Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI CITTADINI - L'EUROPARLAMENTO PREOCCUPAZIONE SU: CRITICITA' NEI PAESI UE SU DIRITTI FONDAMENTALI E REGRESSO DIRITTI DONNE E PERSONE LGBTIQ+

(2024-01-18)

Gli Eurodeputati hanno esaminato lo stato dei diritti dei cittadini nell'UE nel 2022 e nel 2023, individuando le criticità esistenti negli Stati membri.

La risoluzione, non vincolante, sullo stato dei diritti fondamentali nell'UE è stata approvata con 391 voti favorevoli, 130 contrari e 20 astensioni.

I deputati chiedono giustizia per le uccisioni di giornalisti e accolgono con favore l’accordo inter-istituzionale raggiunto sulla nuova legge sulla libertà dei media (Media Freedom Act in inglese). Ribadiscono la loro preoccupazione per l'uso di spyware, sottolineando la necessità di regolamentare rigorosamente il settore, e invitano i paesi dell'UE, in particolare Grecia, Ungheria, Polonia, Spagna e Cipro, a seguire le raccomandazioni del Parlamento.

Regresso in materia dei diritti delle donne e delle persone LGBTIQ+:
Nel testo, si evidenzia che la violenza di genere è molto diffusa in tutti i paesi dell'UE, e si condanna fermamente il rapido regresso in materia dei diritti delle donne e delle persone LGBTIQ+ in diversi Stati membri, compresa la negazione dell'accesso all'aborto sicuro e legale in Polonia.

Nel caso dell'Ungheria, il Parlamento ha invitato il Consiglio europeo a determinare se l'Ungheria abbia commesso gravi e persistenti violazioni dei valori dell'UE a norma dell'articolo 7 paragrafo 2 del Trattato UE, e condannato l’uso sistematico, da parte delle autorità ungheresi, della comunità LGBTIQ+ come capro espiatorio.

Il Parlamento ha ribadito che i negoziati sulla direttiva per combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica si concludano rapidamente, e che la violenza di genere sia inclusa nell'elenco dei reati dell'UE.

L'europarlamento ha espresso  profonda preoccupazione per il crescente livello di corruzione in diversi paesi dell'UE, e ribadito la sua condanna per i presunti incidenti che coinvolgono funzionari e politici di alto livello, compresi gli attuali e gli ex deputati.
Il quadro anticorruzione dell'UE e la direttiva sulla protezione degli informatori devono essere pienamente attuati negli Stati membri ed è necessario un organismo etico indipendente a livello dell'UE.
Il Parlamento si oppone inoltre ai tentativi dei governi di influenzare l'indipendenza della magistratura, ed ha chiesto un sistema efficace di bilanciamento dei poteri (in inglese checks and balances).

Tra gli altri settori che destano preoccupazione figurano:

-  le minacce alle libertà di associazione, di parola e di riunione, comprese le violenze della polizia e gli arresti di massa;

-  la disinformazione e gli attacchi alla libertà artistica;

-  gli incidenti causati dall’appartenenza religiosa e su base razzista, e il fatto che non tutti gli Stati membri hanno pienamente recepito la decisione quadro sul razzismo e sulla xenofobia;

-  la violenza della polizia contro il popolo rom;

-  le violazioni diffuse dei diritti fondamentali di migranti e rifugiati, e la codificazione dei respingimenti nel diritto nazionale;

- La disparità nel riconoscimento della genitorialità nell'UE;

-  il rischio di pregiudizi incorporati nelle nuove tecnologie, compresa l'IA;

-  gli attacchi ai diritti sociali, economici e ambientali (ad esempio povertà ed esclusione sociale, povertà digitale);

-  la protezione delle garanzie istituzionali (compresa l'istituzione dell'Agenzia UE per i diritti fondamentali come autorità indipendente per i diritti umani).

La relatrice Katarina Barley (S&D, Germania) ha così commentato: "Le violazioni dei diritti fondamentali sono diffuse fra gli Stati membri dell'UE. I tempi di crisi sono come una cartina tornasole, in quanto il rispetto dei diritti fondamentali non può dipendere da condizioni economiche e sociali favorevoli. Non sono facoltativi; sono l'essenza delle nostre società e un valore fondante fondamentale dell'UE." (18/01/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07