Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 18 giugno 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - UNIONCAMERE/ANPAL PIEMONTE: 29.610 ASSUNZIONI PREVISTE. 59% A TEMPO DETERMINATO. MISMATCH ELEVATO 50% ASSUNZIONI (+52,3% OTTOBRE) MANCANO CANDIDATI (33,6%) O PREPARAZIONE INADEGUATA 12,2%.

(2023-11-13)

  Sono circa 29.610 i contratti programmati dalle imprese piemontesi per novembre 2023, valore che sale a 92.950 se si considera l’intero trimestre novembre 2023-gennaio 2024. Il trend appare positivo sia a livello mensile (+1.960 entrate rispetto a novembre 2022, per una variazione tendenziale del +7,1%), sia su base trimestrale (+2.560 assunzioni rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente), in analogia rispetto a quanto avviene a livello complessivo nazionale (+12,6% su novembre 2022 e +8,4% rispetto a novembre 2022 -gennaio 2023).

Le entrate ipotizzate in Piemonte a novembre 2023 rappresentano il 21,7% delle 136.200 assunzioni previste nel Nord Ovest e il 6,9% del totale di quelle nazionali (431mila circa).

Questi sono alcuni dei dati contenuti nel Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, basato sulle interviste effettuate su un campione di imprese nel periodo 25 settembre – 10 ottobre 2023.

Il 76,2% delle entrate programmate dalle aziende piemontesi riguarderà personale dipendente, il 18,1% lavoratori somministrati, il 2,0% collaboratori e il 3,7% altri lavoratori non alle dipendenze.

La domanda di lavoro a novembre 2023 è trainata dai contratti a tempo determinato con il 59% delle entrate programmate, seguiti da quelli a tempo indeterminato con il 29% dei casi. L’apprendistato rappresenta la tipologia contrattuale prescelta per il 9% delle entrate, mentre gli altri contratti detengono una quota del 4% del totale complessivo regionale.

Delle 29.610 entrate previste in Piemonte nel mese di novembre 2023 il 16% è costituito da laureati, il 31% da diplomati, le qualifiche o diplomi professionali e la scuola dell’obbligo pesano rispettivamente il 34% (in forte aumento rispetto al mese precedente) e il 19%(in netto calo).

Considerando i dati del trimestre novembre 2023 – gennaio 2024 emerge come siano sempre i servizi a formare la fetta più consistente della domanda di lavoro con 60.890 entrate, il 65,5% del totale (1.310 unità in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente). L’industria prevede 32.060 entrate, generando il 34,5% della domanda totale e segnando un aumento di circa 1.250 unità rispetto al periodo novembre 2022 – gennaio 2023.

Tra i servizi, il comparto che assorbirà la fetta più rilevante delle 92.950 entrate previste nel trimestre novembre 2023 – gennaio 2024 è quello del commercio, con 12.640 ingressi (13,6% del totale), seguiti dai servizi alle persone, con 11.840 entrate e una quota del 12,7% del totale e dai servizi di alloggio e ristorazione, servizi turistici, per cui le imprese intervistate presumono di dover effettuare 10.750 assunzioni (l’11,6%).

All’interno del comparto industriale si distinguono le industrie meccaniche ed elettroniche con 7.810 entrate previste nel periodo in esame e il settore edile con 7.350 assunzioni nel trimestre e una quota del 7,9% del totale.

Il 26% delle entrate previste a novembre 2023 nella nostra regione sarà destinato a professioni commerciali e dei servizi, il 21% a dirigenti, specialisti e tecnici. Gli operai specializzati e conduttori di impianti produrranno il 29% delle entrate (dato in calo rispetto al mese precedente) e solo il 9% sarà rappresentato da impiegati. I profili generici costituiranno il 15% delle assunzioni del mese.

Più di un’assunzione su tre (35,6%) interesserà giovani con meno di 30 anni. Nel 21% dei casi le imprese prevedono di assumere personale immigrato.

Per il 59,3% circa delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore. Il 23,5% dei neo assunti sarà chiamato ad applicare soluzioni creative e innovative, il 12,8% coordinerà altre persone.

Il 41% delle entrate sarà inserito nell’area della produzione di beni ed erogazione del servizio, il 19% nelle aree commerciali e della vendita, il 17% in quelle tecniche e della progettazione. La logistica assorbirà il 13% circa delle assunzioni programmate per il mese di novembre 2023, l’area amministrativa e quella direzionale entrambe genereranno il 5%.

Si conferma elevato il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, che, a novembre 2023, riguarda circa il 50,1% delle assunzioni. La difficoltà di reperimento è in diminuzione rispetto al mese precedente (52,3%), ma in aumento di 3,6 punti percentuale rispetto a un anno fa (46,5%). Ancora una volta, il dato piemontese risulta più elevato rispetto a quello medio nazionale (48,5%). Le difficoltà sono legate in primo luogo alla mancanza di candidati (33,6%, in calo rispetto a ottobre 2023), cui segue l’inadeguata preparazione dei candidati (12,2%, in aumento, invece, rispetto al mese precedente). 

Le professioni più difficili da reperire in Piemonte nel mese di Novembre 2023:
Operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni 980  (83,1 difficile reperibilità) ;
Meccanici artigianali, montatori, riparatori, manutentori macchine fisse/mobili 850, (84,4 difficile reperibilità);
Professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali 730, (74,3 difficile reperibilità;
Fabbri ferrai costruttori di utensili 510,  ( 77,6 difficile reperibilità);
Tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi, 390, (83,6 difficile reperibilità)
Specialisti nelle scienze della vita 130, ( 73,6 difficile reperibilità). (13/11/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07