Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 31 marzo 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - PART TIME CICLICO VERTICALE - CGIL E PATRONATO INCA: GARANTIRE ESIGIBILITA' BONUS 550 EURO A TUTTI DIPENDENTI

(2023-02-09)

“L’Inps, congiuntamente con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, deve intervenire immediatamente per garantire l’esigibilità del Bonus 550 euro una tantum a tutti i dipendenti del settore privato in part time ciclico verticale, così come disposto dal primo decreto Aiuti del governo Draghi”. Ad affermarlo Corrado Ezio Barachetti, coordinatore nazionale Mercato del lavoro Cgil, all’indomani dell’incontro tra Cgil, Cisl, Uil e la Direzione Generale dell’Inps.

“Dalle rilevazioni - sottolinea Barachetti - emerge un quadro disarmante: a fronte di 64.800 domande pervenute all’Inps, le accolte sono state appena 10.655. Secondo l’Istituto, tra le cause del fallimento l’errato invio da parte dei datori di lavoro, tramite i loro consulenti, dei dati presenti nei flussi UniEmens di fatto non conformi con quanto indicato dalla circolare n.74/21, che istituiva ‘nuove modalità di compilazione’. Una situazione quindi che va affrontata celermente”.

“Assieme alle categorie Filcams Cgil e Fp Cgil continueremo ad incalzare Inps e Ministero del Lavoro affinché, in tempi molto ristretti, individuino soluzioni tecniche amministrative che possano ripristinare le condizioni di diritto. Inoltre, chiediamo all'Inps di differire le scadenze dei termini per eventuali ricorsi. Senza esiti positivi siamo pronti a mobilitarci coinvolgendo tutte le strutture amministrative decentrate dell’Inps, nonché lo stesso Ministero. L’indennità per i lavoratori a tempo parziale ciclico verticale - conclude Barachetti - va garantita e resa strutturale”. (09/02/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07