Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - POLIZZE PREVIDENZIALI PER I CONTRATTISTI MAECI NEI PAESI BASSI: ANNUNCIA SINDACATO CONFSAL UNSA ESTERI

(2024-03-25)

  "Dopo anni di battaglie condotte esclusivamente da CONFSAL UNSA a tutela dei lavoratori vittime della disparità di trattamento in materia previdenziale, determinatasi a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento europeo 883/ 2004, nell’ambito delle quali si è fatta carico – anche finanziariamente - di presentare l’unico ricorso in materia, che ha dato l’input per l’istruttoria amministrativa in oggetto, è giunta in queste ore la notizia tanto attesa dell’appro- vazione da parte dell’Ufficio centrale di Bilancio della stipula , per la prima volta in assoluto presso la rete, di due polizze previdenziali integrative (una per il personale a legge locale, conclusa con la società Allianz, e una per il per- sonale a legge italiana, conclusa con la società Generali Spa), con oneri a carico dell’Amministrazione.

Si tratta - prosegue il Sindacato -di un esercizio assolutamente innovativo, a cui abbiamo partecipato come CONFSAL UNSA in maniera attiva e senza eguali, basato su una interpretazione evolutiva di quanto previsto dall’articolo 158 del Dpr 18/67 in materia di “previdenza e assistenza”, nella prospettiva di garantire una tutela piena e inderogabile della condizione e delle aspettative di natura previdenziale del nostro personale a contratto, secondo standard moderni e condivisi.

Quanto ottenuto dalla CONFSAL UNSA per il personale nei Paesi Bassi, rappresenterà – anche in ragione di quanto prospettatoci dall’Amministrazione nel corso dell’ultimo anno – una sorta di “apripista” per la Danimarca, i cui lavo-ratori si trovano nelle medesime condizioni dei colleghi in servizio in Olanda, a seguito dell’entrata in vigore del predetto Regolamento.

Il Sindacato Confsal UNSA Estero ricorda che il Regolamento 883 ha disposto in via generale che, all’interno della UE, l’ente previdenziale competente a ricevere le contribuzioni dei lavoratori e ad erogare le corrispondenti prestazioni pensionistiche è quello del Paese in cui il lavoratore presta servizio, a prescindere dalla cittadinanza dello stesso. Tale disciplina ha determinato il passaggio obbligatorio alla previdenza locale per tutti gli impiegati precedentemente iscritti all’INPS, ad eccezione di quelli in servizio in Paesi in cui erano stati stipulati accordi in deroga.

  I Paesi Bassi non sono rientrati tra i Paesi destinatari della predetta deroga, in ragione dell’assoluta indisponibilità delle autorità olandesi a concludere tali accordi, pertanto, il personale a contratto in servizio in loco è stato vittima di una drammatica disparità di trattamento e di un deterioramento delle condizioni previdenziali, in ragione del fatto che il sistema previdenziale olandese prevede un regime fortemente svantaggioso rispetto all’INPS, segnalato costantemente dalla CONFSAL-UNSA e oggetto di un confronto che si è trascinato non solo in sede amministrativa, ma anche in sede parlamentare e giudiziale" fa presente il Sindacato italiano.

"Da queste premesse ha preso avvio l’istruttoria che ha condotto all’individuazione dei presupposti giuridici legitti-manti la stipula dell’Assicurazione previdenziale integrativa in parola, a cui abbiamo partecipato attivamente come interlocutore alacre ed imprescindibile.
Si tratta di una grande vittoria della CONFSAL UNSA che conferma di essere il PRIMO SINDACATO della Farnesina, non solo per i numeri che ne caratterizzano la rappresentanza ma anche e soprattutto per il pragmatismo e la lungimiranza di azione che ne scandiscono ogni iniziativa ed intervento." conclude la nota del Sindaco Confsal UNSA Esteri. (25/03/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07