Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - ITALIANI IN UK - SINDACATI ED ALTRE ORGANIZZAZIONI CHIEDONO AL GOVERNO DI NON REINTRODURRE SPESE LEGALI PER ACCESSO TRIBUNALI LAVORO - INIZIATIVA GIA' BOCCIATA DA CORTE SUPREMA

(2024-02-26)

In una dichiarazione congiunta firmata da 48 organizzazioni e attivisti tra cui TUC, Citizens Advice, Maternity Action, Women's Budget Group, Liberty, Joseph Rowntree Foundation, Fawcett Society, Mother Pukka, i gruppi chiedono al governo di riconsiderare urgentemente i suoi piani.

Nel 2017, dopo che Unison ha intentato un ricorso legale, la Corte Suprema ha annullato il precedente regime delle spese giudiziarie perché “impedisce di fatto l’accesso alla giustizia ed è quindi illegale”. 

La dichiarazione congiunta afferma che la decisione porrà ancora un altro ostacolo di fronte a coloro che cercano giustizia, evidenziando le barriere esistenti che i lavoratori devono affrontare, tra cui:

Mancanza di consapevolezza dei principali diritti del lavoro e del processo per presentare un reclamo. 
Termini rigorosi per la presentazione dei reclami. 
Un sistema di tribunali del lavoro con risorse insufficienti porta a notevoli ritardi nell’udienza dei casi. 
Un sistema di controllo del mercato del lavoro sottofinanziato che non dispone di abbastanza ispettori per far rispettare in modo proattivo i diritti del lavoro.

I gruppi affermano che "l’introduzione di tasse incoraggerà lo sfruttamento dei lavoratori e  “crediamo che questo dissuaderà molti dal presentare rivendicazioni meritevoli e darà il via libera ai cattivi datori di lavoro per sfruttare i propri lavoratori.  “I diritti del lavoro sono reali solo se vengono applicati. Le spese dei tribunali rischiano di escludere molti lavoratori dalla giustizia sul posto di lavoro”.

Tra l'altro, i sindacati hanno sollevato preoccupazioni circa l’impatto sui lavoratori nel mezzo di una crisi del costo della vita:  “Ai lavoratori che cercano di recuperare il credito salariale, l’indennità di licenziamento non pagata e il risarcimento per licenziamento senza giusta causa verrà chiesto di accumulare denaro extra in un momento incredibilmente difficile della loro vita. 
“Le procedure di esenzione dalle tasse sono complesse e difficili da comprendere per molti, soprattutto entro il limite di tre mesi per la maggior parte dei sinistri.

“Le tasse vengono riscosse anche in un momento in cui la crescente inflazione e i bassi salari mettono sotto pressione i bilanci familiari. L’accesso alla giustizia non deve mai dipendere dalla tua capacità di pagare”.
E avvertono che tra i più colpiti figurano lavoratori già ad alto rischio di maltrattamenti "come le lavoratrici incinte, i lavoratori disabili e i lavoratori migranti”.

Il segretario generale della TUC Paul Nowak ha dichiarato:  “Tutti i lavoratori dovrebbero essere in grado di far valere i propri diritti. Ma l’introduzione di tariffe per i tribunali pone ancora un altro ostacolo sulla strada di coloro che cercano giustizia nel momento più vulnerabile.
“I conservatori ci hanno già provato e hanno fallito. L’ultima volta che hanno introdotto le spese giudiziarie, le richieste di risarcimento sono diminuite di due terzi. E la Corte Suprema ha respinto le spese, affermando che interferivano con l’accesso alla giustizia.

Rosalind Bragg, direttrice del Maternity Action Group, ha dichiarato:  “Per le donne incinte e le neo mamme in crisi del costo della vita, ogni centesimo conta. L’addebito di spese per le cause presentate ai tribunali del lavoro mette il sistema giudiziario fuori dalla portata delle donne nel momento in cui hanno maggiormente bisogno di protezione.

“Se il governo intende seriamente eliminare la discriminazione sulla maternità, dovrebbe ridurre le barriere alla giustizia e non aumentarle. Le tariffe ridurranno l’effetto deterrente del tribunale del lavoro, rassicurando i cattivi datori di lavoro che potranno farla franca violando la legge.
“Abbiamo leggi in vigore per garantire la parità di trattamento delle donne incinte e delle neo mamme sul lavoro, ma queste sono inefficaci senza il solido funzionamento del tribunale del lavoro. Le tariffe rappresentano un passo indietro nella lotta per l’uguaglianza di genere”.

...."Ai lavoratori che cercano di recuperare il furto salariale, l’indennità di licenziamento non pagata e il risarcimento per licenziamento senza giusta causa verrà chiesto di accumulare denaro extra in un momento incredibilmente difficile della loro vita. Le procedure di esenzione dalle spese sono complesse e difficili da comprendere per molti, soprattutto entro il termine di tre mesi per la maggior parte delle richieste.

Le tasse vengono inoltre imposte in un momento in cui la crescente inflazione e i bassi salari mettono sotto pressione i bilanci familiari. L’accesso alla giustizia non deve mai dipendere dalla tua capacità di pagare.

I diritti del lavoro sono reali solo se applicati. Le spese dei tribunali rischiano di escludere molti lavoratori dalla giustizia sul posto di lavoro, in particolare i lavoratori a maggior rischio di violazioni del diritto del lavoro, come le lavoratrici incinte, i lavoratori disabili e i lavoratori migranti...." (26/02/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07