Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 22 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - MEDIA E DEMOCRAZIE - DALL'OSCE "ALFABETIZZAZIONE MEDIATICA ESSENZIALE PER RAFFORZARE NOSTRE DEMOCRAZIE E MIGLIORARE RESILIENZA"

(2024-05-27)

  L'alfabetizzazione mediatica svolge un ruolo fondamentale nel garantire una partecipazione politica informata e rafforzare la resilienza delle nostre democrazie, hanno detto oggi i leader dell'OSCE all'apertura di una conferenza di due giorni che ha registrato la presenza di oltre 200 persone provenienti da tutta la regione dell'OSCE  per discutere l'interconnessione tra alfabetizzazione mediatica e democrazia.

Organizzato dalla presidenza dell'OSCE di Malta, dal rappresentante dell'OSCE per la libertà dei media (RFoM) e dall'Ufficio dell'OSCE per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR), l'evento riunisce rappresentanti degli Stati partecipanti all'OSCE, delle organizzazioni internazionali, della società civile e dei media.

L'alfabetizzazione mediatica è una priorità fondamentale per la presidenza di Malta dell'OSCE. Il ministro presidente in carica Borg ha costantemente sottolineato la sua importanza, affermando che "in un'epoca caratterizzata da flussi di informazioni rapidi e spesso incontrollati, l'alfabetizzazione mediatica non è solo benefica ma essenziale. Ciò è particolarmente vero durante questo importante anno elettorale, in cui un elettorato informato, in grado di valutare criticamente le informazioni che incontrano, rafforza la resilienza delle nostre democrazie e aumenta la fiducia nei nostri processi elettorali”.

"I progressi tecnologici hanno rivoluzionato l'accesso a una vasta gamma di fonti e strumenti sofisticati che arricchiscono il discorso pubblico. Tuttavia, i social media e l'intelligenza artificiale non solo offrono una vasta gamma di opportunità, ma anche numerose sfide, potenzialmente minacciando il dibattito pubblico democratico e minando la fiducia nei processi democratici."

"La alfabetizzazione mediatica non riguarda solo il riconoscimento delle notizie false; si tratta di consentire ai cittadini di navigare nel panorama digitale con discernimento e pensiero critico, garantendo una partecipazione democratica informata", ha affermato la rappresentante dell'OSCE per la libertà dei media, Teresa Ribeiro.

La necessità di distinguere tra informazione e disinformazione sta diventando sempre più cruciale. I partecipanti alla Conferenza inizieranno quindi con un'esplorazione approfondita del potenziale trasformativo dell'alfabetizzazione mediatica nel consentire ai cittadini di navigare criticamente in un'era digitale in rapida evoluzione e gestire le complessità delle informazioni che ricevono ogni giorno. Ciò non include solo l'importanza di coltivare le capacità di pensiero critico, ma anche la necessità di adattare il concetto di libertà dei media per soddisfare le esigenze dell'era digitale.

Il significato dell'alfabetizzazione mediatica per il processo elettorale democratico sarà un secondo obiettivo della conferenza. Le strategie per migliorare l'alfabetizzazione mediatica in particolare nel contesto delle elezioni aiuteranno a rafforzare le basi della governance democratica e a garantire che i cittadini abbiano il potere di prendere decisioni ben informate alle urne.

"Per godere appieno del diritto alla libertà di espressione e ai nostri altri diritti umani, dobbiamo avere gli strumenti e le conoscenze per leggere criticamente e mettere la vasta gamma di informazioni che riceviamo ogni giorno in un contesto più ampio", ha affermato il direttore dell'ODIHR Matteo Mecacci. "E da nessuna parte è più importante avere tutti i fatti che quando siamo in piedi in un seggio elettorale per esprimere il nostro voto".

Un ultimo argomento della conferenza è il concetto di alfabetizzazione per la libertà dei media, che mira a dotare le persone della capacità di valutare criticamente e creare contenuti di media e informazioni. Sottolineare il legame indivisibile tra libertà dei media, democrazia e sicurezza consentirà ai partecipanti di sottolineare l'importanza di proteggere la libertà dei media al fine di salvaguardare le nostre democrazie.

Le riunioni supplementari sulla dimensione umana sono una piattaforma per gli Stati partecipanti dell'OSCE e le istituzioni dell'OSCE, nonché le organizzazioni internazionali e la società civile, per scambiare opinioni e buone pratiche al fine di trovare soluzioni comuni alle sfide che le società devono affrontare in tutta la regione dell'OSCE. La discussione di oggi è la seconda SHDM del 2024, con un'altra prevista per quest'anno. (27/05/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07