Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 22 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - EUROPA / NUOVO REGOLAMENTO : REGOLE COMUNI. APPLICAZIONE ENTRO DUE ANNI DALL'APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO E LA PUBBLICAZIONE SU GAZZETTA UE

(2024-04-10)

  Per aiutare i Paesi UE più esposti alle pressioni migratorie, gli altri Stati membri dovranno contribuire e accogliendo una parte dei richiedenti asilo o dei beneficiari di protezione internazionale nel loro territorio, stanziare contributi finanziari o fornire un sostegno tecnico-operativo. Saranno inoltre aggiornati i criteri che attribuiscono a uno Stato la responsabilità di esaminare le domande di protezione internazionale (le cosiddette "norme di Dublino").

Riguardo al voto degli europarlamentari italiani:  Fdi ha votato sì a gran parte del pacchetto, in linea con il governo ma in dissenso dai Conservatori e Riformisti e differentemente dai suoi alleati: Fi, totalmente a favore, e la Lega, contraria a più della metà dei testi e lontana dalla posizione del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi.
Dal  Pd voto contrario. L'unica eccezione è stata rappresentata dal regolamento sulla gestione dell'asilo e la migra-zione, che include il meccanismo di solidarietà. Il compromesso raggiunto - secondo i Dem - non supera il sistema di Dublino, non alleggerisce i Paesi di primo ingresso ed è fortemente improntato ad un approccio securitario".

Rilocalichizzazione e/o contributi finanziari

Criteri aggiuntivi per determinare quale Stato membro è responsabile dell'esame delle domande di protezione internazionale, sostituendo le norme di Dublino

L'Europarlamento  ha approvato una nuova politica di asilo e migrazione dell'UE basata sul principio della solidarietà e dell'equa condivisione delle responsabilità.
Secondo la legislazione concordata, tutti gli Stati membri dovranno contribuire ad aiutare i paesi dell'UE riconosciuti come sotto pressione migratoria ("Stati membri beneficiari"), vale a dire laddove gli arrivi dei richiedenti siano di portata tale da creare obblighi sproporzionati rispetto alla situazione generale nell'UE e richiedere un'azione di solidarietà immediata.

Ogni anno verrà istituito un pool di solidarietà, al quale tutti i paesi dell'UE dovranno contribuire con trasferimenti (cioè trasferimenti di un richiedente o di un beneficiario di protezione internazionale dal territorio di uno Stato membro beneficiario al territorio di uno che contribuisce) o contributi finanziari. Il calcolo del contributo di ciascuno Stato membro si basa sulla dimensione della popolazione (50%) e sul suo PIL (50%), mentre ogni paese è libero di decidere il tipo di contributo.

Gli Stati membri dichiarati sotto pressione migratoria notificheranno al Consiglio e alla Commissione la loro intenzione di utilizzare il pool e potranno richiedere una deduzione parziale o totale dei propri contributi di solidarietà.

La regolamentazione della crisi e della forza maggiore stabilisce un meccanismo per rispondere agli improvvisi aumenti degli arrivi, garantendo solidarietà e sostegno agli Stati membri che devono affrontare un afflusso eccezionale di cittadini di paesi terzi. Le nuove regole riguarderanno anche la strumentalizzazione dei migranti, vale a dire quando vengono utilizzati da paesi terzi o da attori non statali ostili che mirano a destabilizzare l'UE.

Il nuovo regolamento fissa la soglia minima per le delocalizzazioni a 30.000 richiedenti e il contributo finanziario a 600 milioni di euro. In caso di impegni insufficienti per le delocalizzazioni, uno Stato membro con persone da trasferire allo Stato membro responsabile secondo i criteri di responsabilità può essere chiesto di assumersi la responsabilità di esaminare le domande di protezione internazionale se lo Stato membro responsabile è uno Stato membro beneficiario, invece di contribuire con le delocalizzazioni.

Il diritto di chiedere la protezione internazionale non includerà la scelta del richiedente su quale Stato membro dovrebbe essere responsabile dell'esame della domanda o in quale Stato membro dovrebbero essere trasferiti.

si applicheranno in situazioni eccezionali di arrivo di massa di cittadini di paesi terzi o apolidi via terra, aria o mare, comprese le persone sbarcate a seguito di operazioni di ricerca e salvataggio. Per essere considerata una crisi, la situazione deve rendere non funzionali l'asilo, l'accoglienza, i servizi di protezione dell'infanzia o il sistema di rimpatrio di un determinato Stato membro e può anche avere gravi conseguenze per il funzionamento del sistema comune di asilo dell'UE.

