono valori limite per i diisocianati, la Commissione propone un periodo transitorio fino al 31 dicembre 2028 per sostenere le imprese nell'attuazione. Fino ad allora, il limite di esposizione professionale sarà di 10 µg NCO/m 3 e l'esposizione a breve termine dovrebbe essere limitata a 20 µg NCO/m 3. (13/02/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07