Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 22 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

MIGRAZIONE - FVG/SOMALIA - A TRIESTE UNA MOSTRA SU EVOLUZIONE STORICO-URBANISTICA CITTA' DI MOGADISCIO E LA PRESENZA ITALIANA AL CENTRO PIU' STRETTI LEGAMI FVG/ SOMALIA

(2024-04-18)

  Una mostra che vuole essere simbolo di un legame solido tra Italia (Friuli Venezia Giulia in particolare) e Somalia e che invita a salvaguardare le tracce di una storia millenaria e della presenza italiana in questo Paese. Un primo esercizio di ricostruzione che da un piano virtuale si propone di riscoprire la Mogadiscio di un tempo, attraverso la maestosità degli edifici in un itinerario completo tra le vie della capitale.

È quanto ha condiviso oggi l'assessore regionale alle Autonomie locali e Immigrazione del FVG all'inaugurazione della mostra "Mogadiscio e la sua evoluzione storico-urbanistica: pagine di storia della città", nella sala Sbisà del Magazzino 26 del Porto Vecchio di Trieste.
L'esposizione fa parte delle iniziative organizzate in questi giorni dall'associazione culturale italo-somala Sagal, volte a porre le basi per una collaborazione sempre più stretta tra lo Stato centrafricano e il Friuli Venezia Giulia.

Il contributo della Regione, ha ribadito l'assessore, non si esaurisce all'ospitalità di questa mostra, ma vuole completarsi con la condivisione della competenza e professionalità delle più alte eccellenze del territorio. Questo scambio favorirà l'apertura di un corridoio strategico che alimenterà i rapporti tra Italia e Somalia, unite in un clima di fratellanza di cui il Friuli Venezia Giulia è convinto ambasciatore e promotore.
Al taglio del nastro ha preso parte una numerosa la delegazione somala rappresentata, oltre che dal presidente della Comunità somala di Trieste, anche da alte cariche dello Stato tra cui il vicepresidente del Parlamento, il viceministro dell'Istruzione e dell'Educazione.

La mostra - curata dagli architetti Maria Spina e Gabriella Restaino e da Nuredin Hagi Scikei, scrittore impegnato nella difesa del patrimonio storico, archeologico e paesaggistico della Somalia - resterà aperta fino a domenica 5 maggio con il seguente orario: giovedì dalle 16 alle 19; venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19; orario continuato dalle 10 alle 19 sabato, domenica e tutti i giorni dal 25 aprile al 1° maggio.

I 47 pannelli esposti, suddivisi in 4 itinerari virtuali per un totale di circa 250 immagini, permettono di ripercorrere le strade principali di Mogadiscio, osservando le trasformazioni che ne hanno mutato l'assetto urbanistico nel corso degli anni grazie a fotografie d'epoca, cartografie, planimetrie e assonometrie. L'obiettivo è quello di costruire un "archivio della memoria" da condividere con le comunità della diaspora e di sensibilizzare le autorità somale, la cittadinanza e gli studiosi italiani sull'importanza di valorizzare il ricco patrimonio storico, edilizio, artistico e culturale tuttora conservato nella capitale nonostante la distruzione provocata dalla guerra civile.

La mostra si propone anche di produrre una sinergia tra la comunità somala e la Direzione regionale immigrazione, che si impegnano congiuntamente a registrare le problematiche sociali del territorio chiamando a raccolta enti pubblici, scuole, associazioni e altri enti per invitarli a collaborare e a condividere i processi realizzativi. (18/04/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07