Le regole si applicherebbero anche alle situazioni in cui un paese terzo o un attore non statale ostile incoraggia o facilita la circolazione di cittadini di paesi terzi e apolidi alle frontiere esterne dell'UE o in uno Stato membro allo scopo di destabilizzare il paese. Le operazioni di aiuto umanitario non dovrebbero essere considerate come un caso di strumentalizzazione quando non vi è l'obiettivo di destabilizzare l'UE o uno Stato membro.

Ricerca e salvataggio

La situazione specifica dei paesi con operazioni ricorrenti di ricerca e soccorso (SAR) alle loro frontiere viene considerata quando si valuta la pressione migratoria e una percentuale specifica di misure di solidarietà dovrebbe essere separata dal pool di solidarietà per gli Stati membri sotto pressione a causa della SAR.

Nel processo di identificazione delle persone da ricollocare e nella loro possibile corrispondenza con gli Stati membri di ricollocazione, si prenderà in considerazione l'affrontare le vulnerabilità, comprese quelle dei minori non accompagnati e dopo la ricerca e il salvataggio.

Di fronte a una crisi, lo Stato membro interessato doverà presentare, come accennato, una richiesta motivata alla Commissione, che valuterà la situazione entro due settimane e adotterà una decisione sulla presenza o meno di una situazione di crisi. Inoltre, presenterà al Consiglio una proposta in merito a misure di solidarietà e deroghe, insieme a una raccomandazione che stabilisce le categorie di persone che dovrebbero avere diritto alla protezione prima facie.

Le nuove regole prevedono un sistema di solidarietà prevedibile e permanente in cui tutti gli Stati membri devono contribuire a sostenere lo Stato membro in crisi. Tra le possibili misure di solidarietà per affrontare una crisi specifica, uno Stato membro può proporre alla Commissione di optare per la delocalizzazione dei richiedenti asilo e contributi finanziari mirati o misure alternative.

Alcune categorie di persone, come i richiedenti provenienti da uno specifico paese di origine, possono essere identificate come aventi diritto alla protezione prima facie, vale a dire che le autorità dovrebbero dare la priorità all'esame della loro domanda perché è probabile che siano fondate e per garantire la rapida conclusione della loro domanda.

Il diritto di chiedere la protezione internazionale non includerà la scelta del richiedente su quale Stato membro dovrebbe essere responsabile dell'esame della domanda o in quale Stato membro dovrebbero essere trasferiti.

La situazione specifica dei paesi con operazioni ricorrenti di ricerca e soccorso (SAR) alle loro frontiere viene considerata quando si valuta la pressione migratoria e una percentuale specifica di misure di solidarietà dovrebbe essere separata dal pool di solidarietà per gli Stati membri sotto pressione a causa della SAR.

Nel processo di identificazione delle persone da ricollocare e nella loro possibile corrispondenza con gli Stati membri di ricollocazione, si prenderà in considerazione l'affrontare le vulnerabilità, comprese quelle dei minori non accompagnati e dopo la ricerca e il salvataggio.

LE NUOVE REGOLE si applicheranno in situazioni eccezionali di arrivo di massa di cittadini di paesi terzi o apolidi via terra, aria o mare, comprese le persone sbarcate a seguito di operazioni di ricerca e salvataggio. Per essere considerata una crisi, la situazione deve rendere non funzionali l'asilo, l'accoglienza, i servizi di protezione dell'infanzia o il sistema di rimpatrio di un determinato Stato membro e può anche avere gravi conseguenze per il funzionamento del sistema comune di asilo dell'UE.

Le regole si applicherebbero anche alle situazioni in cui un paese terzo o un attore non statale ostile incoraggia o facilita la circolazione di cittadini di paesi terzi e apolidi alle frontiere esterne dell'UE o in uno Stato membro allo scopo di destabilizzare il paese. Le operazioni di aiuto umanitario non dovrebbero essere considerate come un caso di strumentalizzazione quando non vi è l'obiettivo di destabilizzare l'UE o uno Stato membro.

Alcune categorie di persone, come i richiedenti provenienti da uno specifico paese di origine, possono essere identificate come aventi diritto alla protezione prima facie, vale a dire che le autorità dovrebbero dare la priorità all'esame della loro domanda perché è probabile che siano fondate e per garantire la rapida conclusione della loro domanda.

