Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 4 marzo 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - IMMIGRAZIONE: CLICK DAY PER LAVORO DOMESTICO - PATRONATO INCA CGIL: SOLO 1/9 POTRA' ESSERE ACCOLTA QUEST'ANNO. MINISTERO RIAPRA TAVOLO CONFRONTO CON PATRONATI

(2023-12-05)

  "Ieri, lunedì 4 dicembre, alle ore 9, è scattato il click day per il lavoro domestico. Il primo dopo 11 anni. Dei 136 mila ingressi previsti per il 2023, solo 9.500 destinati al settore dell’assistenza  familiare e sociosanitaria. “Ovviamente – spiega in una nota il Patronato della Cgil -, una quotanon sufficiente a coprire il fabbisogno delle famiglie e del settore stesso, tanto che, sul portale dei servizi del Ministero dell’Interno, sono state inserite durante il periodo di pre-compila-zione:  86.074 domande per questo settore, 253.473 relative al lavoro subordinato non stagionale e 260.953 relative al lavoro stagionale, per un totale di 607.904 domande (dati del Viminale)"

Secondo Inca. “si può dire che, solo una domanda su 9 sarà accolta quest’anno”. Le 607.904 domande rappresentano un’entrata per le casse del governo pari a 9.726.464 euro solo di marca da bollo"

“Le domande devono essere trasmesse solo telematicamente e ieri, il giorno del click day, si sono confermati, per l’ennesima volta, tutti i limiti del decreto flussi – commenta Inca -, anche dal punto di vista informatico: il Portale dedicato del Ministero dell’interno è andato in tilt e si è visto un pesante rallentamento nell’invio delle domande e quindi una penalizzazione per chi aveva necessità di richiedere il nulla osta per un lavoratore del settore”.

"A questa situazione si è aggiunta la mancanza di tempestività e la confusione di alcune comunicazioni fornite dal Ministero dell’Interno", fa presente l'INCA, che rileva  “ferma restando la necessità di riforma normativa, con il supe-ramento della Legge Bossi-Fini, nel frattempo è necessario garantire a tutti la certezza di poter concorrere in modo paritario, in quanto ad oggi il nulla osta al lavoro subordinato viene concesso a chi arriva prima ad inviare la richiesta”.

Per Inca, in pratica, “viene meno il rispetto dei nostri assistiti e del lavoro svolto dagli operatori dell’Inca Cgil e di tutti i Patronati del Ce.Pa, che si sono adoperati a fornire assistenza ed informazione ma che di fatto, si sono trovati, al mo-mento dell’invio, nell’impossibilità di adempiere l’attività di tutela per queste persone.

“Invitiamo nuovamente il Ministero dell’Interno e agli altri Ministeri interessati a riaprire il tavolo di confronto con i patronati per trovare soluzioni a questi problemi affinché non si ripresentino anche il 7 febbraio data del prossimo click day”, conclude la nota. (05/12/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07