Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 22 luglio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - EUROPA/ - COMITATO EUROPEO REGIONI IMPEGNATO SULLA RIMOZIONE OSTACOLI COOPERAZIONE SERVIZI EMERGENZA (SANITARIA E NON SOLO)

(2024-06-24)

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) sta elaborando un parere d'iniziativa sul tema “Risolvere gli ostacoli alla cooperazione dei servizi di emergenza nelle regioni frontaliere dell'UE”.

Il relatore di questo parere, Pavel Branda (CZ, ECR), vicesindaco di Radlo, e il suo esperto Hynek Bohm, sarebbero lieti di ascoltare le opinioni dei rappresentanti delle autorità locali e regionali e di altre parti interessate.

Esistono molti ostacoli nella cooperazione transfrontaliera, sia legali che amministrativi, e uno dei tipi di ostacoli più segnalati è quello relativo ai servizi di emergenza. Vediamo in molti confini dell'UE che le ambulanze non possono attraversare il confine nonostante ciò metta in pericolo la vita delle persone; i cittadini non possono recarsi all’ospedale più vicino poiché si trova oltre il confine in un altro stato, e i vigili del fuoco non sono in grado di comunicare poiché utilizzano frequenze radio diverse e così via.

Questi ostacoli hanno un impatto asimmetrico sulle comunità locali lungo le frontiere interne dell’UE. Sebbene in molti casi la soluzione debba essere trovata a livello nazionale, spesso ciò non è così semplice. Probabilmente dovrebbe essere adottata una legislazione, o una serie di legislazioni, per consentire ai servizi di emergenza di cooperare senza preoccuparsi del confine, tutto nell’interesse dei cittadini.

Il CdR occupa una posizione unica tra le istituzioni dell'UE, poiché gli attribuisce la responsabilità di garantire che le esigenze delle regioni frontaliere siano prese in considerazione e di garantire che le imprese, i cittadini e le comunità locali godano dello stesso livello di servizi e standard del resto del mondo. europea, cosa che non avviene nel caso dei servizi di emergenza e dell’accesso all’assistenza sanitaria, il che è particolarmente importante da risolvere poiché tali ostacoli possono costare inutilmente vite umane.

Il relatore desidera invitare tutte le parti interessate a partecipare alla consultazione delle parti interessate di persona o online e a riflettere sulle seguenti domande:

Quali servizi di emergenza funzionano meglio nella vostra zona transfrontaliera?
Cosa ostacola i servizi di emergenza transfrontalieri nella vostra zona?
La barriera linguistica rappresenta un problema significativo in caso di emergenza?
Gli accordi bilaterali/transnazionali funzionano bene?
Quale finanziamento è più appropriato per questi tipi di servizi?
Quali servizi di emergenza sono prioritari per la tua regione?
In caso di emergenza, la risposta in un contesto transfrontaliero è abbastanza rapida?
In caso di emergenza, è stato definito il quadro giuridico nella vostra regione o si tratta di una cooperazione più ad hoc?
Quanto è importante la cooperazione transfrontaliera dei servizi sanitari di emergenza nella vostra regione?
Le prospettive future

Sarebbe opportuno adottare una nuova legislazione per risolvere alcuni di questi problemi? Se sì, a quale livello?
Sarebbe utile una maggiore armonizzazione tra gli Stati membri?
Dovrebbe essere consentito ai cittadini che vivono nelle regioni di confine di recarsi all'ospedale più vicino in caso di emergenza, anche se l'ospedale è oltre confine?
Le nuove tecnologie potrebbero aiutare ad affrontare alcuni problemi che devono affrontare i fornitori di servizi di emergenza transfrontalieri?
I GECT potrebbero svolgere un ruolo nei servizi di emergenza transfrontalieri?

È possibile trovare il documento di lavoro preparato dal relatore all'indirizzo questo link.(https://09801feb6b8b4098a1909fa5964fc421.svc.dynamics.com/t/t/wprBuQKrDxu9L6BDxnA3ZSBCX7wMz8nkE2bxxnxZx5gx/vWhBqbPyyxDZrXs1goFVhARRwuNEUafmwO3fS8GsdTsx)

La discussione finale e l'approvazione del progetto di parere sono previste per la riunione della commissione COTER del 17 e 18 settembre 2024 . Il parere dovrebbe essere approvato nella sessione plenaria del CdR del 20 e 21 novembre 2024 .

Si prega di registrarsi tramite questo link (anche per lo streaming web) (https://09801feb6b8b4098a1909fa5964fc421.svc.dynamics.com/t/t/HxYNlSfs9PxQ8V9JfQCojHd6T9xT9AeHKKCWHFawtxAx/vWhBqbPyyxDZrXs1goFVhARRwuNEUafmwO3fS8GsdTsx )

Se desiderate sottoporre un contributo scritto all'esame del relatore, inviatelo a coter@cor.europa.eu entro il 15 luglio a mezzogiorno. (24/06/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07