Deroghe
In situazioni di crisi, la registrazione delle domande di asilo potrebbe richiedere fino a 4 settimane, con la procedura di frontiera estesa sia per le procedure di asilo che per le procedure di frontiera di rimpatrio di altre sei settimane ciascuna. In situazioni di afflusso di massa, la soglia per la procedura di frontiera può essere adattata verso l'alto o verso il basso. Nelle situazioni di strumentalizzazione, dopo una valutazione individuale, le persone vulnerabili e le famiglie con bambini di età inferiore ai 12 anni potrebbero essere escluse dalla procedura di frontiera.

Finanziamento di azioni nell'UE e nei paesi terzi

I contributi finanziari sosterranno le azioni nell'UE nel settore della migrazione, dell'accoglienza e dell'asilo. Gli Stati membri possono anche fornire sostegno alle azioni in o in relazione ai paesi terzi con un impatto diretto sui flussi migratori verso l'UE. Il sostegno finanziario può anche essere diretto al miglioramento dei sistemi di asilo, acco-glienza e migrazione del paese terzo interessato, anche per i programmi di rimpatrio volontario assistito e reinseri-
mento. Le azioni in un paese terzo saranno finanziate attraverso il Fondo per l'asilo, la migrazione e l'integrazione (AMIF) con la salvaguardia che fornisce.

Responsabilità di esaminare le domande di protezione internazionale

Le norme concordate includono criteri aggiuntivi per determinare quale Stato membro è responsabile del trattamento della domanda di protezione internazionale (noto come norme di Dublino). Per aiutare a determinare il paese responsabile, i casi di ricongiungimento familiare saranno prioritari e i possibili legami familiari saranno identificati il più rapidamente possibile. Ulteriori criteri sono: diplomi ottenuti in uno Stato membro, relazioni significative esistenti e conoscenza della lingua. Se non si applicano altri criteri, il primo Stato membro di registrazione della domanda di protezione internazionale sarebbe comunque responsabile dell'esame.

I deputati sono riusciti a negoziare una disposizione in base alla quale la consulenza legale gratuita durante la procedura ha stabilito la responsabilità nella fase amministrativa, compreso un maggiore diritto all'informazione durante tutte le fasi procedurali.

Accertamenti alle frontiere dell'UE (screening)

Le persone che non soddisfano i requisiti per entrare nell'UE saranno soggette a un accertamento preliminare della durata massima di sette giorni e comprensivo di identificazione, raccolta di dati biometrici e controlli sanitari e di sicurezza. Gli Stati membri dovranno istituire meccanismi di controllo indipendenti per garantire il rispetto dei diritti fondamentali.

Le nuove regole di screening si applicheranno alle persone che non soddisfano le condizioni per entrare in uno Stato membro dell'UE, che sono state arrestate entrando nell'UE irregolarmente al di fuori dei valichi di frontiera o sbarcate a seguito di un'operazione di ricerca e soccorso, o che hanno richiesto la protezione internazionale a un valico di frontiera. Lo screening può essere effettuato in qualsiasi luogo adeguato designato da ciascun paese dell'UE e situato in linea di principio alle frontiere esterne o in prossimità delle frontiere esterne, nonché in altri luoghi all'interno del territorio.

I cittadini di paesi terzi trovati all'interno del territorio dell'UE saranno soggetti a screening solo se hanno attraver-sato una frontiera esterna per entrare nel territorio di uno Stato membro in modo non autorizzato. I cittadini di paesi terzi che sono stati sottoposti allo screening una volta non dovranno ripeterlo.

Tipo di controlli e durata

I controlli possono durare al massimo sette giorni e includere l'identificazione o la verifica dell'identità di qualcuno, l'assunzione di dati biometrici Eurodac e una valutazione preliminare della salute e della vulnerabilità. Verranno inoltre effettuati controlli di sicurezza, accedendo alle banche dati pertinenti (in particolare il sistema
d'informazione Schengen, il sistema di entrata/uscita, il sistema europeo di informazioni e autorizzazione di viaggio ETIAS e il sistema europeo di informazione sui casellari giudiziari - sistema ECRIS-TCN per cittadini di paesi terzi).

I cittadini di paesi terzi sottoposti a screening devono essere a disposizione delle autorità per eseguire i controlli di cui sopra e possono essere detenuti per garantirlo. Avranno accesso all'assistenza sanitaria di emergenza e alle cure essenziali se sono malati.

