Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - LAMPEDUSA - LA SEN. LA MARCA(PD/ESTERO) AL CENTRO DI ACCOGLIENZA : "LA DISPERAZIONE UMANA LASCIA SENZA PAROLE. GLI ITALIANI DEVONO RENDERSI CONTO. LA UE NON PUO' GIRARSI DALL'ALTRA PARTE"

(2023-07-24)

  Nella giornata di venerdì 21 luglio, la Senatrice La Marca ha visitato il Centro di Primo Soccorso ed Accoglienza (Cspa) di Lampedusa, primo approdo sicuro d'Europa per tutte quelle migliaia di persone che fuggono da guerre e carestie e che ad oggi ospita circa 2.300 persone.

« Ho voluto vedere l”Hot Spot” di Lampedusa e ho cercato di prepararmi psicologicamente per questa visita ma quello che ho trovato al suo interno mi ha comunque sconvolta. Provo difficoltà a spiegarlo - non si può immaginare cosa siano i cosiddetti “dormitori” e in che condizioni igienico sanitarie le persone vivano al loro interno. Sarà impossibile per me togliermi dalla testa le immagini delle mamme e dei loro bambini, dei ragazzi con i visi contorti dal dolore, distrutti dalla stanchezza e dalla sofferenza. Impossibile smettere di respirare quell’odore di escrementi e di sudore. La disperazione umana che colpisce e lascia senza parole. » ha dichiarato la senatrice Francesca La Marca.

La capienza massima del “Hot Spot” è di appena 389 posti ma, dati alla mano, sono anni che il numero degli ospiti è sempre superiore del 500%. Una situazione ingestibile sia per gli operatori ma anche chiaramente per le persone che vivono al loro interno.

«Le forze dell’ordine e i membri della Croce Rossa, che qui ringrazio, sono stati con me gentilissimi e mi hanno permesso anche di effettuare alcune riprese. Si sono lamentati della totale assenza delle istituzioni e del fatto che nessun parlamentare sia andato a visitare le condizioni del “Hot Spot”. Eppure, io sono convinta che gli italiani devono essere consapevoli di quello che succede in quel centro di accoglienza. Un paese che si definisce civile, come lo è l’Italia, non può abbandonare queste persone al loro inesorabile destino, non può vedere queste vite come semplice merce di transito.... Serve l’aiuto anche dell’Europa unita, che non può girarsi dall’altra parte quando all’interno dei suoi confini ci sono persone che vivono in queste condizioni. » ha concluso la senatrice La Marca. (24/07/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07