Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 1 dicembre 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - EUROPA/UK - LYNCH (SEGR.GEN.CES): UE DEVE RISPONDERE "INDEBOLIMENTO DIRITTI LAVORATORI IN UK. MINA DIRITTI LAVORATORI UE. NOWAK (TUC): GOVERNO PERSEGUE AGENDA ANTIOPERAIA"

(2023-02-14)

Oggi l'UE ha gettato le basi per agire se il governo del Regno Unito viola il suo impegno per i diritti dei lavoratori ai sensi dell'accordo sulla Brexit.

Il Parlamento europeo ha adottato una relazione sulla proposta di regolamento relativo all'applicazione e all'attuazione dell'accordo di recesso del Regno Unito e dell'accordo commerciale e di cooperazione UE-Regno Unito.

Il segretario generale della CES, Esther Lynch, ha dichiarato:

“In un momento in cui il Regno Unito minaccia di ignorare i suoi impegni a mantenere i diritti dei lavoratori ai sensi dell'accordo commerciale e di cooperazione, è giusto che l'UE abbia i mezzi per rispondere e sia  pronta a utilizzarli.

“L'indebolimento dei diritti dei lavoratori nel Regno Unito mina i diritti dei lavoratori nell'UE. Dobbiamo evitare una corsa al ribasso.

“La CES è particolarmente preoccupata per il progetto di legge del Governo inglese sull'Unione europea (revoca e riforma) e il progetto di legge sugli scioperi (livelli minimi di servizio), che cerca di abrogare i diritti dei lavoratori acquisiti in oltre 50 anni di adesione all'UE. Inoltre, il disegno di legge sul protocollo dell'Irlanda del Nord rischia di sventare il delicato accordo raggiunto per preservare un'intera economia insulare eliminando la necessità di un confine fisico.

“Se questi disegni di legge entrassero in vigore, non c'è dubbio che il Regno Unito violerebbe i suoi impegni internazionali. L'UE dovrebbe essere pronta ad agire in difesa dei diritti dei lavoratori e a impegnarsi con i sindacati, anche attraverso il gruppo consultivo interno".

Il segretario generale del TUC, Paul Nowak, ha dichiarato:

“Questo governo conservatore minaccia di prendere una palla da demolizione per i diritti dei lavoratori.

“Ciò non solo avrebbe conseguenze per i lavoratori nel Regno Unito, ma metterebbe il paese in rotta di collisione con l'UE, il che potrebbe devastare le relazioni commerciali del Regno Unito.

“I conservatori hanno promesso di rendere la Gran Bretagna il miglior posto al mondo in cui lavorare dopo la Brexit. Ma questo governo sta ora perseguendo una dannosa agenda antioperaia.

“In primo luogo, i ministri hanno fatto esplodere una bomba a orologeria in materia di diritti vitali sul posto di lavoro attraverso il progetto di legge dell'UE mantenuto. Hanno minacciato di stravolgere le leggi fondamentali alla fine di quest'anno, come la retribuzione delle ferie, l'orario di lavoro sicuro e la protezione dalla discriminazione.

“Poi hanno attaccato il diritto fondamentale di colpire attraverso lo Strikes Bill.

“I conservatori non hanno il mandato di tagliare e bruciare i diritti delle persone sul lavoro. I ministri dovrebbero abbandonare questi progetti di legge sconsiderati prima che si facciano danni permanenti.“ (14/02/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07