L'interesse superiore del bambino, in particolare i minori non accompagnati, dovrebbero sempre essere una considerazione primaria durante lo screening. Un rappresentante dovrebbe essere nominato per sostenere i minori non accompagnati nel processo di screening. Anche se il minore non accompagnato non è rappresentato, dovrebbe sempre avere il diritto di chiedere protezione internazionale.

Finanziamento di azioni nell'UE e nei paesi terzi

I contributi finanziari sosterranno le azioni nell'UE nel settore della migrazione, dell'accoglienza e dell'asilo. Gli Stati membri possono anche fornire sostegno alle azioni in o in relazione ai paesi terzi con un impatto diretto sui flussi migratori verso l'UE. Il sostegno finanziario può anche essere diretto al miglioramento dei sistemi di asilo, accoglienza e migrazione del paese terzo interessato, anche per i programmi di rimpatrio volontario assistito e reinserimento. Le azioni in un paese terzo saranno finanziate attraverso il Fondo per l'asilo, la migrazione e l'integrazione (AMIF) con la salvaguardia che fornisce

Procedure di asilo più rapide

In tutta l'UE sarà introdotta una nuova procedura per il riconoscimento e la revoca della protezione internazionale. Con le nuove regole, il trattamento delle domande di asilo alle frontiere dovrà diventare più rapido, con scadenze più brevi per le domande infondate o inammissibili.

Regolamento Eurodac

I dati delle persone che entrano irregolarmente nell'UE, comprese le impronte digitali e le immagini del volto di chiunque abbia più di sei anni, saranno memorizzati nella banca dati Eurodac aggiornata. Le autorità potranno anche segnalare gli individui aggressivi, armati o che rappresentano una minaccia alla sicurezza.

Attribuzione delle qualifiche

Il Parlamento ha anche approvato nuove regoli comuni per tutti gli Stati membri sul riconoscimento dello status di rifugiato o di persona che gode di protezione sussidiaria e sui diritti applicabili al riguardo. Gli Stati membri avranno il compito di valutare la situazione nel paese di origine sulla base dei dati forniti dall'Agenzia UE per l'asilo. Una volta concesso, lo status di rifugiato sarà sottoposto a verifiche regolari. Chi ha richiesto protezione dovrà rimanere nel territorio dello Stato membro responsabile di esaminare la domanda o dello Stato che ha concesso la protezione.

Accoglienza dei richiedenti asilo

Gli Stati membri dovranno garantire che gli standard di accoglienza dei richiedenti asilo, ad esempio per quel che riguarda alloggi, istruzione e sanità, siano gli stessi in tutta l'Unione. I richiedenti asilo registrati potranno iniziare a lavorare al più tardi entro sei mesi dalla data di presentazione della domanda. Si procederà anche a regolamentare le condizioni di detenzione e la limitazione della libertà di circolazione, in modo da disincentivare gli spostamenti da un Paese UE all'altro.

Accesso sicuro e legale all'Europa

Il nuovo quadro per il reinsediamento e l'ammissione umanitaria prevede che gli Stati membri possano offrirsi di ospitare i cittadini di paesi terzi riconosciuti dall'ONU come rifugiati, ai quali sarà garantito un accesso all'UE legale, organizzato e sicuro.

-----------------------------------------------------------------
Una volta approvate formalmente anche dal Consiglio, le leggi entreranno in vigore dopo essere state pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell'UE. L'applicazione dei regolamenti è prevista dopo due anni. Per quanto riguarda la direttiva sulle condizioni di accoglienza, gli Stati membri avranno due anni di tempo per introdurre le modifiche nelle loro leggi nazionali.

Adottando questa relazione, il Parlamento risponde alle aspettative dei cittadini di rafforzare il ruolo dell'UE nell'affrontare tutte le forme di migrazione irregolare e di rafforzare la protezione delle frontiere esterne dell'Unione Europea, nel rispetto dei diritti umani, di applicare in modo uniforme regole comuni in tutti gli Stati membri sulla prima accoglienza dei migranti, rafforzare il ruolo dell'UE e riformare il sistema europeo di asilo sulla base dei principi di solidarietà e di equa ripartizione delle responsabilità, come espresso nelle proposte 42(2), 43(1), 43(2), 44(1), 44(2), 44(3), 44(4) delle conclusioni della Conferenza sul futuro dell'Europa. (11/04/2024-ITL/UTNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07